Pesic: Non sono pazzo a non fare affidamento su estranei

L’allenatore serbo Svetislav Peši ha dichiarato che non si deve scappare da estranei nella squadra nazionale di basket se si vuole essere in cima ai campionati più importanti.


Fonte: B92, Tanjung

“Negli ultimi anni, 10 o 11 americani hanno ricevuto passaporti serbi. Alcuni non sono affatto in Serbia, altri sono giocatori molto importanti o al Partizan o alla Stella Rossa o loro. Beh, non sono pazzo a non farlo. , ho per non contarli tutti. Il nostro potenziale è diminuito. Abbiamo talento, ma non come nell’ex Jugoslavia, ma la popolarità è aumentata. È interessante notare che il nostro potenziale sta diminuendo e la popolarità del basket sta aumentando di giorno in giorno E la popolarità del basket richiede lo stesso: dobbiamo sfruttare tutto il potenziale che abbiamo e faremo affidamento anche sui giocatori che hanno ricevuto il passaporto serbo per un po’.“, ha detto Pesic come ospite di Tanjug TV.

Sono passati due decenni dall’ultimo oro della nazionale, ei giocatori di basket sono riusciti a farlo nel 2002 al Mundobasket di Indianapolis, quando Pesic era il selezionatore.

A Pesic è stato chiesto se la Serbia potesse vincere il titolo europeo quest’anno, l’ultimo vinto in Turchia nel 2001.

Se non hai un sogno, allora cosa? Allora non hai niente. Se non hai obiettivi, non hai praticamente nulla. I nostri sogni e obiettivi sono la forza trainante nello sport. Quindi è sempre nella mia testa. Nella mia mente ogni giorno. , ma l’allenatore ci penserà in tempo“, ha sottolineato l’elettore.

Pesic non ha commentato molto la sua possibile apparizione nella nazionale serba di cestisti che militano nella lega NBA, ad Eurobasket il prossimo settembre.

Abbiamo contatti con tutti. E con i giocatori NBA, con Jokić e Bjelica e con Pokuševski. Abbiamo anche contatti con i nostri giocatori che sono al college e, naturalmente, con quelli in Europa. Questa è una delle attività ora, stiamo aspettando che questa finestra finisca. e dopo inizierò ad addestrarli con le visite”, disse Pesik.

Pesic ha anche toccato l’organizzazione delle competizioni nazionali per club, che ha aspramente criticato.

Abbiamo un pessimo sistema di concorrenza. Parliamo tutti e ci prendiamo in giro. Parliamo del sistema della concorrenza a livello europeo, in qualche modo è più facile per noi giudicare gli altri, ma non vediamo dove non c’è niente, cosa possiamo fare. Il livello serbo secondo me è un disastro. Per quanto lo sono io qui, nessuna intervista che non dicesse nulla sul sistema della concorrenza. Ho aspettato che i responsabili mi chiamassero e glielo dicessero, ma è molto interessante che nessuno mi abbia chiamato. tutti sono felici di non cambiare nulla. La Serbian Basketball League, dovrebbe essere organizzata in modo diverso, per dare l’opportunità ai giovani, ai giovani talenti, di poter sviluppare ulteriormente il proprio potenziale. Ecco di nuovo il messaggio, pensavo che sarebbe apparso oggi”.ha concluso Pešić.

Seguici su di noi Facebook io Instagram pagina, Indonesia Account e unisciti a noi Viber pubblico.

Rodolfo Cafaro

"Inguaribile piantagrane. Professionista televisivo. Sottilmente affascinante evangelista di Twitter. Imprenditore per tutta la vita."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.