Per un anno ha combattuto contro un cancro ai linfonodi maligni. La tecnologia moderna aiuta anche in combattimento

“Inizialmente sentivo una pressione sotto l’ascella. Ad esempio, quando guidavo o dormivo su un fianco, la sentivo. Non sentivo il nodulo, il dottore l’ha trovato durante una visita ginecologica. A quel tempo, era già 2 centimetri”, ha detto Barbora Strymplová a Novinka.

Alla fine, è stata curata per il linfoma di Hodgkin per un anno, ma prima che fosse trovata la diagnosi corretta, Barbora ha dovuto sottoporsi a una lunga serie di test. Nel suo caso, la visita iniziale al mammocentro non ha indicato che potesse avere una grave malattia.

All’età di trentuno anni, Pavla ebbe un ictus. Non solo lui, ma anche le sue due figlie ne sopportano le conseguenze

Salute

Invece di infiammazione, cancro

Tuttavia, Barbora è tornata al centro di maternità prima del check-up programmato. “Ho sentito il nodulo stesso e ho sentito come ha cambiato la sua struttura. A quel tempo, un altro medico ha anche esaminato la mia zona del torace e l’ecografia, dove ha trovato altri risultati. Successivamente è stata eseguita una biopsia”, ha detto.

Foto: archivio di Barbora Strymplová

Bára è stata curata per un linfoma per un anno.

“All’inizio non avevo paura, il dottore ha detto 50/50. Quando sono andato a ottenere i risultati, credevo ancora che fosse solo un’infiammazione. Ma il dottore mi ha invitato insieme a mia madre, quindi ho sospettato che fosse successo qualcosa”. ha spiegato, aggiungendo che anche per lei è stato difficile come la sua famiglia ha affrontato la sua malattia. “Questa malattia colpisce tutta la famiglia, non solo la persona malata”, ha aggiunto.

Barbora è stata quindi sottoposta a un altro esame, che ha confermato che la malattia era progredita fino al quarto stadio più avanzato e si era diffusa ulteriormente in tutto il corpo. Poi è stata la chemioterapia, che è stata sottoposta all’ospedale Vinohrady di Praga in sei cicli ogni tre settimane.

“Per le prime due settimane una persona è come la birra, non vuole fare niente, il corpo è stanco, non so nemmeno leggere. Non vado nemmeno al lavoro per via del trattamento”, un giovane disse una donna a Novinka.

La terapia protonica come delicata alternativa alle radiazioni

Anche dopo la chemioterapia, non ha vinto, ma il riesame ha mostrato che il trattamento aveva causato in lei una reazione metabolica, che potrebbe indicare un’infiammazione nel corpo o un altro linfoma. L’irradiazione fotonica di solito aiuta in questo senso, ma tende ad essere un onere maggiore per il paziente rispetto alla chemioterapia, poiché le cosiddette radiazioni ionizzanti possono causare effetti indesiderati in futuro.

Convive con la sclerosi multipla da vent’anni. Anche se non riesce a controllare le sue mani, lavora e aiuta gli altri

Salute

Un’alternativa è la protonterapia, che distrugge le cellule tumorali in modo mirato irradiando protoni e che è l’unica in Repubblica Ceca dedicata al Proton Center di Praga. Secondo il direttore del suo dipartimento sanitario, Jiří Kubeš, questo trattamento è particolarmente adatto per i giovani pazienti, come Barbora, che è stata curata qui lo scorso giugno.

“Per i giovanissimi le possibilità di guarigione sono elevate, il timore è ancora maggiore per i possibili effetti collaterali delle radiazioni ionizzanti, che a volte compaiono anche dopo venti o trent’anni”, spiega Jiří Kubeš.

La più moderna tecnologia protonica, chiamata metodo di scansione a matita, consente loro di prevenire questo effetto collaterale, quando possono mirare e irradiare aree tumorali con fasci di protoni con precisione millimetrica, con danni minimi ai tessuti e agli organi sani circostanti.

Foto: linfoma di Hodgkin – esperienza di vita

Una giovane donna perde i capelli a causa delle cure.

“La radiazione protonica è molto efficace nell’eliminare la malattia tumorale residua, ma forse ancora più importante riduce il rischio di possibili complicazioni in futuro. Per una percentuale significativa di pazienti, il trattamento è appropriato e fornisce loro la protezione dei tessuti sani dagli effetti negativi delle radiazioni ionizzanti”, spiega Kubeš.

Tra le altre cose, il centro si concentra anche sul trattamento del cancro del polmone, del sistema nervoso centrale, della testa e del collo, della prostata e della mammella. Dalla loro fondazione nel 2012, hanno curato quasi 8.000 pazienti provenienti da 50 paesi.

Inoltre, la protonterapia è attualmente in fase di sostituzione e, secondo Kubeš, hanno un’ottima collaborazione con le compagnie di assicurazione sanitaria.

La malattia gli ha aperto gli occhi

Il trattamento con radiazioni protoniche ha finito per aiutare anche Barbora. “Quando mi hanno detto che ero in buona salute, è stata una sensazione incredibile. Non si può nemmeno descrivere. Sono stato molto felice di poter sottopormi a radiazioni dopo il trattamento, perché era certo che la malattia non si sarebbe ripresentata, ” ha detto, aggiungendo che grazie alla malattia che sembrava aver fatto strada. Superato, cambiano anche le sue priorità di vita.

Il trattamento dei tumori con protoni diventerà lo standard, afferma Jiří Kubeš, capo del centro protoni

Scienza e scuola

“Si inizia ad apprezzare di più la vita. Ad esempio, comincio a viaggiare di più. Ora penso anche di più che riposare dopo il lavoro sia un bene e a volte mi dico che invece di cucinare, ordinerò il cibo quando le finanze lo permetteranno”, aggiunge con un Sorridi.

Marinella Castiglione

"Tipico risolutore di problemi. Incline ad attacchi di apatia. Amante della musica pluripremiato. Nerd dell'alcol. Appassionato di zombi."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.