Per lo più dalla Cina, poi dall’Albania, dall’Italia

Al giorno d’oggi, nessuna celebrazione delle vacanze in Serbia è priva di fuochi d’artificio. Fino a poco tempo fa, qualcosa riservato solo al capodanno, è oggi praticato per la celebrazione di festività religiose e “private” – dai compleanni alla nascita di un bambino. Cinque anni fa, come confermato per il portale H1 dall’Ufficio di Statistica della Repubblica, la Serbia ha importato 563 tonnellate di prodotti pirotecnici per fuochi d’artificio in 12 mesi, mentre l’anno scorso questa quantità ha raggiunto le 909 tonnellate. Tuttavia, anche in questi cinque anni, ci sono stati “alti” e “ribassi” in termini di numeri in entrata nel Paese.

L’anno scorso, la Serbia ha importato 888 tonnellate di fuochi d’artificio dalla Cina.

Abbiamo ricevuto 17 tonnellate dall’Albania e due tonnellate dall’Italia e dalla Spagna, secondo i dati inviati al portale H1 da SSO.

Quando sono arrivati ​​i fuochi d’artificio da Gran Bretagna, Slovacchia, Repubblica Ceca e Paesi Bassi, sono state realizzate 909 tonnellate di fuochi d’artificio, per un valore di 1,4 milioni di euro, quando sono entrati nel nostro Paese lo scorso anno.

Tuttavia, le importazioni dal Regno Unito sono registrate solo in valore – 24 dinari e dalla Slovacchia 35 dinari, quindi si calcola che le importazioni in euro da questi paesi siano – zero.

Fonte : RZS

Durante il primo anno di pandemia -2020 – abbiamo importato 686 tonnellate di prodotti pirotecnici per fuochi d’artificio, per un importo inferiore al milione di euro (937.000 euro).

Il principale paese importatore a quel tempo era la Cina e, accanto ad essa, l’Italia con una tonnellata di prodotti pirotecnici.

Dall’Olanda 81 dinari

È interessante notare che le statistiche ufficiali per il 2020 registrano anche l’importazione di questi prodotti dai Paesi Bassi, ma il loro valore è di soli 81 dinari, ovvero – come ufficialmente mantenuto – un euro.

Prima della pandemia, le importazioni erano più elevate: 887 tonnellate nel 2019 e quasi tutte dalla Cina. Gli importi importati dall’Italia e dai Paesi Bassi sono irrisori e valgono rispettivamente solo tre e un euro.

Nel corso del 2018 si sono registrate importazioni di questi prodotti solo dalla Cina per 901 tonnellate per un valore di 1.216 milioni di euro. Si tratta di una crescita significativa – fino al 60 percento, rispetto al 2017, quando 563 tonnellate di prodotti per fuochi d’artificio sono state importate in Serbia da Cina, Italia, Repubblica Ceca, Germania e Regno Unito. Secondo i dati del Republican Bureau of Statistics, nel 2017 sono stati pagati 639.000 euro per queste importazioni.

Quanti

Le importazioni di prodotti pirotecnici per fuochi d’artificio nel 2021 pagano 1.446.000 euro. Parte di questo sono ovviamente i fuochi d’artificio che illuminano la capitale e altre città della Serbia durante la notte di Capodanno.

Quanti soldi vengono assegnati individualmente per i fuochi d’artificio – sono dettagli che non sono stati divulgati individualmente.

Come ha scritto H1, Belgrado ha pagato cinque milioni di dinari per i fuochi d’artificio davanti all’Assemblea, ovvero circa 42.500 euro – come recita la decisione di aggiudicazione dell’appalto, presa due giorni prima dei festeggiamenti di Capodanno – il 29 dicembre 2021.

Va tenuto presente che sono state acquistate più di 11.000 batterie a scatola (cartucce singole), oltre a diverse centinaia di tipi di fuochi d’artificio e altri dispositivi pirotecnici, come candele romane, varie bombe effettrici e set di comete.

Non si sa quanto sia stato prezioso il lavoro di organizzazione del secondo spettacolo pirotecnico – nella regione di Belgrado sull’acqua – perché, secondo H1, è stato pagato da una società privata – “Belgrado sull’acqua”.

Romana Giordano

"Scrittore estremo. Appassionato di Internet. Appassionato di tv freelance. Appassionato di cibo malvagio. Introverso. Pensatore hardcore. Futuro idolo degli adolescenti. Esperto di bacon."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.