Paura del futuro olimpico da sport equestri rischiosi

La gioia di molti cavalieri è stata immensa quando il boss del CIO ha camminato sul terreno polveroso ai Campionati del Mondo in Italia. Lo sport equestre vive quasi permanentemente nella paura di perdersi le Olimpiadi, in particolare l’evento. Troppo costoso, troppo complicato, troppo pericoloso – e dopo il drammatico pentathlon di Tokyo, anche le discussioni sul benessere degli animali sono aumentate.

Thomas Bach fu così corteggiato e accudito alla Rocca di Papa. Seguito da un gruppo della Federazione equestre internazionale (FEI) attorno al presidente Ingmar de Vos, il capo del CIO ha visto cosa è successo nella sede delle Olimpiadi del 1960. Anche il presidente del Comitato olimpico internazionale si è preso del tempo per chiacchierare, come con il campione del mondo tedesco Bettina Hoy. E poi anche parole di elogio alla FEI.

“Quello che si vede a questo evento è il miglioramento della sicurezza e della salute del cavallo con attrezzature meccaniche sugli ostacoli e con altre misure dettagliate”, ha detto Bach all’agenzia di stampa tedesca. “Dimostra davvero che queste domande vengono prese sul serio”.

Il CIO vede progressi

Alla domanda sulla paura di perdere le Olimpiadi, il capo del CIO ha risposto: “Quello che posso dire è che stiamo assistendo a progressi e siamo molto soddisfatti che l’associazione abbia riconosciuto il problema e stia lavorando duramente per garantire che ospitare l’evento sia più economico. È promettente e lo supportiamo”.

“Sta andando nella giusta direzione”, ha detto Bach. Insomma, molto resta da fare. Soprattutto dopo il fallimento del pentathlon di Tokyo, quando Annika Schleu ha combattuto contro il cavallo a cui era stata assegnata, le discussioni sul benessere degli animali sono state un ulteriore problema per lo sport equestre, soprattutto nel Nord Europa.

“Naturalmente abbiamo paura che succeda anche a noi”, ha detto il presidente dell’Associazione equestre tedesca, Hans-Joachim Erbel, che ha anche parlato brevemente con Bach. “Alla fine siamo rimasti colpiti, perché per il pubblico non importa se il pentathlon moderno appartiene o meno alla Federazione equestre tedesca, per loro è cavalleria”.

problemi di costi e sicurezza

2024 a Parigi, il salto farà per l’ultima volta parte del pentathlon olimpico. Michael Dörr, presidente dell’Associazione tedesca, crede addirittura che tutti gli sport equestri “un giorno potrebbero cessare di essere Olimpiadi”. La sua previsione: “La prima cosa che vola via è un viaggio di fondo all’evento”. E Dörr ha aggiunto: “Esatto!”

Oltre alle tasse per i corsi di sci di fondo, il battle riding a tre ha principalmente problemi di sicurezza. Questo diventa chiaro dopo ogni incidente con un cavallo morto, come è successo di recente al CHIO di Aquisgrana. Quattro animali sono morti in competizioni internazionali quest’anno e, secondo la FEI, l’ultimo cavaliere a morire è stato nel 2017. “Gli eventi stanno diventando più sicuri, ma ovviamente c’è sempre un rischio residuo”, ha affermato il presidente dello sport equestre tedesco.

La campionessa olimpica Julia Krajewski è a conoscenza delle discussioni sul suo sport: “È sempre sotto controllo”. Per il pilota, che ha vinto l’oro a squadre e l’argento individuale ai Mondiali, “la sicurezza è molto, molto importante”. Importante è anche l’addestramento di cavalieri e cavalli, soprattutto nella fascia di età più giovane. Hoy la vede allo stesso modo. “Deve essere guidata meglio”, ha detto il campione del mondo della squadra: “Una buona guida è molto importante in termini di sicurezza”.

Sono sufficienti questi sforzi? “Vale la pena difendere le Olimpiadi di questo sport”, ha affermato il capo dell’Associazione equestre tedesca: “E spero che il signor Bach arrivi alla stessa conclusione durante la visita”.

Gerardo Lucchesi

"Esploratore hardcore. Fanatico della musica hipster. Studioso del caffè malvagio. Appassionato sostenitore della tv."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.