Oasis Wildlife Fuerteventura denuncia due individui che maltrattano animali per mostrarlo sui social

Il centro di salvataggio e recupero delle specie di Fuerteventura, Oasis Wildlife, è stato costretto a denunciare alla Corte due giovani italiani, che hanno condiviso contenuti audiovisivi e fotografici su diversi social network (Instagram e YouTube i primi) in cui hanno mostrato scene di animali abusi all’interno e all’esterno del centro, oltre ad altri atti vandalici in tutta Fuerteventura (distruzione di veicoli, strutture turistiche e patrimonio naturale dell’isola)

I due imputati sono entrati nel centro di soccorso il 23 aprile, in pieno giorno e hanno scavalcato illegalmente la barriera di sicurezza. Lì intimidiscono e abusano psicologicamente di diversi animali del centro. Il video mostra uno spettacolo contro Sagar, un primate della specie Macaco de Bonet, dove sfruttano l’impossibilità di difendere questa creatura vivente. In effetti, gli animali di cui venivano presi in giro erano stati precedentemente vittime del traffico illegale e dell’abuso di animali. Questo esemplare è arrivato cinque anni fa al centro di salvataggio Oasis Wildlife per essere riabilitato dalle gravi conseguenze che ha avuto, a seguito della sua confisca in un’operazione su larga scala effettuata in Germania da una rete di contrabbandieri. Dopo l’attacco, mostra un comportamento stereotipato, dovuto alla frustrazione negativa generata da situazioni stressanti.

Successivamente, saltano la recinzione di massima sicurezza del centro di soccorso, entrano nella struttura, che è indicata come estremamente pericolosa e contrassegnata con il codice rosso nel protocollo di gestione OWLF, come la savana delle giraffe e l’area degli elefanti africani. , disturbare gli animali e cambiare il loro comportamento. Nel caso degli elefanti, sono andati direttamente dall’esemplare salvato di nome Diuna, anch’egli vittima di abusi in passato. Gli elefanti africani rispondono negativamente al disturbo del soggetto.

Entrambi sono stati espulsi dal team di Oasis Wildlife dopo aver visto il comportamento innaturale e sono stati anche criticati da diversi visitatori del centro che hanno osservato il comportamento spregevole di questi due soggetti.

Fuori dai centri di soccorso, le persone acquistano criceti e li mettono in palline di plastica per esercizi per questo, più del tempo consigliato, e senza pietà, si dedicano senza pietà a lasciare palline con animali all’interno, in vari negozi. centro, per registrare la stessa triste reazione. Alla fine lo hanno restituito al negozio dove è stato acquistato, dimostrando ancora una volta che tutto ciò che volevano era produrre contenuti audiovisivi a spese della sofferenza degli animali.

Nel video che è stato trasmesso, si vede una scena del crimine grave di abuso di animali, che non ha altro scopo che il ridicolo, genera profitti sui social network e ispira gli altri a imitare questo comportamento.

Un atto molto grave che deve avere delle conseguenze

Da parte della dirigenza di Oasis Wildlife hanno voluto sottolineare il loro energico rifiuto delle scene girate in video e indignati per le azioni dei due giovani, assicurando che “non si tratta di uno scherzo da ragazzi, ma di un atto di totale premeditazione e ingiustificato maltrattamento degli animali.” Si tratta di un atto vandalico molto grave, che non ha nulla a che vedere con l’intrattenimento sui social network, o con la società in generale e dovrebbe essere punito, quindi non costituisce un esempio. Guacimara Cabrera, manager di Oasis Wildlife Fuerteventura.

“La cura e il rispetto di tutti i nostri animali è per noi della massima importanza, perché siamo qui per proteggerli e per questo abbiamo programmi veterinari specializzati, arricchimento, nutrizione e addestramento degli animali, nonché programmi educativi in ​​cui, davvero, un messaggio di rispetto, ammirazione per la natura e la necessità di proteggerla viene trasmesso al pubblico e alle nuove generazioni” “Non c’è tolleranza zero per questo atto sconsiderato e vandalico”, ha affermato Cabrera, Oasis Wildlife Manager.

Sostegno dell’associazione

Il presidente in carica dell’Associazione spagnola dei primatologi (APE), Miquel Llorente, e l’eletta, Ana María Fidalgo de las Heras, hanno espresso il sostegno del consiglio di amministrazione di questa associazione a Oasis Wildlife e hanno condannato le azioni degli aggressori. “Situazioni come queste mettono a serio rischio il benessere degli animali, molti dei quali in fase di riabilitazione”, hanno sottolineato nella loro lettera. “Le brutte esperienze vissute dagli animali, come in questo caso, comportano una serie di conseguenze psicologiche ed emotive negative, che richiedono un lungo e complesso percorso di recupero e riabilitazione. Qualsiasi tipo di squilibrio e cambiamento può causare gravi danni all’animale. salute degli animali

Inoltre, varie organizzazioni vogliono unirsi alla lotta contro lo sfortunato evento e dare il loro sostegno al centro. “Vorremmo estendere il nostro sostegno a Oasis Wildlife Fuerteventura, condannando gli eventi subiti il ​​23 aprile 2022 e che l’entità ha condannato. Ti esortiamo a intraprendere un’azione legale appropriata, che assicuri che si verifichi questo tipo di vandalismo. non succede più”, ha affermato Erik Peeters, direttore esecutivo della Foundation for Animal Advocacy and Protection (AAP).

Intanto il dott. Francisco Javier Almunia Portolés, presidente dell’Associazione degli zoo e degli acquari iberici (AIZA), ha dichiarato: “Siamo molto dispiaciuti che qualcuno possa divertirsi nel vedere come due mascalzoni hanno attaccato la barriera di sicurezza centrale, per intrufolarsi illegalmente e poi causare a tutti sorta di disagio. sugli animali. Il maltrattamento degli animali è un comportamento del tutto ingiustificato, che dovrebbe essere punito e dovrebbe essere vietato caricarlo sui social network”

Il gruppo imprenditoriale che ha formato Koala Pets, desideroso anche di esprimere la propria rabbia e offrire il proprio sostegno a Oasis Wildlife, perché il criceto è stato acquistato nel loro negozio, è stato anche vittima delle lamentele di questi due individui che hanno dichiarato: “Ribadiamo il nostro rifiuto assoluto degli atti vandalici perpetrati presso Oasis. Wildlife, mostra il nostro più sincero sostegno a questa organizzazione e sollecita le autorità competenti a continuare a identificare i singoli aggressori e ad intraprendere le azioni necessarie affinché questo tipo di atto degradante nei confronti degli animali non si ripeta”.

Azione pianificata contro la sicurezza

Il Centro ha portato i fatti all’attenzione dei Tribunali e Consolati italiani, che sono stati sollecitati ad agire, affinché questo grave evento non si ripeta. I giovani criticano continuamente lo spettacolo, con le loro azioni fuori e dentro il centro, azioni progettate per aggirare le regole stabilite nelle diverse regioni dell’isola. Nel caso di Oasis Wildlife, sfruttano il cambio della guardia presso la struttura, per accedere ad aree riservate, dove si trovano gli animali (tutti classificati come estremamente pericolosi dal protocollo di sicurezza e gestione OWLF).

Con questo grave atto, le persone censurate rischiano non solo la vita, ma anche quella di altri visitatori, gli stessi animali, nonché i lavoratori del centro, se devono intervenire per agire, di fronte a un pericolo imminente. Oasis Wildlife ha protocolli di sicurezza dettagliati e un team che monitora giorno e notte per rispettare le regole per la protezione degli animali e delle persone.

Contenuti come questo possono essere molto pericolosi, in quanto possono “normalizzare” il trattamento irrispettoso degli animali, anche per gli utenti più giovani della tua piattaforma. Aumenta anche il rischio di comportamenti “imitazione” di questo atto spregevole, da parte di altri.

Campagna di sensibilizzazione sui social

A seguito di questo incidente, Oasis Wildlife ha deciso di lanciare una campagna di sensibilizzazione sugli abusi sugli animali sui social network. Il centro di recupero delle specie, che nel 2019 ha lanciato la sua campagna “Chi parlerà per me” contro abusi e abbandono, intraprenderà nuove azioni il prossimo settembre per sensibilizzare sull’uso della rete e sulla protezione delle specie. L’obiettivo del centro è quello di educare alle buone pratiche e alla protezione della nostra biodiversità. Oasis Wildlife vuole evitare che le azioni di questi due vandali diano l’esempio per una nuova generazione.

Rodolfo Cafaro

"Inguaribile piantagrane. Professionista televisivo. Sottilmente affascinante evangelista di Twitter. Imprenditore per tutta la vita."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.