Nuovo caos mondiale / 16: Il mondo con l’ex frontiera non esiste più – e Giannis Michailidis

“Finora credevamo che la formazione del mito cristiano sotto l’impero romano fosse possibile solo perché la tipografia non era stata ancora inventata.

D’altra parte, la stampa quotidiana e il telegrafo, che diffondevano in un istante le loro scoperte sulla terra, producevano più miti (e i tori li credevano e li propagavano) in un solo giorno di quanti ne potessero essere costruiti in un secolo. . » (Karl Marx, lettera a Kugelmann 27 luglio 1871)

“Mamma, volevo solo farti sapere che sono ancora vivo e spero di tornare presto a casa” (Alexander Drueke – ex sergente dell’esercito americano catturato dalla Russia in Ucraina)

scrivere Sandro Moiso: Citando la fredda rappresentante del ministero degli Esteri russo, Maria Zakharova, in un’intervista a SkyNewsArabia, dove ha affermato che “l’Ucraina che conosciamo, all’interno di quei confini, non esiste più. Questi confini non esistono più”, si potrebbe dire che il mondo emerse dalla Seconda Guerra Mondiale e dalla fine della Guerra Fredda erano stati finalmente definiti i confini dati sotto gli auspici dell’impero occidentale e americano, non solo, ma gli strumenti che quest’ultimo aveva fornito loro per violarli ovunque , almeno a livello commerciale ed economico, cioè la globalizzazione, è in costante declino, è in occidente.

L’evidenza non è solo una guerra di circa 120 giorni in cui, dichiarando una vittoria militare e sanzioni avventate sulla Russia o cercando nello sterco di Putin segni di cancro o altre malattie che indicherebbero una fine imminente, i rappresentanti politici e dei media occidentali si sono comportati come borghesi mucche, quello che Marx disse a Kugelman nel 1871, ma anche l’andamento della battaglia, con la lenta ma progressiva avanzata delle truppe russe in prima linea, e quello che abbiamo visto e sentito al St. 25 San Pietroburgo (SPIEF).

Un forum in cui, dopo un’iniziale presa in giro della stampa mainstream italiana che tendeva a caratterizzarlo come “sfortunato Davos”, hanno partecipato rappresentanti economici e politici di circa 140 paesi e rappresentanti delle maggiori aziende francesi, canadesi, americane e di altro tipo “anti- campagna del governo”. Putin” e l’Occidente “filo-ucraino” (tra cui Unicredit e Associazione Confindustria-Industriali Italiani). Come a sottolineare che se si potessero boicottare le Olimpiadi invernali di Sochi, lo stesso non si potrebbe fare con il Forum che si terrà sulla costa baltica.

Approfittando di questa situazione contraddittoria, il 17 giugno lo stesso Vladimir Putin è intervenuto presentando una visione strategica degli interessi russi, ma non solo, che, al di là di evidenti ragioni propagandistiche, conteneva molti motivi di interesse. Infatti, nei giorni in cui i rubinetti di Gazprom verso l’Europa hanno cominciato a chiudersi, nonostante la minaccia di sanzioni imposte da quest’ultima all’economia russa, il Presidente della Federazione Russa può confermare:

“Gli Stati Uniti pensavano che fosse l’unico centro del mondo”, ma “l’era del monopolio mondiale è finita”, un cambiamento storico “irreversibile”. […] Invece, “cambiamenti tettonici e rivoluzionari stanno avvenendo nell’economia e nella politica internazionale” 2.

“Niente sarà più come prima, ma niente durerà per sempre”, ha detto il presidente della Federazione Russa. “I nostri partner in Occidente minano deliberatamente le relazioni internazionali in nome della loro illusione geopolitica”. “Giocano solo da un lato del campo”, ma in queste condizioni “il mondo è instabile”.
[…] Le sanzioni contro la Russia sono “stupide e sconsiderate, l’obiettivo è distruggere l’economia della Federazione Russa, ma senza successo”. “Le oscure previsioni sull’economia russa fatte all’inizio della primavera erano sbagliate. “La struttura delle sanzioni occidentali si basa sulla falsa premessa che l’economia della Federazione Russa non è sovrana”, ma, spiega, “la Russia non seguirà mai la strada di autoritarismo, nonostante il sogno occidentale. ». […] Ha affermato che “l’inflazione nell’UE è superiore al 20% e l’Europa perderà più di 400 miliardi di dollari a causa delle sanzioni contro la Russia e questo aumenterà la disuguaglianza sociale”. Ha aggiunto: “Alcune valute del mondo si stanno suicidando” […] Il leader del Cremlino ha descritto la politica occidentale come “predatoria e coloniale” senza esitazione.
3.

Tuttavia, il giorno successivo, HermanGref, capo di Sberbank, la più grande banca russa, ha in parte smorzato l’ottimismo di Putin, dicendo che la Russia avrebbe bisogno di almeno un decennio per tornare ai livelli prebellici quando i paesi si sono separati. % delle sue importazioni sono state responsabili sui rapporti con la Russia, secondo il ministro degli Esteri Lavrov, che, secondo l’agenzia di stampa Tass e poi Adnkronos (giovedì 16 giugno 2022), in un’intervista a margine dello stesso Forum su Ntv, ha affermato : “I contatti con l’Europa non sono più ‘prioritari’.” Lavoriamo sempre con Ovest ed Est, Nord e Sud. Dal momento che l’Occidente ha interrotto ogni contatto, abbiamo oggettivamente lavorato con l’Oriente come prima. Stiamo ampliando i contatti con l’Est. In termini assoluti questi contatti sono in aumento, mentre in termini relativi l’Europa è scomparsa dalle nostre priorità”.

Quando parla di Oriente, Lavrov intende in primis Cina e India, ma è impossibile non pensare alla Turchia (la cui compagnia è pronta a sostituire le compagnie occidentali che hanno lasciato il territorio russo dopo le sanzioni), ai Paesi arabi. Iran, Pakistan, Indonesia e molti altri, senza tener conto della sfera di influenza cinese nella penisola dell’Indocina (dove costruire nuove basi militari) e Singapore (un importantissimo centro economico-finanziario) dove la popolazione è quasi interamente di origine cinese.

Tutto ciò apre nuovi scenari a livello storico e geopolitico poiché questa regione si estende dal confine orientale dell’Europa al Mar Cinese, attraverso l’Oceano Indiano e lo Stretto di Malacca, e comprende quasi i due terzi della popolazione mondiale. copre tutta Hartland-entroterra e molto di lui angolo-Rimland dove si tiene sempre conto del controllo, insieme al mare, di una potenza navale, come gli Stati Uniti, per limitare l’espansione della prima (quando copre solo il territorio russo) 4.

Un evento davvero rivoluzionario dal punto di vista geopolitico, che per certi versi è stato preceduto dall’apertura della moderna Via della Seta Cinese (ancora qui ancora qui), che attualmente rischia di acquisire un’importanza strategica fondamentale non solo dal punto di vista economico, ma anche da quello militare. Perché la ridefinizione delle destinazioni delle materie prime e delle rotte commerciali su scala globale potrebbe costituire la base non solo per un nuovo quadro di alleanza, ma anche per un ulteriore impulso, se necessario, delle regioni del mondo, non solo in Europa, e dei dormienti governi occidentali . Una guerra in cui, come previsto, nessuno dei protagonisti sulla scena abbandonerebbe l’uso delle armi nucleari invece di arrendersi.

Questo scenario, in cui nessuna class action è prevista dai grandi uomini della Terra contro l’imperialismo da nessuna parte, come è stato detto in più di un caso, anche in assenza di ulteriori classi, è antimperialista e antimperialista. il movimento militarista internazionale, tuttavia, potrebbe portare, in caso contrario, a scomparire, almeno a una riduzione dell’importanza dell’imperialismo finora dominante, dell’Occidente guidato dall’Occidente, e della sua ulteriore divisione al suo interno. E a livello militare

Piaccia o no, il nuovo ordine multipolare immaginato dalla strategia di Putin ha in realtà questa caratteristica: aprire un tempo di conflitto che sarebbe molto più difficile e più lungo da stabilizzare rispetto al secondo dopoguerra, dividendo il mondo solo tra due vincitori uguali. Molti vincitori, si potrebbe dire, equivarrebbero a molti nemici e molti conflitti, e sociali, dove la scelta del campo rivoluzionario potrebbe essere meno incentrata sull’appoggio di una delle parti coinvolte, ma, ovviamente, sempre di più. per la sicurezza delle specie. Contro il capitalismo e l’imperialismo, invece, in qualsiasi aspetto o colore possono riapparire.

(16 – continua)

  1. La battaglia ha rivelato un enorme consumo di munizioni, abbiamo pensato – rileva l’istituto britannico della Russia – che l’uso delle cosiddette bombe intelligenti avrebbe ridotto l’uso delle “normali” (meno accurate), ma per il resto non è così. La guerra è avida di vita, di materiali, di bombe. A meno che non ci sia una vittoria decisiva in vista, i leader devono cercare alternative. I difensori avranno un ulteriore problema: mantenere il supporto della NATO ad un livello elevato. In questi giorni hanno ricevuto garanzie con varie formule. Gli Stati Uniti hanno lanciato un altro “pacchetto”, altri Paesi hanno promesso una fornitura importante. Il primo ministro britannico Johnson ha offerto un programma che consentirebbe la formazione di 10.000 ucraini ogni 120 giorni, ma ha avvertito del pericolo di una crescente “stanchezza” in Occidente. Come ha detto di Washington l’ex ambasciatore degli Stati Uniti IvoDaalder, ci sono due strade: uno status quo sanguinoso e prolungato o una cessazione o riduzione del sostegno.” (Andrea Marinelli e Guido Olimpio, Eserciti impantanati e migliaia su vittime. Sivaversolascenariocoreano?, Truppe in stallo e migliaia di vittime. Siamo diretti verso la sceneggiatura coreana?“Corrieredellasera”, 19 giugno 2022)
  2. VladimirPutin: “Ilmondo è intercambiabile, il dominio ereditario dell’America è limitato”, Il mondo è cambiato, l’era del dominio americano è finitaHuffington Post, 17 giugno 2022
  3. Putin: “L’era del mondo dominata dagli Usa finita per sempre”. E attaccala»L’era del mondo dominato dagli Usa è finita per sempre” e ha attaccato l’UeRaiNews, 17 giugno 2022
  4. A proposito di questi concetti vedi qui qui
  5. Post scriptum, per venire un po’ al nostro: Libertà per Giannis Michailidis
  6. Lo sciopero della fame è l’ultima risorsa di un prigioniero per rivendicare ciò che è stato saccheggiato in modo disperato e vendicativo. “Dopo 8,5 anni di carcere, dopo tutti questi abusi contro di me, ho deciso di porre fine ai miei 11 anni di sofferenza alzando il limite per la pratica della custodia cautelare o evadendo le sentenze con scappatoie legali”, ha detto. scrisse Micheleide. Ha proseguito: “Dopo altri 5 mesi di custodia cautelare, ho fatto lo sciopero della fame con l’obiettivo della mia scarcerazione. Questa scelta, con la profonda motivazione dell’ambita libertà, intendo sostenere con la stessa coerenza che ho supportato finora e per questo si sono vendicati di me”.
  7. In questo caso, i ripensamenti non corrispondono. La solidarietà con i detenuti che affrontano questo comportamento di ritorsione è un obbligo sociale e un dovere politico.

Michalis ‘Mikis’ Mavropoulos carmillaonline

Xaviera Violante

"Premiato studioso di bacon. Organizzatore. Devoto fanatico dei social media. Appassionato di caffè hardcore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.