nuova competizione di auto ecologiche

Di fronte alle sfide ecologiche, anche gli sport motoristici si stanno rivolgendo all’elettrificazione. E per prepararsi al meglio alla nuova generazione di piloti elettrici, è nato il campionato E-Kart di Monaco con motore elettrico da competizione. Test !

L’elettrificazione non è più solo per l’auto di tutti. Le corse motociclistiche sono anche molto interessate alle questioni ecologiche e agli impatti ambientali. Dopo la Formula 1, l’auto WRC è ora un’ibrida, così come il mostro che sarà inserito nella categoria LMPH. Ma sono apparse anche nuove serie elettriche, come la Formula E, ma anche Extreme E, eTCR o MotoE, che accoglieranno una nuova generazione di piloti elettrici.

Consapevoli delle sfide che ci attendono e per preparare al meglio un pilota che è sicuro di perdere una di queste competizioni elettriche in pochi anni, Clivio Piccione e il suo team hanno quindi avuto l’idea di creare il Campionato Monaco E-Kart. L’obiettivo di questo vestibolo di Formula E: consentire ai più giovani di sviluppare le proprie capacità di guida in competizione e puntare alle categorie principali.

Monaco E-Kart punta sull’ecologia

Ma l’idea dei monegaschi non è stata motivata solo dall’apprendimento della concorrenza più giovane. La serie mira anche a riportare le corse motociclistiche nel centro della città, cosa possibile solo con i motori elettrici, sensibilizzando le generazioni future sulla protezione dell’ambiente. Tanti gli obiettivi condivisi con il Regno che trionfò sul principe Alberto II, campione del campionato attraverso la sua omonima fondazione.

Perché la competizione non si accontenta solo di far correre i kart elettrici, ma anche di ripensare tutte le procedure ecologiche a monte ea valle di ogni gara. Pertanto, il team Monaco E-Kart promette uno smistamento selettivo durante la competizione e utilizzerà pneumatici da corsa con uno schema circolare. Le bottiglie d’acqua usate saranno completamente riutilizzabili e tutta la logistica (trasporto dei kart, attrezzature e personale) sarà fornita dalla rete elettrica!

Nel roster più sociale, il campionato privilegia l’uguaglianza. Ciò significa che tutti i piloti avranno lo stesso kart, con lo stesso numero di pneumatici per stagione e le stesse impostazioni di telaio e motore. L’obiettivo è permettere a tutti di partire equamente, evidenziando ulteriormente le capacità di ogni pilota.

Questa competizione elettrica consentirà a 75 concorrenti di gareggiare sul circuito urbano di Monaco, ma anche in Francia e in Italia. Ci saranno 25 piloti per categoria di kart elettrici. Il primo, con una potenza di 7 kW, è destinato ai più piccoli dai 7 agli 11 anni. La seconda, per 18 kW di potenza, offre un volante per ragazzi dai 12 ai 14 anni. La categoria più alta è riservata ai piloti dai 15 anni in su. Questa è l’ultima versione che abbiamo avuto il privilegio di testare sul kartodromo del circuito del Paul Ricard.

Monaco E-Kart ai margini delle categorie principali

Rispondendo alla categoria EK1, il kart più grande è basato sul telaio da competizione Charles Leclerc. L’omologazione CIK-FIA si distingue dalle altre con una configurazione tecnica più sofisticata, comprensiva di due freni a disco anteriori. Originariamente adattato a un kart termico, il telaio mantiene un serbatoio al centro, che verrà poi riempito d’acqua per compensare i piloti più leggeri. Quindi per te non è necessaria nessuna caduta, il limite massimo di 210 kg per le competizioni è stato facilmente superato.

Non a caso, il gruppo motore/batteria rappresenta la maggior parte della massa di questo kart senza pilota da 135 kg. L’assemblaggio meccanico è stato fornito da Blue Shock Race, azienda lettone che si è rivolta allo sviluppo della meccanica elettrica per kart. Il set è composto dal motore/convertitore a destra e dalla batteria a sinistra. Dal totale annunciato a 53 kg, questi due pezzi bilanciano il peso, con una massa inferiore sul lato batteria. Quest’ultimo è dotato di Plug&Play: premendo pochi pulsanti, questa unità può essere rimossa e sostituita con un’altra unità. Grazie alle sue dimensioni e al minor peso, i kart Junior possono essere sostituiti più rapidamente.

Il motore eroga 25 kW di potenza, ovvero 34 CV per quasi 100 Nm di coppia! Una potenza che lo pone facilmente al livello dei migliori kart da competizione, il famoso KZ 125 cm3 con cambio! Velocità massima? Fino a 120 km/h nella configurazione più sfrenata.

Al volante: come questo kart mi ha rotto il braccio invece che l’orecchio

La batteria è dotata di un caricabatterie con una potenza AC massima di 3 kW e può fornire energia per 18 minuti in situazioni di gara. Questo è molto più della prevista gara di 12 minuti + 1 giro a seconda del circuito. E al di là di ciò che può fare il corpo di un povero nuovo arrivato, abituato a un blob di un’auto elettrica standard, come il mio. Soprattutto perché la robustezza del telaio da competizione si aggiunge anche ai vincoli fisici creati dal motore elettrico, che trasmette tutta la sua coppia all’asse posteriore tramite la catena. Abbastanza per far sembrare un kart a noleggio a 4 tempi una lenta limousine.

Seduti a livello del suolo e senza il rumore di un motore caldo, i parametri di riferimento cambiano rapidamente. Con un superamento istantaneo e quasi doloroso, è fondamentale perfezionare la corsa di prova. Soprattutto nel kart, dove gli specialisti ti diranno che la pista non è la stessa a seconda che tu stia guidando a 4 o 2 tempi. Anche chi sostiene che il carico su entrambi i lati del pilota, che non sono io, fa sì che questo kart elettrico sia leggermente più fuori curva rispetto al suo equivalente termico. Da notare inoltre che il pugno elettrico porta una nuova sensazione: l’assenza di rumore permette discussioni nei paddock e rende un po’ più nascosto il macinato in pista. Una finestra strategica che sicuramente molti concorrenti utilizzeranno.

Giovane corridore che colpisce le piste da agosto

Dopotutto, questo kart ha aperto un nuovo capitolo nella guida, che le mie modeste capacità non mi avrebbero permesso di esplorare in una giornata di test. I talenti includono Mateo Rivals (11 anni), Louis Iglesias (14 anni) e Andy Ratel (15 anni), i vincitori che si sono sfidati in un giorno speciale che sembrava quasi 180 partecipanti.

Il 20 agosto prenderà il via a Monaco il primo Campionato Monaco E-Kart. Questa stagione sarà composta da altre due gare nel regno, ma anche da due round in Francia (Menton e Saint-Raphal) e uno a Ventimiglia, in Italia.

Rodolfo Cafaro

"Inguaribile piantagrane. Professionista televisivo. Sottilmente affascinante evangelista di Twitter. Imprenditore per tutta la vita."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.