Notizie sul calcio: Mario Balotelli prospera con la promozione della Turchia | notizie di calcio

Mario Balotelli riprende le forze in Turchia. L’attaccante privilegiato, che si è fatto un nome in passato con uno o due scandali, sta festeggiando un ritorno clamoroso – ed è improvvisamente un uomo ricercato non solo nel suo paese d’origine.

Sabato non potrebbe essere migliore per Mario Balotelli. Sostituito all’82’, il 31enne ha aggiunto un gol e un assist dalla propria metà campo mentre il suo club Adana Demirspor ha battuto Fatih Karagümrük 5-0. Con una breve apparizione vincente, l’attaccante estroverso lancia un messaggio chiaro: “Super Mario” è pronto per una clamorosa rimonta! Ed è registrato.

Mancini chiama Balotelli in Nazionale

Per la prima volta da settembre 2018, la stella cadente della Coppa dei Campioni 2012 è tornata nella rosa della nazionale italiana. L’allenatore della selezione Roberto Mancini lunedì ha nominato il 31enne nella sua rosa di 35 uomini per il ritiro di tre giorni prima della retrocessione della squadra italiana in Coppa del Mondo a fine marzo. La mostruosità italiana ha segnato 14 gol in 36 presenze in nazionale con la Squadra Azzurra.

Questa è stata una svolta inaspettata in cui solo pochi esperti hanno creduto. Tuttavia, la carriera di una delle più grandi promesse della Squadra Azzurra, che nel 2010 è stata nominata Golden Boy – miglior giovane d’Europa – volge al termine nel 2020.

Balotelli sembra letargico e inesperto

I suoi periodi in grandi club come Inter e AC Milan, Manchester City, Liverpool FC e Olympique Marsiglia sono stati spesso di breve durata poiché è stato più volte evidente per la sua mancanza di disciplina. Dopo il suo impegno fallito nel club della città natale, il Brescia Calcio, Balotelli è rimasto senza club per sei mesi prima di unirsi sorprendentemente all’ambizioso progetto di club di seconda divisione AC Monza, di proprietà dell’ex Primo Ministro italiano Silvio Berlusconi. Ciò che inizialmente prometteva bene (un gol all’esordio dopo appena quattro minuti) si è concluso con un’ulteriore delusione.

La paura della Germania, la cui iconica posa da bodybuilder esulta per l’EM 2012 non sarà mai dimenticata, viene spesso messa da parte a causa di un infortunio, con un aspetto letargico e non allenato. L’attaccante di origini ghanesi ha collezionato poco più di 13 presenze, segnando cinque gol. Avendo saltato la promozione in Serie A, a 30 anni ha dovuto affrontare nuovamente un futuro incerto, ma ha dato una nuova svolta alla sua carriera.

Balotelli può sognare di partecipare al Mondiale

Se molti intenditori di calcio interpretano il suo passaggio alla squadra di promozione della prima divisione turca come uno dei suoi ultimi capitoli, il ragazzaccio è sbocciato di nuovo. E all’improvviso è di nuovo richiesto, e non solo in Italia. Come ha rivelato di recente il presidente del club Murat Sancak, il nuovo arrivato Newcastle United potrebbe aver preso in considerazione la possibilità di ingaggiare l’attaccante in inverno. Il Demirspor non ha voluto lasciar andare la sua fortuna, che ha un contratto fino al 2024 con clausola rescissoria. perché?

Con otto gol in 19 partite, Balotelli ha giocato un ruolo importante nel movimento clamoroso del nuovo arrivato, che attualmente è quarto in classifica, davanti anche ai giganti di Istanbul Fenerbahce, Besikas e Galatasaray e può sognare di partecipare a competizioni internazionali. concorrenza. Balotelli può anche sognare, magari anche partecipare ai Mondiali in Qatar.

Balotelli non dimentica mai

Del resto il Ct della Nazionale Roberto Mancini lo conosce come nessun altro, lo ha allenato quando era all’Inter e al Manchester City. La scena del 2013 è ancora leggendaria fino ad oggi, quando Balotelli ha iniziato un giro davanti al portiere nell’amichevole del City contro i Los Angeles Galaxy e ha cercato di colpire la palla con il tallone in modo provocatorio e disinvolto. Il trucco arrogante è fallito, Mancini ci ha aggirato e ha subito sostituito il suo talento in quel momento. Azioni come questa e molte avventure hanno impedito una carriera più grande, ma questo non riguarderebbe Balotelli in retrospettiva. Ma nemmeno lui ha dimenticato.

“Non ha cervello. Se fossi al posto di Mancini lo licenzierei!” Con queste parole l’ex nazionale turco Sergen Yalcin valuta l’atto di hackerare l’Italia. Otto anni dopo, Balotelli è tornato con un’esultanza speciale quando si è messo davanti a Yalcin dopo il gol nella vittoria per 3-3 contro il Besiktas e ha puntato l’indice alla testa. Tipico Balotelli.

Maggiori informazioni sull’autore Robin Schmidt

Rodolfo Cafaro

"Inguaribile piantagrane. Professionista televisivo. Sottilmente affascinante evangelista di Twitter. Imprenditore per tutta la vita."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.