“Non confondere affiliazione culturale e strumenti di gestione politica e amministrativa”

Con l’alzabandiera della grande bandiera del mondo bretone a Nantes, questa domenica 20 febbraio, un enorme Gwenn-ha-Du, ai piedi del castello dei Duchi di Bretagna, i militanti di associazione “A la Bretonne”, con l’intenzione di mantenere il possesso di Nantes e della Loira Atlantica alla Bretagna, cosa che non è il caso oggi. E non di più, dopo le ultime riforme che ci hanno portato da 22 a 13 grandi regioni.

franceinfo: Jean Viard, qui, la Bretagna, ma la domanda si pone anche per l’Alsazia. Esistono identità regionali che si definiscono e si esprimono oggi?

Giovanni Viard: Capisco bene la domanda di Breton, mia nonna è bretone. Ci sono regioni in Francia dove l’affiliazione tradizionale è molto forte, i Paesi Baschi, la Corsica, ecc. La verità è che la Francia è una nazione costruita da uno Stato che a poco a poco si è imposto, raccogliendo avanzi attraverso matrimoni, acquisti, guerre da paesi che non chiedevano nulla.

Breton non ha mai chiesto di essere nello stesso paese di Nicois, ecc. E quando ti guardi intorno, siamo l’unico paese costruito dalla coercizione politica in 1000 anni. Questo era vero sotto la monarchia, sotto la Repubblica, ed è ancora vero. Miniamo l’identità locale. Ricorda cosa dicevano sui bambini che ricevevano un colpo di righello sul dito se parlavano un linguaggio patologico.

Così, nel 1789, il dipartimento fu organizzato su base matematica. Sono nominati luoghi, fiumi, montagne, per cancellare la cultura locale. E quest’era durò due secoli. Oggi siamo in una nuova era in cui l’unità della Francia è molto forte e, allo stesso tempo, siamo in un’era in cui stiamo glorificando il patrimonio. Visitiamo spesso, restauriamo il castello. Abbiamo costruito un patrimonio che è anche la base della nostra economia turistica. E in questa impostazione legacy, c’è chiaramente una differenza.

Tutti vedono la differenza. E poiché queste differenze sono state così ripristinate, da qualche parte sono più visibili che mai e sono molto reali. Non credo che dovremmo mescolare. Sostengo davvero le lingue regionali, le culture regionali perché questo è un vantaggio. Chi ha una cultura locale ha più ricchezza di chi non ne ha. Non dobbiamo iniziare a razziare il territorio rendendolo un piccolo territorio identitario. Non confondere l’affiliazione culturale con gli strumenti di gestione politica e amministrativa.

Ricordiamo la fortissima mobilitazione di migliaia di persone per difendere l’insegnamento delle lingue locali, meno di un anno fa, in Bretagna, nei Paesi Baschi, in Alsazia.

Tu, quello che stai dicendo è che le regioni non sono altro che enti amministrativi, che forse va bene così, perché non devono portare valori culturali, valori identitari che possono mettere a repentaglio una forma di unità?

No, ma non è necessario che si sovrappongano. I territori che hanno un’identità, ce ne sono tanti, anche piccolissimi. Non mischiare i livelli. C’è un livello regionale che è un’entità amministrativa, ma anche politica. È fondamentalmente un luogo di dibattito politico e poi c’è questa entità culturale, la popolazione immigrata dal Maghreb in particolare, ma anche dall’Africa o altrove, dall’Italia, dalla Spagna. Abbiamo un’identità associata ai luoghi tradizionali. Poi abbiamo le identità delle persone che sono venute, gli armeni, per esempio.

Un’area amministrativa, deve articolare tutto questo. Il 50% dei francesi vive nel dipartimento dove sono nati, quindi c’è già metà della popolazione che non appartiene a questa cultura locale. Quindi devi stare molto attento a tenerlo aperto. Le culture locali non devono essere chiuse, altrimenti diventano esclusive. C’è un patrimonio culturale complesso e questa è una ricchezza. Ci sono aree politiche e amministrative. Non c’è motivo di sovrapporsi.

Rodolfo Cafaro

"Inguaribile piantagrane. Professionista televisivo. Sottilmente affascinante evangelista di Twitter. Imprenditore per tutta la vita."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.