Nessun alto comandante ucraino è stato consegnato dall’Azovstal

Gli alti comandanti ucraini non hanno rinunciato al labirinto di rifugi e gallerie sotto l’acciaieria Azovstal a Mariupol, ha affermato il leader della regione separatista di Donetsk, sostenuta dalla Russia.

Quasi 1.000 combattenti ucraini che erano stati fortificati nella galleria si sono arresi alle forze russe e filo-russe da lunedì.

Il ministero della Difesa russo ha affermato che 694 soldati ucraini – inclusi membri del battaglione Azov – si sono arresi nelle ultime 24 ore, di cui 29 feriti.

Non è chiaro se il comandante in capo lascerà la fabbrica, o forse intraprenderà un’ultima battaglia mortale con le truppe russe che considerano invasori della loro patria.

“Non c’erano comandanti di alto livello (tra quelli che si sono arresi) – non se ne sono andati”, ha detto Denis Pushilin, leader della repubblica popolare separatista di Donetsk, che il presidente Vladimir Putin ha riconosciuto ufficialmente solo tre giorni prima dell’invasione dell’Ucraina.

“Questo è finora”, ha detto Pushilin, che insieme alle truppe russe controlla Mariupol, secondo l’agenzia di stampa di Donetsk nota come DAN.

Non è chiaro cosa accadrà ai combattenti descritti dal presidente ucraino Volodymyr Zelensky come eroici combattenti della resistenza, ma che i legislatori russi considerano “criminali nazisti” per affrontare le punizioni più dure, persino la morte.

TRIBUNALE

Pushilin ha detto che il destino dei combattenti ucraini arresi sarebbe stato deciso dal tribunale.

“Per quanto riguarda i criminali di guerra e i nazionalisti, il loro destino, se consegnano le armi, deve essere deciso dai tribunali”, ha affermato.

Mosca afferma che l’Ordine Azov, nato come organizzazione paramilitare nazionalista di destra, era un gruppo di combattenti nazionalisti anti-russi che li caratterizzava come sostenitori dei nazisti moderni.

Il presidente Vladimir Putin ha affermato che quelle che ha descritto come “operazioni militari speciali” erano necessarie in Ucraina per prevenire la persecuzione delle persone di lingua russa e per impedire agli Stati Uniti di usare l’Ucraina per minacciare la Russia.

L’Ucraina afferma che Putin sta cercando di rovesciare il paese e nega che Kiev stia perseguitando i russofoni.

Il Cremlino ha detto che i combattenti sarebbero stati trattati secondo le regole internazionali. L’Ucraina ha detto che ci sarà uno scambio di prigionieri di guerra.

I civili che si nascondono nei rifugi parlano delle condizioni disperate in questa zona. Diversi combattenti hanno subito gravi ferite in combattimento.

Xaviera Violante

"Premiato studioso di bacon. Organizzatore. Devoto fanatico dei social media. Appassionato di caffè hardcore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.