Nasce il Patto ucraino con l’Occidente. “L’Unione europea si sta precipitando verso la schiavitù infernale”, afferma il Cremlino

L’Ucraina sta combattendo aspre battaglie con l’esercito russo da quasi sette mesi e continua a chiedere la massima assistenza e garanzie possibili dall’Occidente, non solo nell’attuale battaglia con le forze d’invasione, ma anche a lungo termine. Ecco perché ora ufficio del presidente Volodymyra Zelenskyi ha presentato la prima bozza del Patto di sicurezza di Kiev a lungo termine, preparata da un gruppo di esperti guidato dal capo dell’Ufficio del Presidente Andriy Jermak e dall’ex Segretario generale della NATO Anders Fogh Rasmussen. Mosca non ha ritardato la sua reazione e già si parlava del prologo della terza guerra mondiale.

Tra le altre cose, il progetto di patto di sicurezza di Kiev parla di garanzie da parte dell’Occidente per ulteriori consegne di armi. “La più forte garanzia di sicurezza per l’Ucraina è la sua capacità di difendersi dagli aggressori ai sensi dell’articolo 51 della Carta delle Nazioni Unite. Per questo, l’Ucraina ha bisogno di risorse per mantenere una forza di difesa significativa in grado di resistere alle forze armate e alle unità paramilitari della Federazione Russa”, legge il testo, descritto dal presidente Zelensky come un’ottima base per la futura cooperazione tra Kiev e l’Occidente.

Nel rapporto, lo stesso autore parla del fatto che il gruppo garante deve, insieme all’Ucraina, ricevere garanzie giuridicamente e politicamente vincolanti nell’ambito di un accordo bilaterale, tale accordo dovrebbe quindi essere ufficialmente chiamato Patto di sicurezza di Kiev.

Il pacchetto di garanzie dovrebbe comprendere contromisure di natura militare, finanziaria, infrastrutturale, tecnica e informativa per prevenire nuove aggressioni, nonché azioni da intraprendere immediatamente in caso di un nuovo attacco alla sovranità e all’integrità territoriale dell’Ucraina.

Inoltre, la struttura del patto di sicurezza di Kiev comprende un pacchetto completo di sanzioni contro lo Stato aggressore e può comprendere anche altre componenti, come accordi sulla fornitura di moderni sistemi di difesa aerea o sistemi antimissilistici all’Ucraina, accordi regionali sulla sicurezza nel Mar Nero e altre questioni correlate. , ha detto Agenzia Reuters.

Secondo gli autori, il patto creerà un nucleo di paesi alleati con l’Ucraina. Ciò può includere Stati Uniti, Regno Unito, Canada, Polonia, Italia, Germania, Francia, Australia, Turchia e paesi nordici, baltici e dell’Europa centrale. Secondo le sue parole, il ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kuleba ha presentato con successo la proposta al suo omologo lituano Gabrielius Landsbergis e all’irlandese Simon Coveney. “Continueremo a lavorare a stretto contatto con i nostri partner per garantire solide garanzie di sicurezza per l’Ucraina”, ha affermato Kuleba.

L’Ucraina vuole ancora aderire alla NATO

“Le garanzie di sicurezza non sostituiscono l’ambizione dell’Ucraina di aderire alla NATO. Questa aspirazione è protetta dalla costituzione ucraina ed è una decisione sovrana dell’Ucraina. Anche l’Ucraina è sulla buona strada per l’adesione all’UE. In quanto Stato membro dell’UE, l’Ucraina trarrà vantaggio dall’UE “clausola di difesa congiunta. L’adesione alla NATO e all’UE rafforzerà la sicurezza dell’Ucraina a lungo termine”, hanno affermato gli autori.

L’ex segretario generale ed ex primo ministro danese Anders Rasmussen ha osservato che la vittoria dell’Ucraina in questa guerra era una priorità immediata. “Oggi l’Ucraina sta dimostrando in prima linea che con le risorse necessarie può sconfiggere la Russia sul campo di battaglia. L’Ucraina sta mostrando la volontà di combattere e il mondo democratico deve continuare a fornire loro i mezzi per combattere. Quando questa guerra finirà, dobbiamo garantire che la Russia non possa mai più attaccare l’Ucraina. Il modo migliore per farlo è che l’Ucraina disponga di una forza militare significativa in grado di resistere a futuri attacchi russi”, ha sottolineato.

Secondo Rasmussen, l’adozione di un patto simile manderebbe un segnale forte a Vladimir Putin. Questo dimostrerà che la nostra lealtà all’Ucraina è incrollabile, che la guerra è vana. “Invierà anche un segnale al popolo ucraino che sosterremo fedelmente l’indipendenza e la sovranità dell’Ucraina per tutto il tempo necessario. Farlo nel modo giusto significa gettare una nuova pietra miliare per la sicurezza europea. Se ciò non accadrà, significherà un peggioramento della crisi sul suolo europeo”, ha affermato l’ex segretario generale della Nato.

Secondo Andrij Jermak, documenti simili non hanno paralleli nella storia moderna. “Così come gli atti di aggressione su vasta scala da parte delle potenze nucleari e dei membri del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite contro un paese sovrano europeo non hanno precedenti. Con l’aiuto degli alleati, l’Ucraina è riuscita a resistere a questo attacco. Tuttavia, va notato che spesso le decisioni sono per essere realizzata ad hoc e lo sviluppo di meccanismi, questa assistenza richiede molto tempo, che si perde sempre in guerra e che deve essere pagato con dolore, sangue e vita”, ha affermato Jermak durante la presentazione del documento.

Zelenskyy ha affermato che il documento era molto ben preparato. “Lo guardo con molta attenzione. Credo che sia molto pronto. Questo è il primo passo ma molto importante. Queste raccomandazioni costituiranno la base per futuri accordi di sicurezza”, ha affermato Zelenskyy, secondo il quotidiano Pravda ucraina. Sebbene il documento sia attualmente sotto forma di raccomandazioni per un accordo finale, Mosca ha reagito molto duramente alla sua creazione.

Il prologo della terza guerra mondiale, la schiavitù dell’UE, suona da Mosca

Uno dei problemi principali per la Russia è che il tentativo dell’Ucraina di diventare un membro della NATO sembra continuare, cosa che il Cremlino ha respinto con veemenza. Agenzia TASS tra l’altro, ha pubblicato le parole della portavoce del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova, la quale ha affermato che l’Ucraina sembra voler “ridurre in schiavitù” l’Occidente.

“Questo patto e questo cosiddetto gruppo di lavoro mirano a legare le mani ai paesi dell’UE, in modo che siano ridotti in schiavitù all’inferno e non possano mai recuperare la loro crescita economica e il loro sviluppo, o il loro antico splendore”, ha detto Zakharova. “Le armi vengono fornite ininterrottamente all’Ucraina, così come il sostegno finanziario”, ha affermato un portavoce del ministero degli Esteri russo.

Secondo il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov, il documento sottolinea l’urgente necessità di “operazioni militari speciali” della Russia, come Mosca chiama la sua invasione dell’Ucraina. “Non si nasconde il fatto che questo documento è correlato all’intenzione dell’Ucraina di aderire alla NATO, significa che lo scopo dell’adesione alla NATO rimane. Quindi rimane la principale minaccia per il nostro Paese e uno dei motivi è la necessità di svolgere operazioni militari speciali rimane e diventa più rilevante”. ha affermato Peskov.

Il vicepresidente del Consiglio di sicurezza russo ed ex presidente Dmitry Medvedev ha ripetutamente parlato duramente dell’Ucraina. “La cabala di Kiev non riceverà alcuna ‘garanzia di sicurezza’, soprattutto perché il progetto è essenzialmente un ‘prologo della terza guerra mondiale'”, ha detto Rete di Telegram Medvedev, ha detto che nessuno darà garanzie ai “nazisti” ucraini.

Le raccomandazioni proposte dal cosiddetto patto di sicurezza di Kiev includono, in particolare,:

– La più forte garanzia di sicurezza per l’Ucraina è la sua capacità di difendersi dagli aggressori ai sensi dell’articolo 51 della Carta delle Nazioni Unite. Per fare ciò, l’Ucraina ha bisogno delle risorse per mantenere una forza di difesa significativa in grado di trattenere le forze armate e le forze paramilitari della Federazione Russa.

– Ciò richiede uno sforzo pluriennale per investimenti continui nelle basi industriali della difesa ucraine, trasferimenti di armi scalabili e supporto dell’intelligence da parte degli alleati, missioni di addestramento intensivo ed esercitazioni congiunte sotto la bandiera dell’Unione europea e della NATO.

– Le garanzie di sicurezza devono essere formulate in modo positivo e chiaro; ha definito una serie di impegni assunti dal gruppo garante insieme all’Ucraina. Devono essere giuridicamente e politicamente vincolanti in base ad accordi bilaterali, ma devono essere uniti in un documento di partenariato strategico congiunto, il cosiddetto patto di sicurezza di Kiev.

– Il pacchetto di garanzie comprende misure preventive di natura militare, finanziaria, infrastrutturale, tecnica e informativa con l’obiettivo di prevenire nuove aggressioni, nonché azioni che devono essere intraprese immediatamente in caso di nuovo attacco alla sovranità e all’integrità territoriale di un paese. Ucraina. Inoltre, la struttura del Patto di sicurezza di Kiev comprende un pacchetto completo di sanzioni contro lo Stato aggressore e può comprendere altre componenti, come un accordo per dotare l’Ucraina di un moderno sistema di difesa antimissilistica, un accordo di sicurezza regionale nel Mar Nero. , e altri.

– Il patto unirà un nucleo di nazioni alleate con l’Ucraina. Ciò può includere Stati Uniti, Regno Unito, Canada, Polonia, Italia, Germania, Francia, Australia, Turchia e paesi nordici, baltici e dell’Europa centrale.

– Le garanzie di sicurezza non sostituiscono l’ambizione dell’Ucraina di aderire alla NATO. Questa aspirazione è protetta dalla costituzione ucraina ed è una decisione sovrana dell’Ucraina. Anche l’Ucraina è sulla buona strada per l’adesione all’UE. In quanto Stato membro dell’UE, l’Ucraina beneficerà della clausola di difesa congiunta dell’UE. L’appartenenza alla NATO e all’Unione europea rafforzerà la sicurezza dell’Ucraina a lungo termine. Le garanzie delineate oggi non sminuiscono questi obiettivi, ma assicureranno che l’Ucraina abbia ciò di cui ha bisogno per difendersi in ogni circostanza.

Franco Fontana

"Fanatico della musica amatoriale. Ninja dell'alcol. Piantagrane impenitente. Appassionato di cibo. Estremamente introverso. Nerd di viaggio certificato."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.