MSP Health Surveillance monitora i casi sospetti di “vaiolo delle scimmie”

Ci sono attualmente focolai confermati in Canada, Stati Uniti, Spagna, Regno Unito, Italia, Portogallo e Svezia. Il Ministero della Salute Pubblica (MSP) questa domenica ha rilasciato una dichiarazione in merito alla malattia e ha confermato che nel nostro Paese sono monitorati casi sospetti.

“Monkeypox” è una rara zoonosi virale, causata da un virus scimmia, appartenente al genere Orthopoxivirus, Famiglia Poxviridae, che viene trasmessa all’uomo da vari animali selvatici; Nei primi casi, l’infezione si verifica attraverso il contatto diretto con il sangue, la carne, le lesioni cutanee o le mucose di un animale infetto.

La trasmissione da persona a persona può avvenire attraverso uno stretto contatto con secrezioni respiratorie o lesioni cutanee e sono stati segnalati casi di trasmissione sessuale. Il vaiolo delle scimmie è stato descritto per la prima volta nel 1958 dopo 2 focolai di una malattia simile al vaiolo nelle scimmie.

I primi casi umani sono stati segnalati nella Repubblica Democratica del Congo e da allora la maggior parte dei casi segnalati proviene da aree rurali delle foreste tropicali dell’Africa centrale e occidentale, considerate endemiche. Focolai sono stati rilevati in Canada, Stati Uniti, Spagna, Regno Unito, Italia, Portogallo e Svezia.

Il periodo di incubazione va da 5 a 21 giorni e la malattia è generalmente autolimitante e benigna. I sintomi durano da 14 a 21 giorni e iniziano con febbre, mal di testa, linfonodi ingrossati, artromialgia e astenia; Da 1 a 3 giorni dopo l’inizio della febbre si aggiungono eruzioni cutanee: macule, papule, vescicole, pustole, croste.

Di solito iniziano sul viso e poi si diffondono in tutto il corpo, interessando il viso, i palmi delle mani e la pianta dei piedi e possono danneggiare la mucosa orale, i genitali e gli occhi. La rimozione completa della crosta può richiedere fino a tre settimane.

Non esiste un trattamento specifico per il vaiolo delle scimmie e la vaccinazione contro il vaiolo è efficace nella prevenzione del vaiolo delle scimmie. Non è stato somministrato dall’eradicazione della malattia. Ma può essere utilizzato per il controllo dell’epidemia.

La mortalità è inferiore al 10% e i casi più gravi sono stati segnalati nei bambini. A scopo precauzionale, si raccomanda di ridurre l’esposizione al rischio, evitando il contatto con animali che potrebbero essere serbatoi del virus, come roditori e primati.

Maneggiare anche animali malati con adeguati DPI (dispositivi di protezione individuale); evitare contatti ravvicinati con persone infette; isolamento e assistenza dei casi sospetti con DPI adeguati; lavarsi le mani; e sorveglianza e rilevamento rapido di nuovi casi, contatti stretti e identificazione di focolai.

Il Dipartimento di Sorveglianza sanitaria sta monitorando la situazione, monitorando i casi sospetti in base ai sintomi e alla storia di viaggio, e attraverso il Centro di collegamento nazionale in costante comunicazione con PAHO e OMS.

(Foto: CDC)

Rodolfo Cafaro

"Inguaribile piantagrane. Professionista televisivo. Sottilmente affascinante evangelista di Twitter. Imprenditore per tutta la vita."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.