Monkeypox: L’Italia assicura che questa malattia non sia un problema

CEO di Istituto Nazionale delle Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani della Roma, Francesco Vaia, ha detto giovedì che il vaiolo delle scimmie è una malattia curabile per ora e “non è una preoccupazione”.

Lo rivela Vaia in un incontro con la stampa estera a Roma, dove ha spiegato che attualmente in Italia ci sono una decina di casi di persone contagiate dal vaiolo delle scimmie, sei delle quali sono in cura presso questo prestigioso ospedale romano.

“Quello che abbiamo osservato in prima persona allo Spallanzani sono stati sei casi vaiolo delle scimmie. La buona notizia, soprattutto la prima, si stanno riprendendo”, ha scherzato.

Alla domanda se fossero protetti quelli vaccinati contro il vaiolo prima del 1981, ha risposto: “Probabilmente per lo più sì, ma prima dobbiamo verificare l’isolamento del virus e poi sapremo la risposta alla domanda se la vaccinazione copre e in quale percentuale”.

Vaia ha chiesto calma anche sulla possibilità che la popolazione debba essere vaccinata perché “si tratta di un fenomeno controllato e di modesta entità, il tasso di mortalità è molto basso ed è legato principalmente a problemi immunitari, come accade con altre malattie, compresa l’influenza” , giustificato.

Non è inoltre necessario mettere in quarantena i contatti stretti, ha aggiunto, ma ciò che si dovrebbe fare è isolare i malati.

I casi confermati di vaiolo delle scimmie nelle ultime settimane nei paesi non endemici sono saliti a 131, con altri 106 sospetti, segnalati il ​​24 maggio. Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS).

La malattia è endemica da almeno 40 anni nei paesi dell’Africa occidentale e centrale e, sebbene siano stati segnalati casi precedenti in altre regioni, fino ad allora era sempre stata associata a persone che avevano viaggiato nel continente africano, questa è la prima volta che osserva così. epidemia diffusa.

La Francia ha un vaccino per l’immunizzazione “selettiva”.

Il ministro della Sanità francese, Brigitte Bourignon, ha ritenuto martedì scorso che il suo paese disponesse delle scorte strategiche necessarie per continuare la “vaccinazione selettiva” del vaiolo delle scimmie.

“Lo stock c’è”, ha assicurato mercoledì il ministro in un’intervista alla stazione radio RTL, dove non ha fornito dettagli sull’importo disponibile.

Tuttavia, ha sottolineato che il suo dipartimento attuerà le raccomandazioni formulate martedì dall’Alta autorità sanitaria (HAS) per vaccinare gli adulti che sono stati in contatto con casi confermati e gli operatori sanitari che non hanno curato i pazienti con misure di protezione individuale.

(Con informazioni da EFE)

Rodolfo Cafaro

"Inguaribile piantagrane. Professionista televisivo. Sottilmente affascinante evangelista di Twitter. Imprenditore per tutta la vita."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.