Ma il Centro non muore mai?

I numeri sono insoliti, nemmeno rotondi. Ma è lui che sarà processato il giorno dopo in Francia: Se al secondo turno delle elezioni parlamentari Emanuele Macron riuscito a raccogliere 289 seggi della 577 Assemblea Nazionale, poi otterrà la maggioranza assoluta. Ciò significa che gli equilibri di potere in Europa non cambieranno: il Centro resisterà ancora una volta.

Funzionerà;

Diamo un’occhiata all’immagine del primo tempo. È stata la peggiore performance elettorale mai ottenuta da un presidente francese da quando le elezioni parlamentari si sono svolte subito dopo le elezioni presidenziali. E questa non è l’unica ombra. QUELLO Mondo ha osservato nel suo articolo principale che al primo turno delle elezioni parlamentari è emersa una maggioranza unica e questa non è stata altro che l’astensione. Questa, ha detto, è la seconda volta nella storia della V Repubblica francese che il numero di coloro che non hanno votato ha superato il numero di coloro che hanno votato: 52,48% ora dal 51,30% nel 2017. E poi, «InsiemeL’alleanza presidenziale di Macron ha vinto solo lo 0,1% sull’alleanza di sinistra Nupes, guidata da Jean-Luc Melanson. E può Marin Le Pen Non per assicurarsi i 60 seggi che aveva immaginato, ma riuscendo con i 20-45 seggi assegnerà come previsto per formare per la prima volta un gruppo parlamentare.

Va bene con Le Pen all’estrema destra. Ma qual è il problema con Melanson?

Dipende da come lo guardi. Se chiedi ai simboli della Sinistra Europea e dell’Ecologia, come Daniel Con Lettoti diranno che Melanson è un classico populista ma anche antieuropeo che chiude un occhio sulla sua Russia Vladimir Putin. SIRIA di nuovo Saluti la sua prestazione elettorale come una vittoria per la sinistra. «Dinamica NUPES“, ha detto l’annuncio della festa, invia”messaggio potenteIn tutta Europa sulla “necessità di una coalizione di forze progressiste di sinistra” da sconfiggereneoliberismo e destra».

E di quale dei due dovrei fidarmi?

È bene dare una piccola base per ‘Danny rossoChe sembrava sapere cosa stesse dicendo. Tsipras e Melanson si sono scontrati dopo la firma del terzo Memorandum da parte del governo SYRIZA-ANEL. Melanson, come nessun altro Panagiotis Lafazanisaveva attaccato l’allora Primo Ministro greco, sostenendo che tradire persone e vendere il loro paese. «È una delle figure più tristi della politica europeaHa detto in un’intervista televisiva. Alexis Tsipras afferma ancora con sicurezza che “Melanson non vuole governare” e come “in caso di vittoria non saprà cosa farne».

C’era una possibilità per lui di governare adesso?

Non è stato eletto in parlamento, non si è nemmeno candidato. Ma è uno dei tre scenari del secondo round. Ma anche più pallido. Se Macron non raggiunge il numero magico 289, cercherà sicuramente l’alleanza repubblicana di centrodestra piuttosto che qualcuno su cui si basa la sua campagna feroce attacco contro di lui. Quanto vizioso? Ricorda cosa ha detto su Alexis Tsipras…

Ma abbiamo anche le elezioni in Italia…

Sì, e secondo i risultati, il candidato del Pd ha ottenuto il maggior numero di voti in una città con più di 15.000 residenti – 17,2% contro il 10,3% dei Fratelli Italiani di estrema destra, il 6,7% della Lega Nord e il 4,6% di Forza Italia. Dato che il Partito Democratico è al potere da cinque anni, la sua performance è considerata buona. Il centrodestra, insomma, è rimasto anche in Italia, avendo nel frattempo conquistato o trascinato in una posizione più centrale i suoi populisti antisistemici. Bebe Grillo e poi i populisti di destra Matteo Salvini. Il prossimo obiettivo è suo fratello italiano Giorgia Meloni – è lui che ora sta raccogliendo le sue voci insoddisfazione.

E in tutta Europa?

In tutti i principali paesi, il Centro regna in una forma o nell’altra. In Portogallo Antonio Costa ha ottenuto la maggioranza assoluta alle elezioni dello scorso gennaio ea spese della sinistra populista che punito dagli elettori per aver provocato elezioni. In Spagna o Pedro Sanchez regole senza particolari problemi dal giugno ’18. In Germania, i socialdemocratici ei Verdi hanno segnato l’era post-Merkel.

Quindi qualcuno dovrebbe dormire bene?

D’altro canto. Basti pensare al fatto che una volta si svolse una battaglia elettorale tra due gladiatori tradizionali che si muovevano di centro, centrodestra e centrosinistra. Oggi gli estremi stanno diventando più forti ovunque – fino a quando la Spagna non dimentica Franco e acquisisce l’estrema destra, la stessa cosa è successa in Portogallo. Il centro può sopravvivere ma fantasma il populismo non è altro che sonno.

E in GRECIA;

Qui è scoppiato lo scenario delle elezioni anticipate in autunno. Populisti, di Varoufaki per lui Velopoulos, hanno la loro parte nella torta elettorale, ma i sondaggi suggeriscono che la battaglia si giocherà nell’area Centrale. Quest’area è rivendicata anche dal suo SW Kyriakou Mitsotak e SYRIZA di Alexis Tsipras e PASOKnya Nikos Androulakis. Mitsotakis sembra dominante, almeno fino ad ora. E la domanda è se Tsipras cercherà di confutare piegarsi per le sirene del populismo – spero che Melanson perdoni anche lui…

Girolamo Onio

"Creatore di problemi. Comunicatore. Impossibile digitare con i guantoni da boxe. Tipico sostenitore del caffè."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.