Lo scioglimento dei ghiacciai delle Alpi sposta il confine tra Svizzera e Italia e il lodge

Chalet Rifugio Guide del Cervino

Licenza | Lavori gratuiti (di pubblico dominio)

Lo scioglimento dei ghiacciai nelle Alpi ha spostato il confine tra Svizzera e Italia. Il confine lì è determinato dallo spartiacque, cioè da quale parte scorre l’acqua. Il rifugio presso la vetta della Testa Grigia, che fino ad oggi si trovava solo in Italia, si trova così a metà strada tra i due paesi. La vertenza ora complica la ricostruzione della loggia e solleva interrogativi da parte dei visitatori, scrive il news server Sicurezza.

Il Rifugio Guide del Cervino sorge a 3480 metri sul livello del mare su un ghiacciaio in movimento. Una costruzione in legno con 40 posti letto e un lungo tavolo di legno è stata costruita in pietra nel 1984. All’epoca era interamente in territorio italiano. Oggi due terzi, compresa la maggior parte dei letti e dei ristoranti, si trovano in Svizzera.

I due paesi hanno iniziato a negoziare da che parte della loggia nel 2018. Un compromesso è stato raggiunto a Firenze lo scorso novembre, ma i dettagli dell’accordo sono tenuti segreti. Saranno resi pubblici solo dopo l’approvazione del governo svizzero, che avverrà già dal prossimo anno.

Il confine tra la Svizzera e l’Italia misura 734 chilometri, la parte dei quali attraversa le Alpi è delimitata dalla linea d’acqua. Il ghiacciaio Theodul ha perso quasi un quarto del suo volume tra il 1973 e il 2010, esponendo il substrato roccioso su cui giace. I paesi vicini devono ora ridisegnare circa cento metri di confine. Questi cambiamenti sono generalmente gestiti da topografi, spiega Alain Wicht dell’agenzia nazionale svizzera di cartografia Swisstopo. Tuttavia, in questo caso, anche i politici sono in contrasto.

“Stiamo discutendo di un territorio che non vale molto”, ha detto Wicht. “Ma poi c’è un posto dove si trova l’edificio e improvvisamente dà al terreno un valore finanziario”, ha aggiunto.

Il proprietario del magazzino, Lucio Trucco, ignorava i disaccordi dei politici. “Il cottage rimarrà italiano perché siamo sempre italiani. Il menu è italiano, il vino è italiano e le tasse sono italiane”, ha detto Trucco.

La lunga controversia ha ritardato le necessarie ristrutturazioni edilizie. I comuni su entrambi i versanti delle montagne non possono rilasciare i necessari permessi di costruzione. È improbabile che la ricostruzione venga completata anche con l’apertura di una nuova funivia al Klein Matterhorn sul versante italiano della vetta, prevista per la fine del 2023.

Mentre le stazioni sciistiche stanno lottando con la riduzione della neve a causa del riscaldamento globale, le stazioni sui ghiacciai si stanno preparando per un afflusso di sciatori. Le piste di Zermatt-Cervinia sono ancora sciabili in estate, anche se i ghiacciai sono rotti.

“Dobbiamo migliorare le aree qui perché questa sarà sicuramente l’ultima (destinazione sciistica) a perdere”, ha affermato Trucco con fermezza.


annuncio


Franco Fontana

"Fanatico della musica amatoriale. Ninja dell'alcol. Piantagrane impenitente. Appassionato di cibo. Estremamente introverso. Nerd di viaggio certificato."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.