L’Italia fa scalpore contro la Serbia, favorita

Più e più volte il suono proveniva dalla folla nelle catacombe dell’arena all’Ostbahnhof. “Abbiamo scosso il mondo! – abbiamo scosso il mondo!” Il Ct della Nazionale italiana Gianmarco Pozzecco è stato inarrestabile e, nel suo delirio di gioia, ha usato anche le famose parole di Muhammad Ali.

Ma almeno per quanto riguarda il mondo del basket, ha indubbiamente ragione. La sua squadra ha appena creato la sensazione più grande di questo Campionato Europeo e ha battuto la Serbia, favorita, negli ottavi di finale. Dopo un incredibile secondo tempo, l’Italia ha vinto 94:86 (20:28, 25:23, 21:17, 28:18) domenica sera. “Tutti ci hanno dichiarato morti, ma questo è il carattere di questa squadra”, ha detto l’ex professionista dell’Alba Simone Fontecchio. “Se giochiamo così, possiamo affrontare chiunque”.

I serbi attorno alla superstar dell’NBA Nikola Jokic e al miglior giocatore dell’Eurolega della scorsa stagione, Vasilije Micic, hanno superato facilmente il torneo finora e hanno vinto le cinque partite del girone con una media di 20 punti. A Svetislav Pesic la squadra ha anche un allenatore che ha vinto due volte il campionato europeo, clamorosamente nel 1993 con la nazionale tedesca.

Gianmarco Pozzecco è stato inarrestabile dopo la vittoria della sua squadra.
© REUTERS/Reuters/ALESSANDRO GAROFALO

Dopo l’ottima partenza dell’Italia, sembra che anche i migliori favoriti si qualificheranno regolarmente agli ottavi di finale. Jokic ha dominato in zona, sono entrati tutti e tre e il capocannoniere italiano Fontecchio ha dovuto essere messo in panchina con due falli.

Nel secondo quarto la Serbia aveva già 14 punti di vantaggio, ma l’Italia non si arrende e si avvicina, guidata dal forte Nicolò Melli.

Il torneo si è concluso sorprendentemente in anticipo per il leggendario allenatore Svetislav Pesic (a sinistra) e la superstar Nikola Jokic.
Il torneo si è concluso sorprendentemente in anticipo per il leggendario allenatore Svetislav Pesic (a sinistra) e la superstar Nikola Jokic.
© REUTERS/Reuters/ANNEGRET HILSE

Dopo l’intervallo, Pozzecco è stato squalificato per il suo secondo fallo tecnico e ancora una volta ha parlato con passione ai suoi giocatori mentre lasciavano l’interno. Questo ovviamente ha influito su Marco Spissu, visto che all’improvviso il piccolo playmaker ha colpito tre dopo tre e ha portato la sua squadra in vantaggio. La folla si stropicciò gli occhi incredula, gli italiani si fecero impazzire e i serbi sembravano scioccati.

Anche Jokic non poteva fare molto, quindi l’Italia ogni tanto passava in vantaggio con fiducia. Nelle catacombe, Pozzecco è saltato tra le braccia della superstar greca Giannis Antetokounmpo, che si stava preparando per gli ottavi di finale, e ha dovuto essere impedito dai suoi giocatori di rientrare all’interno. “Lo conosciamo”, ha detto Melli, ridendo del suo allenatore. “La prossima volta dovremmo dargli prima la camomilla.”

L’Italia affronterà la Francia nei quarti di finale mercoledì (17:15). Altre gare sono Slovenia contro Polonia (mercoledì, 20:30), Finlandia contro Spagna (martedì, 17:15) e Germania (martedì, 20:30) contro le vincitrici degli ottavi di finale tra Grecia e Repubblica Ceca.

Vai alla pagina principale

Gerardo Lucchesi

"Esploratore hardcore. Fanatico della musica hipster. Studioso del caffè malvagio. Appassionato sostenitore della tv."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.