L’Italia considera il piano di pace per l’Italia, si dice pronta per i colloqui con Kiev

Ore dopo i negoziatori del Cremlino, Vladimir Medinskij, ha detto che Mosca vuole riprendere i colloqui di pace con l’Ucraina, il viceministro degli Esteri russo Andrei Rudenko ha detto che il suo paese sta considerando i piani dell’Italia per la pace nei paesi vicini. Rudenko ha aggiunto che Mosca risponderà analizzando adeguatamente tutte le proposte dell’Italia. Va tenuto presente che su cui si basa il piano di pace italiano quattro punti principalicon particolare attenzione al cessate il fuoco, alla neutralità e all’adesione dell’Ucraina all’Unione Europea, all’autonomia di Dobas e della Crimea e, infine, alla firma di un nuovo accordo sulla sicurezza e la pace in Europa.

“Bagno scozzese” da Mosca: “Vogliamo ricominciare i colloqui”

La seconda fase sembra entrare in acque inesplorate guerra in Ucraina da un lato il Cremlino martella costantemente l’est del Paese vicino e dall’altro dice di volere che i colloqui di pace ricomincino, senza però conoscere le condizioni che ora Mosca sta orchestrando.

Il negoziatore russo Vladimir Medinsky ha affermato specificamente che Mosca era pronta a riprendere i colloqui di pace con l’Ucraina, incolpando Kiev per averli sospesi.

«Da parte nostra, siamo pronti a continuare il dialogoha detto Medinsky, un consigliere del Cremlino incaricato di negoziare con l’Ucraina, in un’intervista alla televisione pubblica bielorussa.

«Il blocco dei colloqui è avvenuto esclusivamente su iniziativa dell’Ucraina“, ha aggiunto, ricordando ora”la palla è dalla loro parte».

«La Russia non nega mai i colloquiHa supponente.

I negoziati sono iniziati dopo che le truppe russe sono entrate in Ucraina 24 febbraio ma non furono in grado di catturare rapidamente la capitale. I ministri degli Esteri dei due Paesi si sono incontrati in Turchia a marzo, dopo che i delegati hanno tenuto colloqui a Istanbul, ma senza successo.

Il negoziatore ucraino Mikhail Pontolyak ha affermato martedì scorso che i colloqui sono stati “sospesi” perché la Russia stava ridistribuendo le sue truppe e ora stava concentrando “operazioni speciali”, che lui chiamava guerra, nell’Ucraina orientale.

Zelensky: Non siamo pronti per i colloqui di pace con la Russia

Nonostante il fatto che i funzionari russi dicano che le forze di pace conversazione con l’Ucraina può ricominciare, l’Ucraina non sembra allinearsi con questa posizione. Secondo i giornali italiani Corriere della Seranel suo colloquio telefonico con Mario Draghi ieri sera, il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha affermato che “il suo Paese non è pronto per un vero processo di pace».

«Potremo discuterne solo quando reclameremo il territorio che la Russia ci ha sottratto dall’inizio della guerra.“, ha aggiunto Zelenski, come ha scritto il quotidiano milanese.

«Spero che l’Italia continui a sostenerci, con il sistema di difesa di cui abbiamo bisogno per la nostra lotta di liberazione.“, ha sottolineato Zeleski.

Secondo il “Corriere”, il presidente ucraino ha chiesto a Mario Draghi di aiutare il suo Paese ad entrare nell’Unione Europea “nonostante le resistenze di alcuni membri dell’Unione, a cominciare da Berlino”.

Le notizie di oggi:



Monkeypox: sintomi di un virus sospetto secondo EODY

Guerra in Ucraina: “La colpa è della moglie”, dice l’ucraino partito con il capofamiglia britannico che lo ospitava

Sondaggio GPO: aumenta la differenza di ND da SYRIZA, Mitsotaki primo per compatibilità

Seguilo protothema.gr su Google News ed essere il primo a conoscere tutte le novità

Vedi tutte le ultime notizie dalla Grecia e dal mondo, come succede, su Protothema.gr

Xaviera Violante

"Premiato studioso di bacon. Organizzatore. Devoto fanatico dei social media. Appassionato di caffè hardcore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.