L’Italia batte il Belgio e va avanti – sport

Calcio emozionante, duelli intensi, visiere aperte a Monaco – e finalmente l’Italia è in semifinale: la Squadra Azzurra ha conquistato anche le favorite con il Belgio ed è in corsa per il primo titolo europeo in 53 anni. In quella che è probabilmente la partita più bella di questo Campionato Europeo, l’Italia ha vinto 2-1 (2-1) e ora incontrerà la Spagna il 6 luglio allo stadio di Wembley di Londra. La squadra di Roberto Mancini è imbattuta da 32 gare internazionali e ora dovrebbe essere considerata la massima favorita per il titolo.

Nicolò Barella (31) e Lorenzo Insigne (44) hanno portato l’Italia alla prima semifinale di Coppa dei Campioni dal 2012, Romelu Lukaku (45+2) ha suscitato scalpore con un calcio di rigore. Ma la “generazione d’oro” del Belgio rimarrà senza titolo. Il Campionato Europeo ha salutato Monaco, 12.985 spettatori hanno assistito alla partita finale all’Arena di Monaco: è stato un meritato riposo.

Fino a poco tempo, i responsabili di questa storia del Campionato Europeo erano stati per lo più estranei, ma alla fine i due veri candidati al titolo si sono incontrati e anche a un esame più attento non è stato possibile identificare nessuno dei due favoriti. “E’ una partita importante per entrambe le squadre”, ha detto il belga Axel Witsel, “dobbiamo fare il nostro lavoro perché loro faranno il loro”. Ed è stato così, dall’inizio. Entrambe le squadre sono passate all’attacco, il Belgio ha ottenuto il primo tiro pericoloso da Lukaku dopo meno di un minuto.

In generale i Red Devils erano un po’ più determinati all’inizio, ma ha colpito l’Italia. Leonardo Bonucci segna il pallone in rete su punizione, Tifosi esulta, il conduttore dello stadio annuncia il tiratore, in panchina siede immobile solo mister Mancini – probabilmente l’ha intuito: l’assistente video ha trovato posizione di fuorigioco dalla preparazione di Giorgio Chiellini, che Il colpo non contava. Capitan Chiellini è tornato in difesa dopo il recupero dall’infortunio e resta impegnato. Kevin De Bruyne (22′) e Lukaku (26′) sfondano e finiscono, Gianluigi Donnarumma tiene forte ciascuno.

Il Belgio teme da tempo De Bruyne per un infortunio alla caviglia, ma il trequartista è stato inserito nell’undici titolare. Il capitano Eden Hazard (coscia), invece, non era nemmeno in panchina. La squadra italiana è diventata più dominante nel corso della stagione, ha trovato il divario con un forte gioco di posizione e con un contropiede aggressivo i belgi hanno commesso errori. Questo è successo anche prima dell’apertura: Barella ha finalmente sfruttato un brutto passaggio di Jan Vertonghen. È stato un gioco selvaggio fino alla pausa. Insigne ha segnato con un tiro degno di nota, poi l’arbitro Slavko Vincic (Slovenia) ha stabilito un controverso calcio di rigore per il Belgio: Giovanni Di Lorenzo ha urtato Jeremy Doku, che ha accettato l’offerta ed è caduto – Lukaku si è trasformato.

L’italiano ha borbottato sulla strada per lo spogliatoio, ma è uscito con la calma: rimangono una squadra più strutturata e non si affidano solo al mantenimento del vantaggio. Il Belgio, battuto in casa quella notte, spesso manca del collegamento tra difesa e attacco. La classe individuale ha creato qualche occasione in più, De Bruyne ha servito Lukaku nell’area piccola, Leonardo Spinazzola ha salvato con la coscia – e ha festeggiato selvaggiamente con i suoi compagni di squadra (61). Quasi dieci minuti dopo, Lukaku sbaglia dalla stessa posizione con un colpo di testa, è ancora una partita davvero aperta.

Gerardo Lucchesi

"Esploratore hardcore. Fanatico della musica hipster. Studioso del caffè malvagio. Appassionato sostenitore della tv."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.