L’ideologo Dugin parla del crollo folle e aggressivo dell’egemonia americana e del trionfo dell’Eurasia – Forum24

Alexandr Dugin. | FOTO: commons.wikimedia.org/CC DI 4.0

In un recente articolo, Alexander Dugin, uno dei principali ideologi di Putin, ha dipinto il quadro di un Occidente in declino, dove stanno sorgendo nuovi poteri fiduciosi. Si tratta in particolare di Russia e Cina, ma anche di altre parti del mondo. Secondo lui, l’attuale crisi nelle relazioni della Russia con l’Occidente non ha nulla a che fare con il gas, il petrolio, le risorse energetiche o l’economia in generale. “Abbiamo a che fare con processi di civiltà e geopolitici in cui le questioni economiche ed energetiche vengono al secondo posto”, ha affermato.

Articoli Dugin pubblicati sul web Katehon.com avere informazioni Russia e Cina come avanguardia di un mondo multipolare. Secondo lui, “dal punto di vista della civiltà” oggi si tratta principalmente di ideologia: “E questi sono i Democratici nell’amministrazione Biden. L’attuale amministrazione degli Stati Uniti consiste in un’alleanza di ultraglobalisti mescolati con neocon e falchi liberali. Osservano che il mondo è unipolare, l’ideologia liberale globale e l’egemonia L’Occidente sta crollando e sono disposti a fare qualsiasi cosa, anche la terza guerra mondiale, per impedirlo. I globalisti hanno molti nemici Islam, populismo (incluso Trump), conservatorismo, Islam politico, ecc. Ma solo due potenze hanno un reale potenziale per mettere veramente in discussione l’egemonia: Russia e Cina. La Russia è un gigante militare, la Cina è un gigante economico”.

Continuare a leggere

FORUM Weekly al momento presenta fantastiche interviste con il generale Pavel o Jiří Havelka

leggi l’articolo »

Secondo Dugin, è tempo di geopolitica. “È importante che Biden separi la Russia dall’Europa, che vuole avere le proprie politiche autonome. Pertanto, i problemi ucraini e l’escalation nel Donbas. La Russia e Putin sono stati calunniati e accusati di essere pronti ad attaccare un paese vicino. Anche se l’effettiva invasione non ha avuto luogo, Washington si è comportata come se lo fosse. Da qui le sanzioni, e anche la possibilità di un’azione militare preventiva nel Donbas. Dal momento che tutti in Occidente sono convinti di un’invasione russa, qualsiasi operazione militare sostenuta dalla NATO nel Donbas in Ucraina sembrerà una “legittima difesa”. Allo stesso tempo, si presumeva che la campagna mediatica lanciata contro la Russia avrebbe impedito una reazione adeguata e simmetrica di Mosca. E se non la fermi, le relazioni di Mosca con l’Europa saranno comunque interrotte”.

Quindi Dugin si è rivolto al tema della Cina:

“L’alleanza tra Russia e Cina e la combinazione dei piani della Russia per ripristinare il ‘grande spazio’ con il progetto cinese One Way One Belt nell’ambito di un progetto globale della Grande Eurasia, come annunciato diversi anni fa da funzionari russi e cinesi, segna un irreversibile fine. contro l’egemonia occidentale. Il recente incontro tra Putin e Xi Jinping non lascia dubbi sul fatto che la Grande Eurasia sia seria e sia stata presa una decisione. Ecco perché un attacco così acuto da parte dell’ultraliberista e globalista Soros contro la Cina”.

Continuare a leggere

FORUM settimanale (FORUM 24)

Festeggia con noi il tuo compleanno! C’è uno sconto per te e per il nuovo sito web di FORUM Weekly

leggi l’articolo »

Secondo Dugin, Russia e Cina potrebbero accogliere altri candidati a questa associazione: America Latina, mondo islamico e Africa. Anche l’Europa è sola: “La stessa Europa continentale, stanca dell’atlantismo e sognando di essere polare da sola (in un mondo multipolare) – queste idee stanno crescendo in popolarità in Francia, Germania, Italia e Spagna, sebbene l’élite liberale atlantica sia ancora al potere. Solo l’India (a causa dei conflitti con Cina e Pakistan) e il Giappone (ancora sotto lo stretto controllo degli Stati Uniti), così come molti fantocci globalisti, sono chiaramente dalla parte dei perdenti. Vivere lì è decisamente un peccato adesso”.

Secondo Dugin, i paesi del mondo stanno “iniziando a prendere le distanze dal dogma liberale”. “Soprattutto nella sua forma attuale, è assolutamente disgustoso e patologico (con la legalizzazione e persino la coercizione aggressiva dei totalitari LGBT+, i matrimoni omosessuali e altre perversioni, nonché la minaccia diretta di cedere il potere all’intelligenza artificiale, che sminuisce progetti postumanisti promossi socialmente.” attivi). dalla grande tecnologia). A ciò si aggiungano il fallimento delle politiche anti-AIDS, le vaccinazioni dubbie (che omicron ha completamente eliminato), i blocchi organizzati irragionevoli e disgustosi, i covidpa di Orwell e i sistemi di sorveglianza totale , ed è chiaro che il liberalismo sta crollando, più vicino che mai”.

Continuare a leggere

Johana Hovorková, Milan Tesař, Veronika Kučíková, Dan Hrubý e Jaroslav Bican dal nuovo comitato editoriale di Týdeník FORUM (Roman Black erný e Michal Hošek)

Non lasciamoci cullare! Le democrazie indebolite sono rafforzate dai media liberi e continuano a sostenerle

leggi l’articolo »

Il successo del “convoglio di camion della rivolta della libertà in Canada, che ha costretto il globalista liberale Trudeau a nascondersi” e “la crescente popolarità dei candidati anti-macroniani in Francia (tutto da Zemmour e Marine Le Pen a Melanchon a anti- posizioni liberali e anti-NATO). La comprensione di Dugin di “solo alcuni dei sintomi di un processo globale: la fine dell’egemonia atlantica”.

Infine, ha affermato:

“Il blocco Russia-Cina-Eurasia è avvenuto. Tutti gli altri Paesi devono decidere chi starà insieme: con il crollo aggressivo e folle dell’egemonia americana, o con questo blocco di Stato (tra cui Russia, Cina, Iran, Pakistan, Bielorussia, Corea del Nord , Venezuela, Cuba, Nicaragua, Siria, Mali, Repubblica Centrafricana, Burkina Faso, Guinea e, in parte, Turchia, Argentina e Brasile), chi vi si oppone in nome della conservazione della sovranità statale e dell’identità di civiltà? Il futuro certamente favorisce multipolarità, Eurasia. I liberali sono delusi dal loro stesso successo, che non sono riusciti a consolidare e mantenere dopo il crollo dell’Unione Sovietica. L’ultimo tentativo di costruire un impero mondiale è fallito. È iniziato un nuovo mondo”.

Alexander G. Dugin (nato il 7 gennaio 1962 a Mosca) è un filosofo, scienziato politico, sociologo, traduttore e personaggio pubblico sovietico e russo. Dal 2009 al 2014 è stato vicedirettore del Dipartimento di Sociologia delle Relazioni Internazionali presso il Dipartimento di Sociologia della Lomonosov State University di Mosca. Leader del Movimento Eurasiatico Internazionale. È l’autore della “quarta teoria politica”, che secondo lui dovrebbe essere il passo successivo nello sviluppo politico dopo le prime tre: liberalismo, socialismo e fascismo. Le attività politiche di Dugin miravano a creare una superpotenza eurasiatica attraverso l’integrazione della Russia con le ex repubbliche sovietiche nella nuova Unione eurasiatica.'(ru.wikipedia.org)

Rodolfo Cafaro

"Inguaribile piantagrane. Professionista televisivo. Sottilmente affascinante evangelista di Twitter. Imprenditore per tutta la vita."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.