L’FBI lancia l’allarme. Huawei sa come hackerare il nostro arsenale nucleare

La televisione statunitense ha rivelato i dettagli di un’ampia indagine dell’FBI e dei servizi di controspionaggio statunitensi sui rischi per la sicurezza posti dai giganti tecnologici cinesi Huawei e ZTE alla sicurezza nazionale degli Stati Uniti.

Non è chiaro se la Cina sia effettivamente riuscita a intercettare e decifrare qualsiasi parte della comunicazione segreta. Huawei nega di aver mai provato qualcosa di simile. Secondo gli esperti di cybersecurity, su questo non ci sono dubbi e l’amministrazione del defunto presidente Barack Obama lo sa già.

Huawei non è l’unico. Gli Stati Uniti guardano a più imprese cinesi

Internet e PC

“Interferisce con le cose più delicate che facciamo. Potrebbe influenzare la nostra capacità di controllare la nostra triade nucleare”, ha affermato la CNN citando una fonte anonima dell’FBI. La triade nucleare si riferisce a bombardieri strategici, missili balistici intercontinentali e missili balistici lanciati da sottomarini.

L’indagine sul possibile coinvolgimento delle società cinesi ZTE e Huawei nello spionaggio è così top-secret che anche alcuni alti funzionari della Casa Bianca non lo hanno scoperto fino al 2019. Ma nel 2020, il Congresso ha stanziato 1,9 miliardi di dollari per scambi di tecnologia nell’America rurale. Tuttavia, ancora non è successo, perché i relativi fondi non sono arrivati ​​all’operatore telefonico che avrebbe dovuto effettuare lo scambio.

Secondo la legge cinese, le società private devono collaborare con lo stato nelle attività di intelligence. Inoltre, Huawei è sospettata di avere legami diretti con il governo e le forze armate cinesi.

Marinella Castiglione

"Tipico risolutore di problemi. Incline ad attacchi di apatia. Amante della musica pluripremiato. Nerd dell'alcol. Appassionato di zombi."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.