La società alberghiera, I KATHIMERINI, invia un segnale di soccorso, kathimerini.com.cy

Con l’ansia alle stelle con l’avvicinarsi della nuova stagione turistica, STEK sta inviando un altro segnale di soccorso per intraprendere azioni e decisioni immediate per risolvere l’enorme problema della carenza di personale nel settore dell’ospitalità. Nonostante la questione sia stata sollevata urgentemente per mesi, tuttavia, il settore alberghiero è ancora in attesa con un margine di tempo allarmante che si restringe.

“I segnali per il 2022 sono molto incoraggianti e potrebbe essere un anno di sostanziale ripresa dopo due anni molto difficili. Tuttavia, con i dati attuali, saremo costretti a lasciare posti vacanti e servizi simili fuori servizio poiché è quasi impossibile farcela l’aumento della domanda”, ha affermato il presidente di STEK Akis Vavlitis.

Non è stata data risposta a una lettera congiunta di STEK – PASYXE al ministro del Lavoro e delle finanze, con una notifica al ministro dei trasporti e del turismo, che include dati e l’urgenza delle questioni occupazionali per il personale di paesi terzi. È chiaro che se non si prenderanno provvedimenti immediati e adeguati, Cipro si troverà in una posizione molto difficile rispetto alla concorrenza e allo stesso tempo le conseguenze si trasferiranno ad altri ambiti simili dell’attività economica. Allo stesso tempo, la possibilità di diminuire la qualità offerta ai clienti o anche di una fornitura insufficiente, avrà conseguenze successive sull’obiettivo di migliorare e arricchire il prodotto e l’immagine della destinazione in generale. Considerate le conseguenze economiche e colpite (riduzione delle entrate e delle tasse) dalla riduzione del numero di turisti, ci vorranno anni perché i nostri prodotti turistici si riprendano pienamente, non solo dagli effetti della pandemia, ma anche da un problema che con volontà e azione rapida che possiamo superare il più agevolmente possibile.

Dato che il processo di assunzione di lavoratori da paesi terzi può richiedere diversi mesi per essere completato, STEK chiede alle autorità competenti di procedere immediatamente con piani che consentano e facilitino questo processo. In caso di ulteriori ritardi, i risultati saranno catastrofici e la nuova stagione turistica 2022 sarà influenzata da una qualsiasi delle gravi conseguenze sopra menzionate.

In un recente rapporto, il World Travel and Tourism Council ha sottolineato che gli sforzi per ripristinare il settore entro il 2022 sono soggetti a una soluzione a questo problema. I principali mercati turistici come Italia, Spagna, Portogallo, Francia, Regno Unito e Stati Uniti devono affrontare problemi simili. La principale raccomandazione del Consiglio per affrontare questo problema è di facilitare la circolazione delle risorse umane. “I governi devono rivedere le loro politiche sull’immigrazione, facilitare le procedure per i visti, promuovere i mercati locali e affrontare le questioni che potrebbero sorgere dai trattati fiscali”. STEK è nelle mani dei governi e degli organi competenti per trovare soluzioni a lungo termine e sostenibili a questo problema, ma a questo punto e per salvare il turismo entro il 2022, è necessario prendere urgentemente una decisione per consentire l’assunzione di personale da paesi terzi.

Rodolfo Cafaro

"Inguaribile piantagrane. Professionista televisivo. Sottilmente affascinante evangelista di Twitter. Imprenditore per tutta la vita."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.