La donna dietro la vittoria di Verstappen in Formula 1 – Notizie sportive su hockey su ghiaccio, sport sulla neve e altro ancora

Non c’è nessun “possibile” con esso. Hannah Schmitz ha preso una decisione, una decisione importante. Si tratta di vincere e, in definitiva, del titolo. Recentemente è stato attaccato sui social network.

Max Verstappen può rilassarsi e godersi una breve pausa senza correre con la sua ragazza Kelly Piquet. Già nel suo prossimo viaggio di lavoro si trovava di fronte alla possibilità di una seconda incoronazione a campione del mondo di Formula 1, probabilmente già a Singapore il 2 ottobre e quindi due giorni dopo il suo 25esimo compleanno.

Non ci sono più dubbi sulla nuova vittoria dell’olandese. Guida troppo bene per la competizione, le macchine della Red Bull sono troppo buone per la competizione – e poi ci sono loro.

Il suo nome: Hannah Schmitz. Titolo di lavoro: Ingegnere strategico senior. Predicato: molto prezioso. Verstappen una volta disse di Hannah Schmitz, quando l’inglese rimase “molto calma” nei momenti più stressanti: “Era molto gentile”. La “Gazzetta dello Sport” lo ha già elogiato definendolo un “genio”.

“La stratega di F1, genitore di 2 bambini, ama quello che faccio”, Hannah Schmitz si è presentata a Instagram, tra le altre cose. Ha poco più di 33.000 follower. Dopo le vacanze estive, come principiante dei social media, voleva davvero postare di più. Ci sono stati solo quattro contributi dal suo primo nel novembre 2019, quando è riuscito a salire sul podio con i vincitori Verstappen a San Paolo.

Un motivo c’è: Schmitz, sempre con i palmi delle mani verso l’interno per calmarsi, ha spianato la strada alla vittoria di Verstappen con una strategia audace e aggressiva. E lo ha fatto anche quest’anno sulla strada per il suo secondo titolo mondiale. Il ruolo di Schmitz al posto di comando è “il fulcro”, ha insistito una volta il team manager Christian Horner.

Ha iniziato come apprendista oggi capo stratega

Leggi anche

Formula 1 ungherese, 31.7.22

Ecco come vedere la Formula 1 in Ungheria in diretta TV e in streaming

Schmitz è una laureata a Cambridge, è madre di due figli, ma per il resto rivela poco di se stessa. Dice di sé che ha pianificato tutto. Quando si viaggia con la famiglia, le cose sono fatte il giorno prima.

Il tuo viaggio a Formula 1 iniziato nel 2009. Schmitz ha iniziato come stagista alla Red Bull Racing. Ha poi lavorato nel team strategico della scuderia quando Sebastian Vettel aveva ancora successo lì. Schmitz era stato capo stratega per circa un anno e mezzo.

“La strategia, il coraggio di correre rischi, il lampo di ispirazione, la perfetta sensibilità ai dati e la compostezza necessaria per prendere decisioni cristalline nella frenesia delle corse caotiche” sono richiesti in Formula 1, ha scritto l’austriaca “Kleine Zeitung”. L’anno natale della Red Bull e ha sottolineato: “Quasi nessuno oggi combina qualità come Hannah Schmitz”. È “molto chiaro” nelle sue decisioni, la parola “forse” non esiste per lui, ha detto il capo del motorsport della Red Bulls Helmut Marko.

Anche se gara vinta: ostilità in sociale Rete

Schmitz, che è supportato da una grande squadra – durante una gara, ad esempio, gli studenti ascoltano tutto il traffico radiofonico per ulteriori valutazioni – si è affermato in un mondo di cavalli che è ancora dominato dagli uomini. “Come stratega, devi dire a molte persone cosa fare – e loro devono ascoltarti, quindi è importante creare fiducia, e penso che sia molto più difficile come donna”, spiega sul team di gara sito web. Ora si era guadagnato questo rispetto.

Rispetto, che a volte si perde. Il successo arriva rapidamente. Proprio come di recente con la vittoria casalinga di Verstappen in Olanda. Il fatto che l’auto da corsa del team gemello Red Bull Alpha Tauri si sia rotta e abbia causato la fase di safety car ha acceso le fantasie complottistiche di alcuni fan di Formula 1. Schmitz è stato talvolta insultato sui social network. Tale comportamento odioso è intollerabile, Alpha Tauri ha reagito e ha respinto l’accusa di collaborazione.

Dopo la faida, Schmitz ha trovato la strategia ideale dai miliardi di punti dati nella gara seguita in Italia, e Verstappen, che attualmente guida la classifica con 116 punti, ha vinto anche a Monza. Con “decisioni calcolate” prese da Schmitz e dal suo team, la Red Bull ha tutte le informazioni per vincere la gara, secondo un articolo sul sito web del team di gara. Vecchi e forse nuovi campioni del mondo possono godersi qualche giorno senza corse di cavalli ancora più rilassati.

Intervista Red Bull con Hannah Schmitz

Piccolo articolo di giornale

Stand della Coppa del Mondo

© dpa-infocom, dpa:220920-99-831890/2

Gerardo Lucchesi

"Esploratore hardcore. Fanatico della musica hipster. Studioso del caffè malvagio. Appassionato sostenitore della tv."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.