La crisi di Imia: cosa è successo in una delle notti più drammatiche delle relazioni greco-turche – Notizie – notizie

Nella notte tra il 30 e il 31 gennaio 1996, Grecia e Turchia hanno preso una pausa dalla dichiarazione di guerra. Crisi imion culminato quella sera, ma iniziato pochi giorni prima, è stato uno degli eventi più critici nelle relazioni greco-turche degli ultimi decenni e una manifestazione del forte desiderio della Turchia di creare una zona grigia nel Mar Egeo.

Le implicazioni per l’equilibrio nell’Egeo in questo episodio possono essere viste nella reazione degli Stati Uniti quella notte.

Guerra della neve dopo il fallimento

“La telefonata del presidente ha dimostrato molto rapidamente la preoccupazione degli Stati Uniti al più alto livello”, ha affermato Richard Holbrooke, sottosegretario di Stato americano per l’Europa, nel suo libro.

“Oppure stiamo coordinando una maratona telefonica di otto ore (…) all’alba sul Mediterraneo orientale e le truppe turche hanno occupato un’altra piccola isola vicino a Imia/Kardak.

I greci se ne andarono, in circostanze non del tutto chiare. “La crisi è finita, ma il suo impatto riguarderà, direttamente e indirettamente, sia la Bosnia che il Mediterraneo orientale”.

La generalizzazione del conflitto è stata finalmente evitata, ma la crisi ha lasciato morti.

Tre ufficiali greci, Christodoulos Karathanasis, Panagiotis Vlachakos e Hector Gialopsos, sono morti quando il loro elicottero si è schiantato durante un volo di ricognizione.

La zona

Imia o Limnia è un complesso di due piccole isole disabitate (est e ovest) a est di Kalymnos. Appartengono al Dodecaneso e distano circa 3,6 miglia nautiche dalla costa turca. Dal 1984 al Crisis 1996 hanno ospitato pecore e capre dell’allevatore di Kalymnos Antonis Vezyropoulos.

Stato giuridico

1912
Dopo la fine della guerra italo-turca, il Dodecaneso passò sotto la proprietà italiana.

1923
La Turchia, con l’articolo 15 del Trattato di Losanna, riconosce ufficialmente la sovranità italiana. In linea con l’articolo 12, la sovranità turca è riconosciuta su tutte le isole fino a tre miglia nautiche dalla costa dell’Asia Minore, pertanto è esclusa Imia.

28 dicembre 1932
Il Protocollo Italo-Turco definisce in dettaglio il confine marittimo nel Dodecaneso e fa particolare riferimento al “centro tra le isole di Limnia e Cavus adasi” come 30° punto della linea di confine tra i due Paesi.

1947
Con l’accordo di Parigi del 1947, il Dodecaneso fu integrato nel territorio greco. L’articolo 14 chiarisce che si applicano i limiti fissati dal suddetto accordo.

1969
La Convenzione di Vienna, che codifica le norme consuetudinarie del diritto dei trattati, preclude l’estinzione di un trattato o la possibilità che parte di esso venga revocato, a condizione che siano definiti i confini.

25 dicembre 1995
La nave mercantile turca Figen Akat si incagliò, schiantandosi a tutta velocità, sull’isola rocciosa di Imia. Il capitano turco rifiutò l’aiuto della nave greca, dichiarando che Imia era territorio turco.

Il porto lo costrinse ad accettare l’aiuto dei rimorchiatori greci.

27 dicembre 1995
È iniziato lo scambio di comunicazioni segrete tra Grecia e Turchia in merito allo status quo della legge di Imia

24 gennaio 1996
L’annuncio è trapelato ai media greci.

25 gennaio 1996
Il sindaco di Kalymnos, Dimitris Diakomichalis, accompagnato dal comandante della stazione di polizia di Kalymnos, depone la bandiera greca sull’isola orientale di Imia.

27 gennaio 1996
Un gruppo di giornalisti e cameraman del quotidiano turco Hurriyet atterra con un elicottero privato nell’Imia orientale. Ha tolto la bandiera greca e l’ha sostituita con la bandiera turca.

Domenica 28 gennaio 1996

08:00 – 14:00
La motovedetta PN “Panagopoulos” distingue la bandiera turca a Imia.

L’equipaggio della pattuglia PN “Antonios”, seguendo gli ordini del capo di stato maggiore generale, ha abbassato la bandiera turca e ha rimesso quella greca. Il capo della GEETHA, l’ammiraglio Lyberis, ha informato il ministro della Difesa nazionale, Gerasimos Arsenis.

22:15
La pattuglia greca “Pyrpolitis” ha schierato sette truppe di rane nell’Imia orientale con la missione di custodire la bandiera.

Lunedì 29 gennaio

Il primo ministro turco Ziller ha detto che Imia era turca, aggiungendo “Questa bandiera verrà abbassata e questi soldati se ne andranno”.

“TO VIMA”, 4.2.1996, Archivio Storico “TO VIMA” & “TA NEA”

Il culmine della crisi

Martedì 30 gennaio
Una grande forza della flotta greca salpò dalla base navale di Salamina verso Imia. L’intero processo è stato seguito in diretta dalla rete televisiva greca.

Il personale turco ha ordinato l’occupazione dell’Imia occidentale.

Più di venti navi da guerra greche e turche si sono radunate nell’area.

13:15
Il Pentagono greco ha chiesto la possibilità di inviare commando nell’Imia occidentale. Quando i due elicotteri che li trasportavano erano in aria, gli ordini cambiarono e alla fine furono trasferiti a Kalolimnos.

“TO VIMA”, 4.2.1996, Archivio Storico “TO VIMA” & “TA NEA”

22:00
Gli Stati Uniti stanno intervenendo. Il presidente Clinton ha comunicato telefonicamente con Atene e Ankara.

La nave turca si avvicina a Imia. Gli Stati Uniti hanno chiesto loro di non intraprendere alcuna azione, assicurando che la Grecia si sarebbe ritirata.

Gli Stati Uniti stanno inviando cacciatorpediniere nella regione con i più avanzati sistemi di sorveglianza elettronica.

23:00
Furono impartiti ordini per la mobilitazione delle forze militari di Evros e delle isole dell’Egeo.

00:00
Il primo ministro Costas Simitis ha tenuto la riunione del KYSEA, ma non presso il centro operativo del Pentagono, dove i partecipanti hanno potuto avere un quadro completo e informazioni, ma nel suo ufficio in Parlamento.

01:00
Il Pentagono greco ha ricevuto informazioni sull’imminente azione militare della Turchia.

01:04
Distintivo Fregata Navarino: Nella zona sono presenti due elicotteri BLACK HOK.

01:15
Commando Turks, inosservato, sbarcò nell’Imia occidentale e issò la bandiera turca.

01:37
Marchio GEN: Finché l’elicottero cercherà di far uscire le persone. Per prima cosa lancia un razzo. Secondo per fare un colpo di avvertimento. Terzo ad essere abbattuto.

03:15
GENERE: C’erano informazioni che potrebbe essere successo qualcosa a Imia West. Trova e dimmi.

03:00 – 03:20
L’elicottero AB-212ASW “PN21” della fregata “Navarinon” è decollato per il riconoscimento. Accendi i riflettori e cerca. L’equipaggio era composto dal tenente Christoudoulos Karathanasis, dal tenente Panagiotis Vlachakos, dal capo Hector Gialopsos.

03:30
GENERE: Ci sono notizie secondo cui 30 persone hanno scalato l’isola occidentale di Imia. Lascia che il “soldato” vada a controllare con il proiettore e poi scendi dall’unità di comando sottomarino.

03:36
NAVARINO: Ora sono scesi sulla barca e si stima che il movimento sarà completato entro 30 minuti.

Il team OUK ha avuto un problema con la batteria wireless e ha dovuto prima recarsi a Imia East per ottenere un backup da un altro team.

03:42
Il capo della GEETHA, l’ammiraglio Lyberis, diede ordine di scoprire con qualsiasi mezzo se c’erano dei commando turchi nell’Imia occidentale.

04:08
GENERE: Questo requisito è stato enfatizzato prima che OU facesse coming out per assicurarsi che non ci fossero uomini a Imia West.

04:27
GENERE: C’è un annuncio turco che la bandiera turca sta sventolando e ci sono soldati turchi sull’isola.

L’elicottero si è schiantato

04:28
NAVARINO: Piove in quella zona. Bassa visibilità. Cercando di trovare qualcosa.

04:50
NAVARINO: Ci sono diverse persone sull’isola.

04:56
GENERE: Lascia che la nostra UC rimanga a “WARRIOR”. Elicotteri per procedere per maggiori dettagli.

04:59
NAVARINO: Si stima che ci fossero circa 10 persone, non sappiamo chi fossero.

05:04
GENERE: Elicottero per il ritorno.

05:05
NAVARINO: Ho perso il contatto con l’elicottero. L’ultimo rapporto è EMERGENCY 1,5 miglia a nord della destinazione.

05:13
GENERE: Hai comunicazione?

05:14
NAVARINO: Negativo.

GENERE: Sei mai stato in contatto?

05:15
NAVARINON: Abbiamo sentito che ha fatto solo una chiamata.

GENERE: Ce l’hai sul radar di superficie?

NAVARINO: Negativo.

La fregata turca, che è entrata nella frequenza dell’elicottero, lo chiama, se ha problemi ad atterrarvi. Il pilota ha rifiutato.

05:30
L’equipaggio del razzo “STARAKIS” blocca detriti e macchie di carburante sulla superficie del mare. Contestualmente si diede ordine di disimpegnarsi e di abbandonare gradualmente prima le barche grandi e poi quelle più piccole.

“TO VIMA”, 4.2.1996, Archivio Storico “TO VIMA” & “TA NEA”

05:40 – 05:45
GENERE: Verso FIREFIGHTER, le unità amiche e nemiche lasceranno l’area.

NAVARINO: Come ottengo informazioni su chi parte? Se possibile, alla fine andrei a prendere i selvaggi.

05:58
GENERE: Le istruzioni sono una di queste e uno di noi lascerà l’area. Gli ordini saranno effettuati da GEN. L’UOMO DEL FUOCO andrà per ultimo dopo aver raccolto l’UC e la BANDIERA. Rimani per l’elicottero Voglio il nome dell’equipaggio.

06:00
NAVARINO: Il tenente Karathanasis, il tenente Vlachakos, capo di Gialopsos

07:00
Inizia l’attuazione dell’accordo per il rilascio

07:12
GENERE: Inizia a prendere la bandiera e il mondo. Fammi sapere se lo stesso viene fatto da altri.

07:59 – 08:00
I greci consegnarono la bandiera greca dall’Imia orientale e pochi secondi dopo i turchi dall’Imia occidentale. L’equipaggio della corazzata “Pyrpolitis” ha ricevuto la bandiera greca.

“TO VIMA”, 4.2.1996, Archivio Storico “TO VIMA” & “TA NEA”

11:00
Il corpo di Christodoulos Karathanasis trovato da “STARAKIS”

“TO VIMA”, 4.2.1996, Archivio Storico “TO VIMA” & “TA NEA”

1 febbraio

15:00 – 17:00
Un C-130 è arrivato all’aeroporto di Kos e da lì è stato trasportato da Rodi a Elefsina, il capitano della nave greca coinvolta.

2 febbraio

00:00
Un’ampia riunione si è tenuta ad Elefsina, nella sala del Consiglio supremo navale con la partecipazione del capitano e comandante delle operazioni navali, capo e vice capo della marina, viceministro della marina Nikolaos Kouris dello stato maggiore ammiraglio Lymres Arsenis ha chiesto informazioni sui motivi dello schianto dell’elicottero. La risposta data è stata questa: “Ministro, se colpiamo un passero tutto l’elicottero sussulta. L’elicottero verrà abbattuto e non capiremo niente”?

6 febbraio
L’elicottero fatale PN21 era a una profondità di 95 metri. All’interno c’erano i corpi dei tenenti Panagiotis Vlachakos e Hector Gialopsos.

17 febbraio
Il 17 febbraio 1996 il razzo “Starakis” ricevette un elicottero e lo trasferì nel porto di Salamina in completa segretezza. I contenuti di questo studio sono classificati come riservati.

La promessa di investimento del capo di JP Morgan

Seguire in Google News ed essere il primo a conoscere tutte le novità
Vedi tutte le ultime notizie dalla Grecia e dal mondo, da

Rodolfo Cafaro

"Inguaribile piantagrane. Professionista televisivo. Sottilmente affascinante evangelista di Twitter. Imprenditore per tutta la vita."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.