Karel Hvížďala: La storia di Spiro sulla Russia

Questo è un estratto dal nuovo libro dell’autore ungherese settantaseienne György Spiró chiamato Diavolina, che è anche il nome del narratore dell’intera storia di Gorkij. Tradotto da Robert Svoboda, pubblicato dall’editore Novela bohemika.

Leggi anche

Questo libro spiega disadorno, indiscriminatamente, spesso in grande dettaglio, cosa avveniva attorno a questo scrittore indubbiamente talentuoso. Prima Lenin e poi Stalin li domarono, li servì incessantemente per tutta la vita, ma d’altra parte cercò di aiutare qualsiasi artista di talento prima della persecuzione e dell’esecuzione.

Ad un certo punto, il narratore, ex cameriera dell’attrice e partner di Maxim Gorky, che in seguito studiò medicina e si prese cura di Gorky fino ai suoi ultimi giorni, spiega questa dualità con i suoi due nomi. Affermò che Peshkov si considerava onesto, solo Gorky fallì. Il libro afferma letteralmente: “Peshkov non è responsabile di ciò che fa Gorky. Non tollera le critiche. Lo ascolta come Peshkov, che sembra anche lui seduto su una spina; quello che fa Gorky, non ha nulla a che fare con esso. “

Leggi anche

Ma il suo fallimento, perché il suo talento era ammirato da tutte le parti, come se fosse stato mandato da Dio, ebbe gravi conseguenze. È stato il più grande traditore di Alexej Peškov, che, nonostante varie difficoltà, ha interpretato il ruolo di servo per tutta la vita. Di lui si dice: Finalmente è venuto uno del popolo. Una promessa più grande di Dostoevskij, Tolstoj, Cechov e Merezhkovsky messi insieme. In lui, sono le persone stesse a bussare alla porta della letteratura russa. E se solo la Russia! Dove qualcuno spera che il 20° secolo colpisca il decadimento della Russia. E come dice il narratore, l’ha sentito da nobili e democratici, da mogli industriali, da narodnik e critici, tutti felici che ciò che stavano aspettando fosse finalmente arrivato.

Ma è proprio dal modo in cui si comporta, dal suo grande talento al servizio di un regime così terribile che il suo nome Gorky, dopo i suoi primi successi soprattutto con il dramma At the Bottom negli Stati Uniti e in Europa, prefigura ciò che sta realmente accadendo là. Ciò è dovuto anche al fatto che è stato paragonato a Mile Zola per il suo naturalismo e che è stato apparentemente influenzato da Friedrich Nietzsche, soprattutto all’inizio.

Leggi anche

Subito dopo il ritorno dall’estero, dove trascorse gli anni dal 1906 al 1913, interruppe i rapporti con i bolscevichi principalmente a causa del terrore perpetrato contro i politici dell’opposizione. Per questo trascorse anche le estati successive, dal 1921 al 1928, all’estero, dove fu curato per la tubercolosi: prima in Germania, poi in Italia e per qualche tempo a Mariánské Lázně, ma nonostante quello che sapeva difendeva anche la politica russa . dall’estero.

Anche se probabilmente dovrebbe anche sapere che il primo attentato a Lenin avvenne alla fine di agosto 1918, secondo l’opinione dell’intero St. Pietroburgo, organizzato da importanti rappresentanti della Ceka, affinché potessero sbarazzarsi di lui. chiunque, in altre parole, per rinchiuderlo o mandarlo in esilio o ucciderlo. Allora la gente non aveva molta paura, ecco perché si parlava apertamente di questo sospetto. Secondo questo documentario, le opinioni divergono solo sul fatto che Lenin abbia partecipato personalmente ai preparativi per l’assassinio. Maxim Gorky tornò in Russia nel 1928 su invito di Stalin e vi morì nel 1936.

Leggi anche

Non ha senso che la morte di Maxim Gorky sia stata usata per eliminare simili omicidi in Russia in quel momento. Un anno dopo la sua morte, Jagoda, il comandante dell’NKVD, che era il nuovo nome della Cheka, la polizia segreta, fu fucilato. Fu accusato di aver ucciso Gorky e suo figlio Maxim, ma anche di aver ucciso i politici Kuybyshev, Menzhinsky e Kirov. Allo stesso modo, tutti i medici che curarono Gorky furono giustiziati: Levi, Pleťnov, Kazakov. Con loro Zinoviev, Kameněv e Krjučkov furono condannati a morte per fucilazione. E anche tutti quelli che hanno visitato Gorky a Sorrento, in Italia, sono stati uccisi.

Secondo il narratore del romanzo, poco prima della sua morte, Maxim Gorky decise di scrivere una lettera a Stalin su Shostakovich, ma lo lasciò a metà perché non era sicuro se lo avrebbe ferito difendendolo. Nella sua lettera scritta cita anche Mejerchold e Babel. Shostakovich sopravvisse, Mejerchold e Babylon furono giustiziati.

Franco Fontana

"Fanatico della musica amatoriale. Ninja dell'alcol. Piantagrane impenitente. Appassionato di cibo. Estremamente introverso. Nerd di viaggio certificato."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.