inflazione media 1,9% nel 2021, più alta dal 2012

I prezzi al consumo in Italia sono aumentati in media dell’1,9% nel 2021, trainati dal settore energetico, un aumento senza precedenti dal 2012, secondo i dati intermedi pubblicati mercoledì dall’Istituto nazionale di statistica (Istat). . L’inflazione è stata trainata dall’impennata dei prezzi dell’energia, saliti del 14,1% lo scorso anno, dopo essere scesi dell’8,4% nel 2020. Nel corso del 2020 i prezzi al consumo sono scesi dello 0,2%, ricorda l’Istat.

GUARDA ANCHE – Piano di ripresa: l’Italia ha raggiunto tutti gli obiettivi fissati per il 2021, secondo Mario Draghi

A dicembre i prezzi sono nuovamente aumentati, aumentando del 3,9% nell’anno, rispetto al 3,7% di novembre. Tuttavia, i prezzi dell’energia hanno leggermente rallentato i loro guadagni su un anno a dicembre, al 29,1%, rispetto al 30,7% di novembre. I prezzi degli alimenti trasformati sono invece aumentati del 2%, in aumento rispetto a novembre (1,4%). In un mese, secondo l’Istat, i prezzi sono aumentati dello 0,4% a dicembre.

Ridurre l’aumento dei prezzi dell’energia

L’indice di inflazione calcolato secondo lo standard di armonizzazione dell’Unione Europea (IPCA) è aumentato a dicembre dello 0,5% nel mese e del 4,2% durante l’anno. Per tutto il 2021 il tasso medio di armonizzazione ha raggiunto l’1,9% (contro -0,1% nel 2020).

Per ridurre l’aumento dei prezzi dell’energia, lo Stato italiano ha sospeso o ridotto le tasse e gli oneri legati alla bolletta del gas e dell’elettricità. Il budget 2022 prevede 3,8 miliardi di euro per sostenere un forte aumento delle bollette della famiglia. Di fronte all’impennata delle bollette di elettricità (+55%) e gas (41,8%) previste nel primo trimestre, si sta valutando un nuovo ampliamento del budget.

Rodolfo Cafaro

"Inguaribile piantagrane. Professionista televisivo. Sottilmente affascinante evangelista di Twitter. Imprenditore per tutta la vita."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.