Incidente della funivia in Italia: la società Leitner sta indagando fornisce tecnologia anche alla Repubblica Ceca

I pubblici ministeri italiani stavano indagando su una funivia nel nord Italia a maggio con la morte di altre nove persone e due società. Si tratta per lo più di dipendenti dell’azienda responsabili dell’ispezione e della manutenzione delle apparecchiature, ha riferito oggi l’agenzia ANSA. In precedenza, i ricorrenti avevano avviato le indagini sull’incidente di massa dell’amministratore delegato e direttore operativo della società che gestisce la funivia e del capoturno.

Tra le persone giuridiche indagate c’è la società altoatesina Leitner, che è uno dei principali produttori di funivie in Europa e ne cura la manutenzione. L’azienda spedisce la sua tecnologia anche nella Repubblica Ceca. Tra i suoi investigatori ci sono i suoi manager: il presidente del consiglio Anton Seeber e il co-proprietario Martin Leitner.

La società aveva precedentemente annunciato di volersi inserire tra le parti lese. DNes spera di dimostrare di non essere coinvolto nel disastro e continua a collaborare con le autorità. Indagata anche la società Ferrovie del Mottarone, che gestisce una funivia sul lago alpino Lago Maggiore.

La cabina della funivia con 15 passeggeri si è schiantata contro un terreno boscoso e difficile da raggiungere domenica 23 maggio. L’unico sopravvissuto allo schianto era un ragazzo israeliano. Viveva con i genitori ei fratelli, morti in autunno, nel nord Italia. L’incidente, secondo gli inquirenti, sarebbe stato causato dalla rottura di una fune di traino e dal malfunzionamento del freno di emergenza.

Nei giorni successivi al disastro, il procuratore generale Olimpia Bossi ha arrestato tre uomini: l’amministratore delegato Luigi Neri, il direttore operativo Enrico Perocchius e il capoturno Gabriel Tadini. Secondo l’accusa, i tre uomini hanno accettato di bloccare il freno di emergenza per garantire il buon funzionamento della funivia, il cui funzionamento si è bloccato per ragioni sconosciute. Tuttavia, il giudice di sorveglianza ha rilasciato tre persone dal carcere, ordinando solo a Tadini di essere posto agli arresti domiciliari. Secondo il giudice, il pubblico ministero non ha dimostrato i suoi sospetti con risultati sufficientemente solidi.

Testimonianza terrificante dalla funivia della morte: una donna filma il suo viaggio poco prima della sua caduta mortale

Rodolfo Cafaro

"Inguaribile piantagrane. Professionista televisivo. Sottilmente affascinante evangelista di Twitter. Imprenditore per tutta la vita."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.