Il prossimo investimento dell’imprenditore A. Michalopoulos in un hotel a…

Di Vickys Kourlibini

I piani di investimento dell’imprenditore Angelos Michalopoulos, che già possiede, come detto, 1/3 dell’isola, compreso l’ampliamento delle due unità alberghiere che ha già in portafoglio a Ios.

I nuovi investimenti, secondo il rapporto, sono in attività esistenti e mirano a fungere da progetti complementari (costruzione massima 1%) per le proprietà esistenti nelle aree di Loukas, Pikri Nero e Koumbara.

Nello specifico, su un’area di 1.000 ettari nella zona di Pikri Nero, il piano di investimento prevede lo sviluppo di 30 vani e 30 ville. Su un’area di 690 ettari nella zona di Koumbara (Calilo Loemo) è prevista la realizzazione di 40 camere e 20 ville, compreso un centro congressi. Nella zona, la famiglia mantiene la boutique di lusso Agalia con 16 suite.

Infine, nella zona di Calilo Max a Papas, il progetto prevede 70 camere e 40 ville. Il resort Calilo vi opera da quattro anni, un nuovo investimento con 30 suite.

Investimento della famiglia Michalopoulos a Ios

Tra il 2003 e il 2008, l’imprenditore Angelos Michalopoulos ha acquistato un terreno sull’isola. Di solito sono stati effettuati un totale di 182 acquisti di terreni con 2.137 venditori diversi. L’importo dell’investimento che la famiglia ha affermato essere stato effettuato in equità non è stato rivelato.

Il primo passo è stato compiuto nel 2012 con l’apertura del Free Beach Bar sulla spiaggia di Mylopotas. Nel 2014 ha aperto l’hotel Agalia con le sue prime 13 suite e nello stesso anno ha aperto anche la lounge Pathos. Questo è stato seguito nel 2017 dal beach bar Erego sulla spiaggia di Koumpara, mentre dal 2019 il gruppo ha aperto il resort di lusso di Calilo sulla costa meridionale di Papas.

Come ha notato la famiglia Michalopoulos, la decisione è stata di costruire solo l’1% della terra a loro disposizione e lasciare il resto non edificato.

“Dal 2006 al 2011 c’è stata una strategia generale su come sarebbe stata modellata questa terra e quale sarebbe stata la sua funzione. Dopo 6 anni abbiamo iniziato a investire nel settore del turismo e dell’ospitalità, pianificando attentamente per garantire che la nostra strategia avesse il giusto effetto. La nostra famiglia si è impegnata a valorizzare solo l’1% della terra di sua proprietà e non il 10% previsto dalla legge per gli investimenti turistici, così possiamo riuscire a preservare la bellezza naturale dell’isola proteggendola dal degrado ambientale e dai cambiamenti che seguono il turismo di massa ,” Egli ha detto.

Dalla borsa di New York a Ios

L’imprenditore 60enne è nato in Grecia nel 1962. Fino all’età di 18 anni ha vissuto ad Atene. Si è poi trasferito negli Stati Uniti, dove ha studiato Economia e Scienze Politiche alla Cornell University. Si è dilettato nei mercati monetari ed è diventato uno dei giovani booker più talentuosi di Wall Street, gestendo infine fondi multimilionari, trattando azioni, obbligazioni e materie prime.

È seguito negli Stati Uniti da Vasso Petridis, della famiglia di calzature Petridis, con cui collabora da quarant’anni. Hanno cinque figli, che sono coinvolti nell’attività alberghiera di famiglia.

Sono tornati a Ios dopo il 2000, dove hanno iniziato a investire in terreni e hotel attraverso le filiali di Nero SA, Lucas SA e 105 SA.

Oltre agli investimenti in hotel, disegna e dipinge e il suo lavoro è ospitato nei suoi hotel e ristoranti.

Congelamento da parte della Suprema Corte

A maggio, il CoE ha congelato gli investimenti nel Tourist Accommodation Complex per un complesso alberghiero a cinque stelle sulla costa di Koumbara, poiché non erano stati elaborati piani di uso del suolo nell’area o studi sulla capacità di carico dell’isola. Complex Tourist Accommodation è stato approvato nel 2014.

Il CdE osserva che il piano di uso del suolo deve essere conforme al piano generale, che nel caso di Ios è il quadro regionale dell’Egeo meridionale (PPNA). Secondo PPNA, le attività economiche nelle isole devono essere equilibrate e non ci dovrebbe essere una dipendenza unilaterale dal turismo. Inoltre, le attività turistiche dovrebbero essere svolte all’interno di aree riservate e dovrebbero essere effettuati studi di capacità tenendo conto delle dimensioni di ciascuna area, delle risorse naturali e umane, delle infrastrutture, ecc.

Il progetto prevede unità a cinque stelle e abitazioni arredate, 249 posti letto, una spa e altre opere di supporto, tra cui un impianto di dissalazione, con una capacità produttiva di circa 300 metri cubi di acqua potabile al giorno, oltre a un serbatoio idrico. cisterne, opere portuali (trasporto banchina servizio clienti navi), spiaggia artificiale – baia Koumbara, spiaggia artificiale – baia Maniata, piscina, viabilità interna, rete infrastrutturale interna, ecc.

Cosa ha detto del modello Ios?

Secondo l’imprenditore, ad oggi sono stati implementati tre principali modelli di sviluppo nelle destinazioni turistiche.

Il primo riguarda il massiccio sviluppo e sovrasviluppo che si è verificato su isole come Mykonos e Santorini che offre immediatamente enormi vantaggi commerciali, ma danneggia permanentemente l’ambiente per le generazioni a venire. Il secondo modello di sviluppo è lo sviluppo zero, che può salvare l’ambiente nel breve termine, ma distrugge il futuro, perché prima o poi le popolazioni locali, vedendo il successo economico di altre isole, scelgono di rinunciare, producendo il primo modello di costruzione e distruggendo l’ambiente.

“Proponiamo un terzo modello di sviluppo, basato su costruzioni basse combinate con prodotti turistici di alto livello. Questa opzione garantisce la fattibilità economica a lungo termine del progetto e allo stesso tempo l’ambiente naturale e il carattere dell’isola, ” ha sottolineato.

Xaviera Violante

"Premiato studioso di bacon. Organizzatore. Devoto fanatico dei social media. Appassionato di caffè hardcore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.