Il pm si occuperà dell’edilizia rigenerativa tra pochi giorni

Fiscal City riunirà esperti in bioedilizia questo fine settimana che discuterà la rigenerazione di questa costruziones in 18 convegni che si terranno dal 23 al 25 settembre, un luogo per condividere esperienze e conoscenze.

In una conferenza stampa ai media questo lunedì, il sindaco fiscale, Manuel Larrosa, ha fatto riferimento a questa opportunità “Come generare il futuro, nel difficile contesto del cambiamento climatico e della scarsità di combustibili fossili”. Per Lars, “Il nostro più grande valore è il nostro ambiente” e con questi giorni “si torna un po’ indietro a quello che facevano i nostri padri, che costruivano case con quello che avevano sul territorio”.

La conferenza è stata organizzata dall’Istituto spagnolo di Baubiologie (IEB) e dal Fiscal City Council per includere conferenze, tavole rotonde, workshop e visite dal titolo “Progettare una cultura rigenerativa”.

L’architetto e presidente di IEB, Petra Jebens-Zirkel, ha evidenziato che lQuesta mostra include esempi di materiale in Fiscal. Ha sottolineato che la conferenza si aprirà venerdì 23 ottobre, con una delle questioni attuali come “restauro del villaggio e cultura contadina”, che è una giornata aperta al pubblico. A questa tavola rotonda, discuteranno “possibilità di innovazione rurale, reti economiche solidali e ruolo della pubblica amministrazione”.

In programma per il prossimo fine settimana, ha sottolineato la partecipazione al convegno degli architetti italiani Tiziana Monterisi, che presenterà case realizzate da loro stessi con paglia, riso e fango. “Sono edifici stampati in 3D che vengono eretti nei locali e spiegheranno come fare un riciclo capace di economia circolare e decarbonizzazione, senza produrre rifiuti fossili o CO2”, spiega il presidente di IEB.

D’altra parte, si riferisce a Petra Jebens-Zirkel tavola rotonda “Dalla sostenibilità alla rigenerazione” in programma sabato alle ore 17.00 Come detto, “non basta la sostenibilità e bisogna parlare di rigenerazione e di edifici e di azioni che rigenerano”. Vi hanno partecipato Jorge Riechmann, professore di filosofia morale all’UAM, insieme all’architetto Orilo Roselló e al biologo Daniel C. Wahl.

Sabato mattina, È prevista la partecipazione di Iñaki Urquía, specialista nella costruzione di paglia e altri materiali come legno e argilla, insieme agli insegnanti dell’IEB. per discutere “Nuove Emergenze: appunti per un nuovo modo di vivere”, alle 12.00.

Quello stesso sabato pomeriggio, alle 18:45, ci sarà un workshop partecipativo con José Luis Escorihuela ‘Ulysses’, ricercatore, consulente e facilitatore su “Recupero e rigenerazione”. Secondo Petra Jebens-Zirkel, “piccoli gruppi presenteranno i loro progetti, idee per rigenerare una rete di persone interessate a questo argomento”.

Anche domenica ci sarà la visita alla Casa Biologica di Boltaa.

Tra le aziende partecipanti spicca la presenza di due di esse specializzate nella conduzione di “bagni secchi” in aree naturali protette. nessuna fornitura di acqua o elettricità per il prossimo venerdì. Ci saranno anche laboratori su legno di tiglio e argilla.

Casa di bioediliziaSecondo Petra Jebens-Zirkel, “forniscono isolamento termico, protezione del tetto dal sole estivo e richiedono meno riscaldamento. Quindi c’è meno manutenzione del riscaldamento in un ambiente salubre come in natura”.

Nel frattempo, Mamen Pardina, del dipartimento di comunicazione di IEB, lo ha sottolineato la mission del gruppo “non è solo quella di fornire linee guida per costruire in modo sostenibile, ma l’obiettivo è anche quello di garantire la salute delle persone che abitano questi spazi interni. e soprattutto la salute del pianeta”.

La conferenza, ha affermato, “vuole essere un forum di dibattito molto interessante per guidarci e imparare a costruire case di fronte a queste limitazioni”.

Rodolfo Cafaro

"Inguaribile piantagrane. Professionista televisivo. Sottilmente affascinante evangelista di Twitter. Imprenditore per tutta la vita."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.