Il numero di persone al di sotto della soglia di povertà in Russia è aumentato drammaticamente. Questo è solo l’inizio, dicono gli esperti – Forum24

Esattamente il giorno in cui la guerra in Ucraina continuò nel suo 112° giorno, il St. Lancio di Pietroburgo. Molte compagnie occidentali questa volta non sono venute e la partecipazione della delegazione talebana ha attirato l’attenzione. Il leader Vladimir Putin è stato ottimista sulle prospettive future della Russia, ma almeno non è troppo brillante al momento.

Nel dibattito su Libertà radiofonica Diversi esperti hanno commentato la guerra e la situazione in Russia. Uno di questi è il giornalista russo Igor Yakovenko. Ha valutato l’impatto della guerra sulla stessa Russia:

Continuare a leggere

Due facce di maiale nel nuovo FORUM Weekly: un populista e un politico in grave conflitto di interessi

leggi l’articolo »

“Parlando di alcuni dei risultati temporanei di questa guerra, il numero di persone che vivono al di sotto della soglia di povertà in Russia è aumentato del 69% nel primo trimestre. Non si tratta di stime di esperti, ma di dati Rosstat. I redditi dei cittadini sono diminuiti del 24%. Ancora una volta , questi sono i dati di Rosstat. Quindi è difficile dire che per noi va tutto bene. È chiaro dove sta andando. Le sanzioni non hanno iniziato a funzionare bene e avranno un impatto, probabilmente alla fine del estate, a fine anno… La guerra non è entrata in una fase più o meno decisiva,

Un altro fattore è il supporto militare occidentale all’Ucraina:

“Non è ancora chiaro cosa accadrà quando ci sarà una fornitura completamente ininterrotta di armi della NATO e l’esercito ucraino sta ancora iniziando a riconquistare il suo territorio. Le risorse di propaganda sono già limitate qui. Sarebbe difficile immaginare cosa accadrebbe se l’ucraino l’esercito ha riconquistato almeno la regione di Kherson. , come può essere tenuta segreta, come può spiegare la totale onnipotenza della macchina dell’informazione russa”.

Secondo Jakovenko, questa guerra è assurda. Putin è in grado di governare felicemente:

“Penso che la cosa principale sia che c’è ancora follia nella testa di Putin. Poiché Putin non ha una ragione razionale, l’unica ragione razionale è che faccia quello che ha fatto il 24 febbraio. Sì, è riuscito a intimidire e sottomettere l’élite che ha aveva scelto e conquistato diligentemente per 22 anni. Ciò che è stato effettivamente selezionato a seguito di una selezione negativa è ciò che abbiamo assistito in prima persona alla famigerata riunione del Consiglio di sicurezza alla vigilia dell’invasione, questo è un peccato per un numero di personaggi vuoti.

Non finirà finché il regime di Putin non sarà definitivamente distrutto, ma nessuno ora può prevedere quando accadrà: Italia e Giappone, o dopo la morte di un dittatore, come è successo a Mussolini e Salazar. Penso che una di queste due opzioni si applicherà anche al regime di Vladimir Putin”.

Continuare a leggere

()

Abbiamo aperto una mostra di Giornali secondo i maiali. Si vedrà fino alla fine di giugno

leggi l’articolo »

Yakovenko diffida dei sondaggi di opinione che mostrano un alto sostegno a Putin e alla sua guerra. Secondo lui, le persone non dicono quello che pensano nel loro sondaggio: “Naturalmente, l’amore della gente per Putin non è aumentato. Sono un po’ seccato dal fatto che il rispettatissimo Levad Center continui a fare ricerche sui regimi totalitari e a utilizzare sondaggi di opinione Perché immagina, per esempio. , nel Terzo Reich, qualcuno si avvicinò alla gente e chiese: “Appoggiate le politiche di Hitler?” Sarebbe molto strano.Naturalmente, nel nostro caso, la domanda era: ‘Cosa ne pensi di questa operazione speciale?’ rispondi: ‘Sono sicuro di questo. Posso andare ora, compagno maggiore, o hai ancora domande?'”

Secondo i giornalisti, ci sono più segnali che l’entusiasmo non sia così grande come dopo l’annessione della Crimea nel 2014: “Persone che hanno assistito con i propri occhi a quello che è successo nel 201416, hanno visto che in metropolitana, negli zaini dei giovani, nelle borse delle massaie, sui colletti di giacche da uomo di diverse età, ci sono S. Giorgio alla rinfusa. Ogni seconda o terza macchina è decorata con questi nastri. Oggi questi nastri li troviamo raramente, sono quasi assenti in auto, vestiti, zaini e borse. Sono ampiamente distribuiti solo su piattaforme cosiddette protette dal punto di vista amministrativo, come taxi, trasporti pubblici o edifici per uffici, dove possono essere visti.

Continuare a leggere

()

Ci sono novità! Acquista il nuovo libro di Jan Jandourek, A Guide to Finding Security

leggi l’articolo »

Ma la società russa non sembra protestare: “Per quanto riguarda le conseguenze socioeconomiche, non vedo nemmeno il potenziale per la protesta dell’opinione pubblica russa in questo caso. Poiché non c’è opposizione nella società russa, c’è nessuna struttura di protesta, nessuna struttura di leadership, niente di tutto questo. Sembra molto improbabile che io nasca dal nulla. Pertanto, questo sarà un periodo di decadenza. Ancora una volta, mi sembra che la soluzione a questa guerra sia una schiacciante sconfitta militare del regime di Putin. È possibile quest’anno? Non lo so. Non sono sicuro che anche gli esperti militari, che comprendono in modo sproporzionato la situazione in prima linea, possano prevedere adeguatamente gli sviluppi di oggi”.

La specificità della situazione attuale della Russia è che l’attuale leadership non mostra alle persone il futuro, si rivolge semplicemente al passato.

“Il regime di Putin non ha ideologia; poiché il livello di impotenza è molto alto, queste persone non sono in grado di far nascere un’ideologia, anche se vogliono davvero, provarci davvero, ma non possono, creano una mitologia. La differenza fondamentale è che l’ideologia in vari modelli contiene sempre una certa immagine del futuro, la mitologia si rivolge sempre al passato.

La Russia di oggi non ha nemmeno quello che hanno gli altri sistemi totalitari: “A differenza del comunismo, che è un’idea di futuro, del fascismo, che è anche un’idea di futuro, dell’Impero Millenario, a differenza anche di una versione radicale dell’Islam , che contiene anche l’idea del futuro. futuro certo, nessuna idea futura, nessun progetto, nessuna tabella di marcia”.

Franco Fontana

"Fanatico della musica amatoriale. Ninja dell'alcol. Piantagrane impenitente. Appassionato di cibo. Estremamente introverso. Nerd di viaggio certificato."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.