I newyorkesi rilevano il poliovirus nelle acque reflue municipali e sono preoccupati per la circolazione nella comunità

(Mary Altaffer/Pool via REUTERS)

Dipartimento della Salute New York ha annunciato venerdì di aver rilevato il poliovirus nelle acque reflue municipali, che lancia l’allarme sulla possibile circolazione della comunità della malattia.

La dottoressa Mary Bassett, commissaria sanitaria dello stato di New York, ha definito i risultati preoccupanti. Ha notato che i funzionari locali e federali della zona stavano valutando fino a che punto la poliomielite si fosse diffusa in città e in tutto lo stato.

È una malattia quella può causare una paralisi permanente delle braccia e delle gambe e, in alcuni casi, la morte. I funzionari sanitari chiedono alle persone che non sono vaccinate di essere vaccinate immediatamente.

La vaccinazione antipolio di New York è diminuita negli ultimi anni
La vaccinazione antipolio di New York è diminuita negli ultimi anni

Le vaccinazioni di routine tra i bambini sono diminuite a New York City dal 2019, sollevando preoccupazioni e aumentando il rischio di un focolaio, secondo i funzionari sanitari. Circa il 14% dei bambini di New York di età compresa tra 6 mesi e 5 anni non hanno completato la serie di vaccinazioni contro la poliomielite, quindi non sono completamente protetti dai virus.

Ci sono quartieri nelle città in cui meno del 70% dei bambini di questa fascia di età conosce le proprie vaccinazioni, mettendoli a rischio di contrarre la poliomielite.

Il rilevamento del virus nelle acque reflue si è aggiunto ai casi noti nello stato nelle ultime settimane, sollecitando l’azione dei Centers for Disease Control (CDC) statunitensi. Una commissione di esperti si è recata nella contea di Rockland e, secondo le persone che li hanno incontrati, erano “piuttosto nervosi” perché la poliomielite “potrebbe sfuggire al controllo molto rapidamente e potremmo avere una crisi tra le mani”, secondo una dichiarazione riprodotta da CNN.

Personaggi pubblici che hanno incontrato il team del CDC hanno avvertito che non c’era ottimismo tra gli specialisti, anche se solo questo venerdì, con i risultati a New York, si ritiene che ci sarà una reale consapevolezza del potenziale di questo focolaio.

Secondo gli ultimi dati, il tasso di vaccinazione antipolio a Rockland e Orange, a nord di New York City, è solo del 60%, rispetto al 93% in altre parti degli Stati Uniti. Le persone immunocompromesse possono essere suscettibili anche se completamente vaccinate.

CONTINUA A LEGGERE:

La Cina rileva 35 casi umani di nuovo virus di origine animale
Allerta in Cina per un nuovo virus di origine animale che contagia l’uomo: dobbiamo preoccuparci?

Rodolfo Cafaro

"Inguaribile piantagrane. Professionista televisivo. Sottilmente affascinante evangelista di Twitter. Imprenditore per tutta la vita."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.