gruppi armati nel nord e la giunta firmano un accordo per allentare le tensioni

Gruppi armati del nord del Mali, firmatari di uno storico accordo di pace con Bamako, hanno concordato mercoledì a Roma con la giunta di disinnescare le tensioni tra di loro, ha detto giovedì (3 febbraio) un portavoce di questi gruppi. Questi gruppi armati sono attori chiave nella crisi del Mali e le forze dominate dai militari hanno interesse a non alienarli.

Tra loro ci sono tuareg e gruppi nazionalisti arabi che si sono ribellati al governo centrale dopo l’inizio dell’indipendenza e una rivolta jihadista nel 2012. Sono raggruppati nel Coordinamento del Movimento Azawad (CMA). D’altra parte, c’erano i lealisti della Piattaforma, che hanno combattuto contro di loro, e altri gruppi minori.

Accordi che “faciliteranno il legame”

Nel 2015, CMA e Platform hanno firmato con il governo il cosiddetto accordo di pace di Algeri. L’attuazione di questo accordo è considerata importante per la stabilizzazione del Paese, che è ancora in fermento politico e di sicurezza. Ma l’applicazione si è bloccata a causa della disillusione dei gruppi armati, che controllano gran parte del nord, e le tensioni sono aumentate con la presa del potere della giunta a Bamako con la forza nell’agosto 2020. I gruppi armati e il governo hanno raggiunto mercoledì un accordo a Roma che “faciliterà il collegamento“, ha raccontato all’Afp Moussa Ag Acharatoumane, portavoce della struttura che riunisce i gruppi disparati.

Nazione “s’impegnacon questo accordo per azioni concrete per l’attuazione dell’accordo algerino, ha detto un firmatario all’AFP a condizione di anonimato. Il testo dell’accordo non è stato rilasciato. Gruppi armati hanno creato a maggio 2021, già in Italia, il Quadro Strategico Permanente (CSP) per parlare con una sola voce. I rapporti tra il CSP e le autorità sono stati tesi in ottobre quando il ministro per la Riconciliazione, il colonnello maggiore Ismaël Wagué, ha chiesto al corpo diplomatico di non riconoscere il CSP come entità legittima.

A dicembre, gruppi armati hanno boicottato le consultazioni organizzate dalla giunta e avrebbero dovuto aiutarla a determinare la durata e il contenuto del periodo di transizione prima che i civili tornassero al potere. Con l’accordo concluso in Italia, lo Stato diventa membro del CSP, che a tempo debito assumerà una presidenza a rotazione, ha affermato Ag Acharatoumane. Il dibattito a Roma, a cui ha preso parte il ministro Wagué, è stato organizzato dalla Ong italiana, Ara Pacis, che non è stata raggiunta. Contattate dall’AFP, le autorità italiane hanno rifiutato di commentare.

I jihadisti, che per primi hanno combattuto le forze maliane con i tuareg e i ribelli arabi prima di rivoltarsi contro di loro, non sono stati influenzati dall’accordo algerino e da allora hanno esteso le loro azioni al centro del paese e al Burkina, ai vicini Faso e Niger.

Rodolfo Cafaro

"Inguaribile piantagrane. Professionista televisivo. Sottilmente affascinante evangelista di Twitter. Imprenditore per tutta la vita."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.