Grecia Italia Alleanza! | News Pagenews.gr

Dimitris Michalelis ha scritto su pagenews.gr che la notte del “tet-a-tet” Mitsotaki-Draghi a Roma sarebbe un passo decisivo che porterà alla formazione di una nuova alleanza politico-economica tra i due Paesi.

Lo slogan “Alleanza greco-francese” è quasi inerente all’esistenza della Grecia come Stato. E queste relazioni secolari continuano a rafforzarsi.

Tuttavia, sembra che non passi molto tempo prima che possiamo iniziare a cantare l’Alleanza greco-italiana. Né sono le eterne e celesti relazioni con l’Italia, o “una faccia, una razza”, o il conforto che possono provare gli italiani in Grecia ei greci in Italia.

Nuova alleanza

Ora Grecia e Italia possono andare avanti, convivere, “alleati” su questioni di grande importanza fino al giorno successivo sia per la loro Nazione che per l’Europa. A maggior ragione sotto la guida di Mario Draghi.

Non bisogna dimenticare che l’attuale Presidente del Consiglio italiano è da diversi anni Presidente della Banca Centrale Europea. E infatti il ​​presidente è nella fase più critica in Europa e nell’euro e nelle decisioni di vita e morte della Grecia durante il periodo del memorandum. Forse se non fosse stato per Draghi, il destino dell’euro sarebbe stato diverso. E ovviamente il viaggio in Grecia sarà diverso. Il suo intervento nell’affrontare la crisi greca e il suo contributo per evitare la Grexit sono fatti, ora, storicamente registrati.

Destinazione

Allo stesso tempo, come leader dell’Italia, negli ultimi 8 mesi ha aperto canali stabili di comunicazione con il Primo Ministro greco Kyriakos Mitsotakis. E ora la cooperazione tra i due paesi e leader è sempre più importante strategicamente. Ecco perché il Palazzo Maximos aveva grandi speranze per l’incontro odierno, come a lui attribuito “Alto valore politico e simbolico”.

Va notato che questo è il secondo incontro tra Mitsotakis e Draghi che ha avuto luogo prima del Vertice. Il primo si è svolto prima del vertice di maggio e oggi si svolgerà un giorno prima dell’importante vertice di Bruxelles del 23-24 giugno sull’Ucraina e il futuro dell’Europa.

Sud

Dire che i due leader stanno cercando di armonizzare le loro posizioni sarà particolarmente chiaro quando c’è una “preistoria” recente: il “Southern Energy Summit”, che su iniziativa dei due ha incontrato il primo ministro spagnolo Pedro. Sanchez e Antonio Costa dal Portogallo.

E l’energia è uno degli ambiti presi in considerazione dal governo greco “Ci sono prospettive per un ulteriore rafforzamento della cooperazione”qualcosa che il Primo Ministro promuoverà nella riunione di stasera.

L’agenda

L’agenda “informale” dell’incontro ha riguardato i seguenti temi: le conseguenze dell’invasione russa per i cittadini europei, la necessità di una risposta coordinata, la minaccia della crisi alimentare, gli sviluppi nel Mediterraneo orientale e in Libia e l’aggressione turca.

È importante sottolineare che giovedì il Primo Ministro ha deciso al Consiglio d’Europa di sollevare la questione dell’aggressione turca. L’informazione e l’atteggiamento dell’Italia sono molto importanti, non solo per l’allargamento dell’evidente alleanza, ma per due ragioni molto importanti: da un lato, l’Italia non è come la Spagna, che ha un rapporto speciale con la Turchia e può solo mantenere esso. equilibrio, d’altra parte con la Grecia, la Grecia ha stipulato un accordo sulla delimitazione delle zone marittime, che – come ritenuto dal Governo “Si tratta di un modello per l’applicazione del diritto internazionale, nonché della legalità internazionale e della cooperazione degli Stati costieri della regione”.

Il focus è sull’economia

Naturalmente, sia per i precedenti servizi di M. Draghi presso la BCE, sia per i dilemmi economici che l’Europa e la Grecia dovrebbero affrontare, è imperativo che il dibattito in vista del futuro della comunità europea inizi ora. Perché a partire da settembre la vita di tutti i giorni sarà difficile per tutti i paesi europei, in particolare per la Grecia, che ha il debito più alto.

La cosa più importante – e si vedrà in campo – è il fatto che Mario Draghi dallo scorso settembre – nell’incontro con Kyriakos Mitsotakis a margine di Med9 e prima dell’invasione russa dell’Ucraina, fosse d’accordo, così come la Grecia. Il Presidente del Consiglio, ha sostenuto l’allentamento delle regole fiscali in vista della ripresa della spesa dopo la pandemia, ma anche sulla necessità di aumentare la spesa per la difesa a livello europeo.

Intervento sociale

Parallelamente, un altro forte intervento economico è stato compiuto dal Presidente del Consiglio italiano al Vertice dell’Energia del Sud quando ha sostenuto la necessità di un intervento urgente a sostegno del potere d’acquisto di famiglie e imprese. Ha anche sottolineato che l’UE dovrebbe mostrare l’unità e la determinazione che ha dimostrato nel suo attacco all’Ucraina nel proteggere la sua economia dall’impatto della guerra sui prezzi dell’energia. Ha anche sottolineato, come il signor Mitsotakis, la necessità di separare i prezzi del gas dai prezzi dell’elettricità.

Che cosa significa tutto questo? Grande, se non grande, considerando il 2023-24, quando l’Europa dovrà andare avanti con la sua nuova architettura economica. Ecco perché le alleanze in quest’area dovevano essere costruite molto prima. Non dimentichiamo che ci sono molte e forti… forze di revisione nell’economia che richiederanno una rigida disciplina fiscale…

Scrivi il tuo commento

Leggi tutte le ultime notizie dalla Grecia e dal mondo

Xaviera Violante

"Premiato studioso di bacon. Organizzatore. Devoto fanatico dei social media. Appassionato di caffè hardcore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.