Grazie allo Street Art Festival di Olomouc, la facciata si trasforma in una tela

L’italiano Matteo Ceretto Castigliano ha anche iniziato a convertire la facciata di uno degli edifici del dormitorio dell’università in una tela da pittura con l’aiuto di una piattaforma alta. L’artista polacca Janek Porczyński ha completato il suo lavoro nell’area della stazione di cambio nella tenuta di Jánského. Il dipinto su larga scala faceva parte dell’Olomouc Street Art Festival di quest’anno, questa volta gli artisti hanno trasferito il loro lavoro astratto sulla facciata.

Secondo gli organizzatori, quest’anno il festival è incentrato sulla comunità, a vari livelli. “Sono felice con il multiculturalismo quest’anno. Avremo artisti provenienti da Australia, Italia, Israele, ma anche da Prostějov e Olomouc. La pittura astratta sarà molto dominante, il clou è ovviamente la nuova facciata del Teatro della Moravia. Dopo più di dieci anni, il festival torna di nuovo ai graffiti, abbiamo un muro speciale in via Poupětová, dove dipingeranno alcuni dei migliori scrittori di tutta Europa e ci saranno orologi Graffiti”, ha affermato il fondatore del festival Tomáš Junker. lui, una collaborazione con il Centro Ceco di Varsavia, l’Istituto Polacco di Praga e l’Ambasciata israeliana sono anche rappresentanti del multiculturalismo.

La più seguita è forse la graduale trasformazione dell’area nel Teatro Moravo, dove fino ad oggi l’ispirazione per la tragedia Melpomene viene mostrata con l’emoticon in mano dell’artista italiano Ozmo, provocando opinioni contrastanti. Allo stesso tempo, questa è l’area riservata a questo evento più grande della città, la sua altezza è di circa 20 metri. L’artista visivo DREZ ha iniziato a lavorare questa mattina e, con il suo approccio inventivo al colore, sta cambiando la percezione degli spazi pubblici. “Il Moravian Theatre offre un’area a timpano per le esigenze del Festival delle arti di strada. Le arti dello spettacolo e le arti visive sono sempre state molto vicine l’una all’altra, motivo per cui siamo felici di far parte di eventi culturali in questa città”, La portavoce del teatro Pavlína Dočkalová ha detto a TK.

Janek Porczyński ha collocato il suo dipinto astratto in un ex edificio della caldaia in via Janského. Il suo lavoro fa anche parte di un evento chiamato Stagione polacca a Olomouc. Gli studenti locali noteranno anche un nuovo murale in via Meralova in uno dei dormitori universitari di Matteo Ceretto Castigliano, la cui espressione artistica è ai confini del minimalismo astratto e radicata nella cultura dei graffiti, iniziando anche a trasformare la sua facciata in un dipinto astratto da la piattaforma annessa.

Oltre all’orologio Graffiti, quando nei fine settimana dieci dei migliori writer europei riempiranno di tracce il muro di 400 metri quadrati di via Poupětova con i loro lavori, il festival includerà anche conferenze al Konvik UP. Chemis, uno degli artisti di strada più importanti di oggi, parlerà di attivismo politico. La seconda parte si concentrerà sul fenomeno della cripto-arte. Si svolgerà il 20 settembre.

Franco Fontana

"Fanatico della musica amatoriale. Ninja dell'alcol. Piantagrane impenitente. Appassionato di cibo. Estremamente introverso. Nerd di viaggio certificato."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.