Gli inglesi lo cambiarono: “Abbiamo trovato marmi del Partenone tra le macerie” – reazione greca

La polemica sul marmo Partenone approfondito quando la Grecia ha confutato le sue affermazioni Museo britannico che la maggior parte dei monumenti, da lui rimossi Signore Elgin, estratto dalle “rovine” intorno al monumento.

Reclamo, creato in UNESCO la scorsa settimana, ha segnato una nuova svolta in una disputa di lunga data ed è arrivata pochi giorni dopo la notizia che la Gran Bretagna era disposta a discutere la richiesta della Grecia di restituire l’antica statua ad Atene.

“In effetti la maggior parte delle acquisizioni sono state spostate dalle rovine intorno al Partenone”, ha affermato l’amministratore delegato del museo, il dott. Jonathan Williams, intervenuto all’incontro annuale della commissione Unesco per la promozione del restauro culturale. “Questi oggetti non sono stati rubati dall’edificio come è stato detto”.

Gli attivisti, citando testimoni dell’epoca, hanno a lungo sostenuto che le statue furono rimosse con la forza dal tempio del V secolo a.C. con l’aiuto di una motosega nella piena conoscenza di Elgin, allora ambasciatore britannico presso l’Impero Ottomano. L’uso di seghe e altre macchine è evidente nella corrispondenza tra i diplomatici scozzesi e Giovanni Battista Luzieri, il pittore italiano incaricato di sovrintendere alla rimozione delle antichità nel 1801.

In una lettera, Lucieri ha chiesto a Elgin di “inviare ad Atena una dozzina di seghe di marmo di diverse dimensioni il più rapidamente possibile”.

In una dichiarazione al quotidiano britannico Custode domenica, il ministro greco della Cultura, Lina Mendoniha accusato Elgin di essere un ladro seriale.

“Nel corso degli anni, le autorità greche e la comunità scientifica internazionale hanno presentato argomentazioni incrollabili per i fatti reali che circondano la rimozione della statua del Partenone”, ha affermato il ministro. “Lord Elgin ha usato mezzi illegali e ingiusti per sequestrare ed estrarre la statua del Partenone, senza un’effettiva autorizzazione legale per farlo in un atto di palese furto seriale”.

Lucieri ammise in una lettera a Elgin nel 1802 di essere stato “costretto a essere un po’ selvaggio” durante un’operazione per rimuovere un pannello in rilievo o una statua di metope raffigurante una donna trascinata da un centauro da un tempio.

Quella Museo britannicoche acquistò gli oggetti d’antiquariato nel 1816, possiede una collezione di 15 metope, 17 frontoni e 75 metri di decorazioni originali per una lunghezza di 160 metri.

L’ultima controversia è nata dopo che la Grecia ha ripreso la sua campagna per riunire il capolavoro. Il suo primo ministro, Kyriakos Mitsotakis, ha portato la questione alla ribalta durante i colloqui di Downing Street con Boris Johnson A novembre. Si ritiene che la nuova mossa abbia messo il British Museum sulla difensiva.

Rispondendo alle accuse di Williams, il famoso archeologo Anthony Snodgrass ha affermato che non c’era dubbio che il primo obiettivo di Lucieri – le metope a sud del Partenone – era stato “liberato spietatamente” e si riferiva alle narrazioni strazianti descritte dai viaggiatori. .

Il vicedirettore del British Museum ha riconosciuto che i monumenti dell’Acropoli sono ora molto ben conservati, ma ha aggiunto che il desiderio della Grecia di riunire le antichità era impossibile poiché molti di loro furono distrutti quando Elgin arrivò ad Atene.

“Non ci sarà mai un momento magico di riunione perché metà della statua del Partenone è perduta per sempre, metà della statua è stata distrutta alla fine del XVII secolo, molto prima che Elgin fosse attivo ad Atene”.

Mendoni ha insistito sul fatto che in un ambiente internazionale in cui sempre più tesori vengono restituiti ai loro paesi d’origine, la campagna continuerà.

La scorsa settimana, l’Italia ha affermato che Atene potrebbe conservare il frammento che aveva preso decorazione orientale del Partenone raffigura i piedi della dea Artemide che sbirciano sotto una tunica splendidamente realizzata.

“La Grecia”, ha affermato, “è pronta ad entrare in un dialogo onesto con la Gran Bretagna in buona fede all’interno del quadro giuridico ed etico stabilito nelle raccomandazioni e decisioni dell’UNESCO”.

Xaviera Violante

"Premiato studioso di bacon. Organizzatore. Devoto fanatico dei social media. Appassionato di caffè hardcore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.