Gio Simeone, figlio di Cholo, firma a poker in un bel pomeriggio | sport

Gio Simeone festeggia questa domenica allo stadio di Verona uno dei suoi quattro gol.Paola Garbuio (AP)

L’argentino Giovanni Simeone, attaccante dell’Hellas Verona, ha vissuto questa domenica in un pomeriggio da sogno in Serie A italiana firmando una convincente partita di poker contro la Lazio che gli ha permesso, in novanta minuti, di eguagliare il record di reti dello scorso anno (sei reti) e solo due gol dietro il capocannoniere del torneo, Ciro Immobile.

Gio Simeone, figlio dell’allenatore dell’Atlético Madrid Diego Pablo Simeone, ha mostrato tutto il suo potenziale segnando allo stadio Bentegodi di Verona e ha confermato le sue ottime prestazioni contro le squadre allenate da Maurizio Sarri. Nel 2018 segna una brillante tripletta contro il Napoli di Sarri e mette fine alle velleità titolate della formazione napoletana. Questa settimana ha visto l’attuale tecnico della Lazio subire una schiacciante sconfitta che lo ha lasciato all’ottavo posto in campionato.

Simeone ha interrotto la partita battendo a mezz’ora dall’inizio della partita il portiere spagnolo Pepe Reina su passaggio nell’intervallo di Gianluca Caprari e, poco dopo, ha segnato un gol di pura potenza dal limite dell’area con un destro di destro. angolo superiore. L’argentino, nato a Buenos Aires 26 anni fa, ha realizzato il suo sogno pomeridiano nel secondo tempo, dove ha segnato 3-1, dopo l’1-2 di Ciro Immobile, e ha concluso la vittoria con un colpo di testa per i 4 finali -1. .

“Personalmente è molto bello, perché stamattina quando studiavo alla Lazio sognavo di fare due o tre gol. Devi concentrarti. Oggi è stato il mio turno e sono felice di averlo fatto”, ha detto Gio Simeone a fine partita, alla televisione italiana “DAZN”. “Faccio meditazione perché mi fa bene, voglio sapere e voglio conoscere me stesso. Oggi ero molto nervoso, ho iniziato a lavorare su queste emozioni e sto bene”.

El Cholito ha segnato un gol quest’anno contro il Genoa, la sua ex squadra, e un altro contro lo Spezia, compreso un assist, prima della splendida prestazione di domenica.

Ha 56 gol in Serie A, scudetto vinto nel 2016 con il Genoa. Nella sua prima stagione italiana ha segnato dodici gol, di cui due contro i campioni d’Italia della Juventus Torino. Ha poi firmato per la Fiorentina, con la quale ha segnato 20 gol in due stagioni, prima di passare al Cagliari. In Sardegna ha segnato 18 gol in due stagioni. A Verona è stato al centro del progetto sportivo e protagonista di una grande prestazione al fianco di Gianluca Caprari.

Puoi seguire EL PAÍS DEPORTES all’indirizzo Facebook voi Indonesia, oppure registrati qui per ricevere la nostra newsletter settimanale.

Rodolfo Cafaro

"Inguaribile piantagrane. Professionista televisivo. Sottilmente affascinante evangelista di Twitter. Imprenditore per tutta la vita."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.