Frana a El Chaltén: drammatica operazione per salvare due alpinisti feriti e intrappolati

EL CALAFATE.- Drammatico salvataggio in alta montagna di star climber in queste ore El Chalten: cercare di evacuare dalla parete orientale del Cerro Torre a due alpinisti esperti che al mattino, mentre tentavano di raggiungere la sommità degli aghi di granito dello stemma, furono colpiti da una valanga nel settore noto come scatola inglese. La difficoltà di accesso dove si trovano gli alpinisti e le avverse condizioni meteorologiche che dovrebbero persistere nelle prossime ore complicano i soccorsi che hanno lasciato sull’orlo l’intera città di El Chaltén.

Tra i feriti c’era un esperto alpinista argentino e guida di alta montagna Tommaso Aguillo, che vive a El Chaltén, che stava cercando di raggiungere la vetta insieme a un alpinista italiano di cui non è stato divulgato il nome. Sebbene entrambi abbiano subito gravi colpi a causa della valanga, Aguiló è riuscito a riparare il suo compagno e ha iniziato a calarsi in corda doppia a modo suo in cerca di aiuto. Nel pomeriggio, però, l’argentino non ha potuto proseguire a causa di pugni e mancanza di attrezzatura e si spera che stasera il gruppo riesca a raggiungere la macchia di neve dove dovrebbe rifugiarsi.

Dall’amministrazione del Parco Nazionale Los Glaciares hanno riferito che diverse pattuglie composte da personale del Parco Nazionale, Gendarmeria Nazionale e volontari della Commissione di soccorso di El Chaltén hanno partecipato al salvataggio, che ha iniziato la salita al luogo al mattino, dopo aver ricevuto un messaggio di aiuto tramite il sistema di comunicazione satellitare utilizzato dagli alpinisti in tal senso. Nel frattempo sono stati schierati anche gli elicotteri UH-1H dell’esercito argentino, che sono riusciti a raggiungere il bivacco Niponino, il luogo più vicino al luogo dell’incidente.

All’alba, un gruppo di alpinisti al bivacco Los Polacos ha visto il primo segnale di emergenza con luci tra Cerro Torre e Torre Egger, che stava per essere lanciato dai feriti. Da quel bivacco allertarono un altro campo, che comunicava con la base di El Chaltén, da dove partirono al mattino le prime pattuglie.

In queste ore le squadre di soccorso cercano di raggiungere le vittime per evacuarle su barelle in zone di difficile accesso, presso ghiacciai e ghiaioni. Con il tramonto, gli elicotteri non hanno più potuto proseguire nella zona e le evacuazioni sono state effettuate a piedi in attesa dell’arrivo della sera dove si trovava Aguiló. L’alpinista italiano non può scendere da solo e si ritroverà sul luogo di una valanga che li travolge sulla parete orientale del Cerro Torre.

Oltre al difficile accesso, la discesa degli infortunati ha comportato l’attraversamento di un ghiacciaio, l’attraversamento della Laguna Torre su un gommone e la discesa in città per prestare il primo soccorso agli atleti. Come altre pattuglie di soccorso, cercherà di raggiungere il luogo dove vive l’alpinista italiano, di cui non si conoscono ancora le condizioni di salute.

Nel frattempo, come in ogni soccorso d’alta montagna, la presenza degli elicotteri delle truppe è soggetta a variazioni delle condizioni meteorologiche. “Il verificarsi di eventi dipende dalle condizioni regionali, che diventano pericolose con l’aumento delle temperature e la presenza del sole diretto”, hanno spiegato da Los Glaciares.

Oggi, come prima di ogni soccorso, si incontrano presso il container della Commissione di Soccorso situato dietro l’Health Post nel cuore della città, dove immagazzinano le attrezzature acquisite negli anni oltre che attraverso le donazioni. Lì, le autorità del parco e gli alpinisti più esperti della città si incontrano per determinare la linea d’azione e organizzare pattuglie che partono a piedi verso la montagna.

Oggi è stato il secondo salvataggio complesso della stagione. Il primo è arrivato nei primi giorni dell’anno dopo che tre alpinisti sono rimasti intrappolati da una valanga mentre scalavano il lato ovest dell’ago del Guillaumet nelle montagne del Cerro Fitz Roy. Sempre che qualcuno possa venire a chiedere aiuto, scalatore tedesco Muore Robert Grasegger, 32 anni sulla montagna, mentre un alpinista austriaco ha dovuto essere evacuato dalla montagna in barella.

Rodolfo Cafaro

"Inguaribile piantagrane. Professionista televisivo. Sottilmente affascinante evangelista di Twitter. Imprenditore per tutta la vita."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.