Formula 1 in Italia: Doppia vittoria per Red Bull – Vittoria di Verstappen kemenangan

Il leader del Campionato del Mondo Charles Lerclerc ha subito la sua prima grande battuta d’arresto in una battaglia del Campionato del Mondo in casa contro la Ferrari e ha chiaramente perso il podio davanti a quasi 100.000 fan. Il difensore del titolo di Formula 1 Max Verstappen ha finalmente rovinato la festa rossa dell’Autodromo Enzo e Dino Ferrari con la sua incredibile vittoria con il giro più veloce della gara come momento clou di un weekend perfetto per l’olandese.

In secondo luogo, Sergio Perez ha realizzato una doppietta perfetta per la Red Bull. Terzo è Lando Norris alla McLaren. Leclerc non è riuscito a superare il sesto posto dopo un rischioso cambio gomme e partenza con un contatto di gruppo poco prima della fine. Il compagno di squadra Carlos Sainz è stato eliminato dopo pochi metri al Gran Premio dell’Emilia Romagna in una giornata che si è rivelata una giornata uggiosa per la Ferrari nella nuvolosa Imola.

Anche il campione del mondo Lewis Hamilton ha perso il contatto con la vetta: il sette volte campione ha trascinato la sua Mercedes al 13° posto, è stato superato da Verstappen dopo due terzi della distanza di gara. Il suo nuovo compagno di squadra George Russell ha fatto un bel controllo dei danni al quarto posto. Sebastian Vettel ha segnato i suoi primi punti in campionato dell’anno all’ottavo posto all’Aston Martin. Buddy e il connazionale Mick Schumacher, invece, hanno perso nuovamente i primi punti in Formula 1 al 25° Gran Premio: dopo alcuni errori, era solo 17° in una gara molto più regolare di quanto molti si aspettassero. La temperatura sfiorava i 13 gradi, ma negli spalti affollati, in collina, sulle staccionate, la febbre da Ferrari era ancora dilagante.

La vista di uno scalo europeo dopo Melbourne e prima di Miami non avrebbe potuto essere migliore. E poi quello: Leclerc non è partito bene all’inizio dal secondo posto e non ha avuto la possibilità di attaccare Verstappen. Invece, Monegasse è stata rilevata da Perez e Norris. Uno sbuffo di fumo rosso ha spazzato via le tribune e le cose sono peggiorate per la Ferrari. Sainz era nella ghiaia dopo essersi scontrato con Daniel Ricciardo della McLaren.

In qualifica lo spagnolo è stato eliminato solo un giorno dopo il prolungamento del contratto a causa di un errore di guida. Anche Mick Schumacher gira sulla pista di asciugatura. Dal decimo posto in griglia, è molto indietro ad Haas. A prima vista, il pilota 23enne ha danneggiato l’Alpine di Fernando Alonso, quindi il due volte iridato ha dovuto parcheggiare la sua vettura con un grosso buco nel box laterale.

Schumacher si è poi girato di nuovo ed è stato issato una bandiera bianca e nera per aver tagliato il traguardo. L’esclusione razziale è minacciata. Le cose stanno migliorando per il connazionale di Schumacher, Vettel, a due settimane dall’esordio della sua tutta tumultuosa stagione personale in Australia. Il 34enne originario dell’Assia ha saltato le prime due gare a causa di un’infezione da coronavirus e ha saltato più volte il Down Under. Vettel si è messo in buona forma a Imola.

A Verstappen non importava. Era già arancione invece che rosso in qualifica e nella gara sprint dopo la vittoria dell’olandese. A differenza del corto raggio di sabato, anche questa volta non ha sbagliato l’inizio. Inoltre, Perez è diventato il supporto perfetto dopo essere passato dal terzo al secondo dopo che Leclerc è tornato a passare Norris tra gli applausi dei tifosi italiani. Risale anche Russell, la nuova arrivata Mercedes è dovuta partire dall’undicesima posizione.

Hamilton aveva 14 anni, ma ancora una volta aveva poco da fare per il 37enne britannico, che ha anche contribuito a migliorare le prestazioni passando alle gomme da asciutto. E Leclerc, partito in casa con la Scuderia da grande favorito con due vittorie in tre gare, non è riuscito a migliorarsi dopo il cambio gomme.

È uscito davanti a Perez, ma con le gomme più fredde non è riuscito a contrastare l’attacco del messicano. Ora è richiesta pazienza. O a rischio pieno: la Ferrari ha portato di nuovo Leclerc ai box, ha messo le gomme più veloci su di lui, ma in poco tempo è uscito di pista e ha sbattuto contro un muro. Leclerc è stato in grado di continuare, ma ha dovuto rientrare ai box e così ha perso il podio.

Gerardo Lucchesi

"Esploratore hardcore. Fanatico della musica hipster. Studioso del caffè malvagio. Appassionato sostenitore della tv."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.