Formula 1: Charles Leclerc vince in Bahrain: la Ferrari è davvero tornata | sport

L’incredibile finale di Coppa del Mondo che si è precipitata ad Abu Dhabi tre mesi fa ha una replica al suo apice all’inizio del nuovo percorso, al Gran Premio del Bahrain anticipando una stagione ad alta tensione, proprio come avevano consapevolmente programmato i promotori di Great Circus. Il test del cotone ha dato ai promotori motivo di tremare alla luce di questo inverno con il regolamento tecnico della Coppa del Mondo di colore diverso dagli ultimi tempi. La vittoria di Charles Leclerc è stata anche la prima vittoria della Ferrari in due anni e mezzo e una testimonianza di uno dei presentimenti che lasciava la pre-stagione: Scuderia è tornato.

Le due precedenti vittorie sul record di servizio del monegasco, entrambe nel 2019 (Italia e Belgio), erano un’anomalia se si tiene conto dell’inerzia che era cresciuta all’epoca in campionato interamente nelle mani della Mercedes. Questo terzo lascia un residuo completamente diverso in quanto elogia tutto il mondo per il lavoro svolto dall’equipaggio di Maranello sulla F1-75, una monoposto non solo bella, ma anche molto affilata.

Il secondo posto Carlos Sainz verifica le buone condizioni di salute dell’auto da corsa Cavallino Rampanteche non vedeva ai box due dei suoi piloti dal Gran Premio di Singapore 2019. Tuttavia, il guasto della struttura italiana può essere spiegato solo dall’innesco della Red Bull.

L’energica squadra è riuscita ad assicurarsi il secondo posto con Max Verstappen, prima che la vettura dell’attuale campione del mondo si fermasse a due giri dalla fine, stessa sorte vissuta da Checo Pérez a pochi metri dalla bandiera a scacchi e mentre già sfiorava il podio. Un vero colpo per la squadra dei bufali rossi, che ha affrontato questa premiere da grandi favoriti e se ne è andata a canestro completamente vuoto, senza parole. Favorito dall’abbandono di olandesi e messicani, Lewis Hamilton ha sgombrato i cassetti e recuperato i mobili Mercedes, cosa che in Bahrain ha enfatizzato la pila di compiti che lo aspettava se non voleva perdersi. Fernando Alonso ha chiuso nono, un risultato più che buono considerando il testacoda in cui è rimasto fermo Alpine.

I test pre-stagionali hanno avvertito del successo di Ferrari e Red Bull e una pozzanghera in cui sembrano essere entrati i grandi costruttori. La gara di Sakhir convalida il primo e il terzo punto, in attesa di vedere se il marchio austriaco riuscirà a trovare l’innesco del disastro subito alla prima tappa del calendario.

Leclerc ha dominato la scena da un capo all’altro – qualcosa che un pilota Ferrari non ha ottenuto dal Belgio 2018, con Sebastian Vettel – e non c’è modo migliore per dimostrarlo dei numeri: vittorie, pole position e un rapido giro per il nuovo leader della competizione, il primo monegasco a farlo. Dopo una partenza praticamente chirurgica, il pilota Ferrari è stato minacciato da Verstappen solo dopo il primo cambio gomme, momento che l’olandese ha impiegato per tirare fuori le zanne e gettarsi nel collo del rivale, che potrebbe contenere la bestia e, inoltre, causare lui per schiacciare pneumatici prototipo.

L’apparizione di un’auto antincendio sull’Alpha Tauri di Pierre Gasly (giro 46 di 57), ha dato ai ragazzi di Hasselt un altro trucco. In condizioni normali, il Mad Max si sarebbe scagliato imperterrito, se non fosse stato per il fatto che stava iniziando a notare che il volante della sua RB18 era più pesante del solito, un problema tecnico che, in fondo, non aveva nulla a che fare con il problema . che lo ha costretto ad andarsene più tardi.

“Sono molto felice perché gli ultimi due anni sono stati molto difficili per noi. Il team sa che questa è un’opportunità e ci ha regalato una grande macchina”, ha concordato Charles Leclerc, che con questa vittoria ha rotto la seconda siccità più lunga nella storia delle auto rosse –45 gare–. “La Ferrari è tornata ed è tornata davvero. E non è stato un weekend facile per me, perché non avevo il ritmo necessario”, conclude Sainz. “Con la quantità di informazioni che abbiamo raccolto, queste cose non sarebbero dovute accadere”, conclude Verstappen, che domenica prossima, in Arabia Saudita, avrà la sua prima occasione per fare ammenda.

Puoi seguire EL PAÍS DEPORTES all’indirizzo Facebook e Indonesiaoppure registrati qui per ricevere la nostra newsletter settimanale.

Rodolfo Cafaro

"Inguaribile piantagrane. Professionista televisivo. Sottilmente affascinante evangelista di Twitter. Imprenditore per tutta la vita."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.