Fiorentina dall’Italia: vinci o muori | sport

Il 17 febbraio 1530 gli eserciti di Carlo V, alleato dello Stato Pontificio Romano e di papa Clemente VII (l’ultimo Medici), si posizionarono alla periferia di Firenze per assediarla. Il City, rendendosi conto che la sconfitta era inevitabile, decise quindi di lanciargli missili emotivi riprendendo la partita del Calcio Storico che in quel momento si stava disputando in Piazza de la Santa Croce. Quando l’esercito imperiale iniziò a bombardare con la sua artiglieria, i giocatori e il pubblico continuarono i loro affari come se niente fosse. Nessuno toglierà loro quel momento. Quasi 500 anni dopo, la bandiera del quartiere della città che quel giorno accolse gli invasori continua a sventolare dietro l’angolo dell’Antoni Franchi, stadio Fiorentina. La Fiore, com’era allora, era più che mai una squadra irriducibile sotto il presupposto della vittoria o della morte che ha guidato il suo cammino in Serie A.

I toscani sono stati fino a questo fine settimana (hanno pareggiato contro il Sassuolo) l’unica formazione in un grande campionato europeo a non disputare una partita. Il loro passaggio in vetta alla Serie A – oggi ha pareggiato sesto in termini di punti con la Roma – conta dieci vittorie e sette sconfitte. Vinci o muori. La risposta è in coach Vincenzo Italiano, una scommessa del presidente degli Stati Uniti Rocco Commiso (ha sostituito Diego Della Valle, titolare del Tod’s), che ha trasformato la squadra in un formidabile inventario di attacchi contro i suoi rivali che a volte sono costati anche a lui. punto assurdo all’ultimo minuto. Ma il tecnico viola è un formidabile stratega che ha permesso alla squadra di giocare senza pietà contro tutte le rivali. In parte grazie anche al capocannoniere del campionato, Dusan Vlahovic (16 reti).

Le radici popolari della Fiorentina vanno ben oltre quel rapporto con calcio storico, uno sport che per molti è il seme del calcio di oggi (anche se l’idea ha fatto arrabbiare l’Inghilterra). Il club è l’unico in città e ogni domenica lo stadio riceve circa 30.000 spettatori, il 10% della popolazione di Firenze. C’è un sindaco in ogni partito, che conosce l’importanza della squadra per l’umore dei cittadini. Perché più e più volte i giocatori qui vengono ricordati più per l’amore per la maglia che per il risultato. Angelo di Livio, ad esempio, la bandiera della Juventus, autografata per il mito Fiorentina di Trapattoni, Battitusta, Rui Costa o Edmundo (quello con quella maglia con uno spot Nintendo che avrebbe vinto lo scudetto nella stagione 1999-2000). Ma è andato all’inferno della C2 quando la squadra è fallita. Non li ha lasciati finché non sono tornati in Serie A.

Quella sostenitore Viola ha pagato per i suoi sforzi, ma è stato profondo e appassionato. Quando Roberto Baggio, un altro dei suoi idoli, ha firmato per la Juventus, ci sono stati diversi giorni di agitazione in città. E questo di per sé è un dramma che si trasforma nella ribellione del popolo davanti alla sede fiorentina. Adorano Baggio, la sua umanità e complessità. Amano le stranezze malinconiche e cool del personaggio che riportano l’orgoglio al violino. Per anni non lo hanno perdonato. Baggio, più che ribellarsi, lo capì e rifiutò di prendere un rigore nel primo duello con la Vecchia Signora.

Vlahovic è l’ultima cartolina di amore-odio per l’idolo del violino. Scoperta ai tempi del Partizan Belgrado da Pantaleo Corvino, grande allenatore del Fiore, è arrivato al club alla stessa età di Battistuta ed è attualmente il più grande talento da allora. Ha tutto e ogni palla che tocca è un mezzo gol. “Chi lo firmerà avrà una garanzia scudetto”, ha scritto questa settimana su Mario Scocerti Corriere della Sera. Forte, alto (1,90 m, sarebbe un giocatore di basket) e veloce. La Fiore ha bisogno di te. E Commiso gli ha offerto un ottimo contratto, il migliore della squadra. Ma il ragazzo si era alzato in piedi e non voleva rinnovare un pareggio terminato nel 2023. Mezza Europa circondava il suo agente, come fecero gli uomini di Carlos V quel giorno del 1530. Ma il club aveva deciso che finché lo avevano il campo, la palla doveva continuare a rotolare.

Puoi seguire EL PAÍS DEPORTES all’indirizzo Facebook voi Indonesiaoppure registrati qui per ricevere la nostra newsletter settimanale.

Rodolfo Cafaro

"Inguaribile piantagrane. Professionista televisivo. Sottilmente affascinante evangelista di Twitter. Imprenditore per tutta la vita."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.