Finale Eurocup “Serbia”, in coppa cedola ed Eurolega

David e Golia sono personaggi della Bibbia. Questi due nomi sono stati usati da tempo immemorabile per gli oppositori del potere ineguale. Golia era un gigante imponente, spietato, forte e spietato, e David era debole e poco appariscente, ma combatté contro Golia e lo sconfisse.

La finale di Eurocup di questa stagione sarà un altro remake dell’epica storia di due eroi, ma con un finale sconosciuto, perché il basket, per quanto fiabesco, a volte non soddisfa i desideri della maggior parte del pubblico neutrale. A Bologna, in un angolo starà la Virtus e una sala gremita di tifosi, e in un’altra “famosa” Bursa, abolita da tutti, pronta a lottare e vincere.

La Virtus di Bologna è Golia di Eurocup. Il club nasce nel lontano 1929, è il più antico d’Italia e uno dei più antichi al mondo. È due volte campione d’Europa. Predrag Danilović ha portato a Bologna il primo titolo di miglior squadra del Vecchio Continente a Bologna, al Kinder nel 1998, prima di dover battere in semifinale il “suo” Partizan. Tre anni dopo, un argentino giocò la versione del basket di Maradona e conquistò l’Europa, si chiamava Manu Ginobili. Oltre a Danilovi e inobili, Krešimir osić, Zoran Savić, Bane Prelević, Antoni Rigodo, Marko Jarić hanno preso il loro posto d’onore nella storia del club bolognese… Da mercoledì si possono scrivere a lettere d’oro altri nomi della storia del libro Bologna-Miloš Teodosi.

Quando Theo scelse la Virtus e l’Euro Cup 2019, davanti ai club di Europa League, era chiaro che il Bologna sarebbe tornato a guardare il basket della massima serie e che il club aveva un solo obiettivo: l’Europa League. La nomina di Sergio Scariol a allenatore leggendario all’inizio della stagione ha dimostrato la determinazione della Virtus a vincere trofei europei, e quando Toko Shengelia e Daniel Heckett sono stati portati all’Eurocup direttamente dal CSKA lo scorso marzo, è diventato un must per i ricchi e famosi Club italiano. Hanno raggiunto la finale con relativa facilità, battendo Liet Kabelis, Ulm e Valencia. Hanno due giocatori nella squadra ideale dell’Eurocup, Miloš Teodosi e il centro francese Mamadou Jaite. Petorka Teodosic, Heckett, Belinelli, Shengelija e Jaite agiscono come una squadra di “cattivi” di “Space Jame”, pronti a “seppellire” il canestro di ogni rivale.

Se la Virtus è Golia, il ruolo di David è per la Borsa turca. Questo club esiste solo da otto anni, non ha trofei o leggende e solo un mese fa non ha giocato grandi partite. L’allenatore della Serbia Dusan Alimpijevic ha guidato la squadra con modeste ambizioni alla Coppa dei Campioni. Gli esperti prevedono che anche loro non si qualificheranno dal girone, dove l’ottavo posto su dieci squadre è sufficiente per andare ai playoff. In qualche modo sono riusciti, come settimo, a raggiungere la fase a eliminazione diretta, e poi la “gara mista” è diventata i “pitbull” e ha iniziato a “mordere” il club favorito e più ricco. Tutto è iniziato nell'”Arena” contro il più grande allenatore d’Europa di tutti i tempi, Zeljko Obradovic, e 20.000 “Becchini”. La squadra di Dušan Alimpijevi ha dimostrato di avere il carattere di un campione. Con tre olandesi, sono riusciti a optare per i tempi supplementari ed espellere i campioni d’Europa dalla competizione, anche se il pubblico in Serbia aveva già proiettato il pareggio del Partizan in finale.

Incoraggiati dai risultati conseguiti a Belgrado, Andrew Andrews ei suoi amici continuano la loro fiaba su “Cenerentola” a Lubiana. La fantastica partita di Derek Nidam, ex giocatore del Mornar e membro degli attuali cinque ideali di Coppa dei Campioni, ha portato Bursa in semifinale. Lì hanno dimostrato di essere una grande squadra, festeggiando regolarmente contro Andorra e conquistando un posto in finale. Ora che i trofei di Europa ed Eurolega sono a portata di mano, è stato necessario battere la grande Virtus, guidata dalle stelle dell’Eurolega, guidata da Miloš Teodosi e dal leggendario allenatore Sergio Scariol. Certo, non è la cosa più facile del mondo, ma è così che diventi grande.

Lo scambio non aveva niente da perdere, aveva superato se stesso. L’allenatore Alimpijevic è diventato l’argomento principale del basket europeo, ha vinto il titolo dei migliori dell’Eurocup, mostrando a tutti “Tomas sleale” che il futuro, ma anche il presente del basket europeo. Sta a lui completare la storia di David e Golia, proprio come nell’originale, portare i suoi trofei del club e diventare leggende!

La finale di Eurocup Virtus – Bursa si giocherà mercoledì 11 maggio alle 20.30 a Bologna.

Romana Giordano

"Scrittore estremo. Appassionato di Internet. Appassionato di tv freelance. Appassionato di cibo malvagio. Introverso. Pensatore hardcore. Futuro idolo degli adolescenti. Esperto di bacon."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.