Fan ha 400 maglie da calcio in casa e, a causa della scarsità, ha anche corrotto una donna delle pulizie

“Era in gita scolastica in Grecia, avevo circa diciotto anni. I miei compagni hanno comprato vari souvenir e per 30 euro mi sono portato una maglia dell’Olympiakos con la scritta Rivaldo sulla schiena”, ricorda Massari della collezione iniziale. Un’altra maglia era ” affascinato” come figlio dei suoi genitori per il suo compleanno.

Da allora, un tifoso di origine italiana e residente a Milano ha viaggiato in circa 90 paesi del mondo, quindi oggi ha in casa le maglie delle Isole Cayman, delle Maldive o delle squadre del campionato cinese. Ha anche due magliette ceche nella sua collezione.

“Purtroppo mi è mancato un po’ il campionato ceco, è vero. Ma ho la maglia della nazionale ceca con Nedvěd alle spalle del 2006 e l’epica maglia dello Sparta”, si vanta.

Massari è tifoso del Portsmouth inglese e dell’Inter del Milan, ma chiaramente non ha paura di indossare un’altra maglia. Al giorno d’oggi, sta anche portando a termine la sua sfida, dove indossa ogni giorno una maglia da calcio diversa e viaggia per il mondo. Ha visitato 12 paesi da luglio.

“Molte persone collezionano le maglie, ma io cerco di indossarle. Secondo me, questi sono pezzi che sono spesso alla moda. Sono belli, colorati e divertenti da indossare. Amo il calcio in quel modo, ma forse preferisco le maglie”, ha detto il uomo che vende pasta, lavora in una scuola o in un’azienda informatica.

“Mi sono ripromesso che ovunque fossi andato, avrei indossato una maglia da calcio lì. “Guarda, le persone in tutto il mondo indossano abiti con il nome di una squadra di basket, ma non così con il calcio”, ha detto.

Ha anche una collezione rara

Nella sua interpretazione, ha anche incontrato strane situazioni, ad esempio quando ha dovuto corrompere un custode delle Maldive, che poi gli ha portato la maglia della nazionale dal complesso di calcio.

Tra le più gettonate c’è, ad esempio, la maglia della nazionale del Camerun del 2002. È passato alla storia come l’unica maglia senza maniche della nazionale, che alla fine non ha superato la Federcalcio internazionale.

“Mi piace molto anche il terzo set di Genk Belgio della stagione 2019/2020. Il colore è giallo brillante quindi può essere visto dalla luna. Ho anche la maglia dell’Espanyol Barcellona. Mi ha dato il figlio di sei anni del loro proprietario cinese. Mi piace anche la classica maglia del Parma Italia anni ’90 o la maglia Drogb dalla Cina”, ha detto il collezionista.

Rodolfo Cafaro

"Inguaribile piantagrane. Professionista televisivo. Sottilmente affascinante evangelista di Twitter. Imprenditore per tutta la vita."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.