Eurozona: nuovo aumento dell’indice manifatturiero a gennaio

L’attività manifatturiera nella zona euro ha subito un’accelerazione il mese scorso, poiché i colli di bottiglia nelle catene di approvvigionamento si sono ridotti.

Tuttavia, il miglioramento è stato disomogeneo tra i paesi membri e le fabbriche continuano a far fronte a forti pressioni inflazionistiche.

L’indice manifatturiero IHS Markit è salito al massimo degli ultimi cinque mesi di 58,7 punti a gennaio dai 58 punti di dicembre, rispetto a una stima preliminare di 59 punti.

L’indice, che misura la produzione ed è considerato un indicatore di buona salute economica, è salito a 55,4 punti da 53,8 punti.

“Sembra che le società dell’Eurozona stiano affrontando Omicron meglio di qualsiasi precedente ondata di pandemia finora, con la società che ha annunciato la più grande produzione e il più grande aumento del portafoglio ordini in quattro mesi a gennaio”, ha affermato Chris Williamson, capo economista di IHS Markit.

“Il miglioramento non è stato affatto distribuito in modo uniforme nell’area euro, con la ripresa della crescita in Germania, Paesi Bassi e Austria che ha contrastato il rallentamento in Italia, Spagna e Grecia, e la produzione quasi stagnante in Francia”.

I prezzi delle materie prime hanno continuato a salire, anche se a un ritmo più lento rispetto a dicembre, e le fabbriche stanno lasciando più di questo onere ai consumatori.

I prezzi alla produzione sono saliti a 72,7 da 70,2 punti, il secondo livello più alto in 20 anni.

Rodolfo Cafaro

"Inguaribile piantagrane. Professionista televisivo. Sottilmente affascinante evangelista di Twitter. Imprenditore per tutta la vita."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.