Euro 2020: l’ex Inghilterra Wayne Bridge smantella l’allenatore dell’Italia Roberto Mancini – CALCIO

L’ex giocatore inglese Wayne Bridge (40) soddisfatto del Ct dell’Italia Roberto Mancini (56)!

L’ex giocatore professionista del ManCity è ancora alle prese con l’ultima sconfitta dei “Tre Leoni” in Coppa dei Campioni contro l’Italia (2:3 Ue), anche perché si è rivelato un grosso problema con il tecnico della nazionale italiana, addirittura “odiato”. “.

Bridge, che ha 36 presenze con l’Inghilterra, ha ammesso che è stato molto difficile per lui vedere Mancini celebrare il trionfo dell’Italia in Coppa dei Campioni a Wembley.

Ha detto agli esperti di scommesse: “Mi ha fatto molto male perché odio Mancini. Lo sanno tutti che non mi piace”.

E poi: “Non direi che è il peggiore che abbia mai avuto, ma tatticamente non è così bravo. Ma quello che ha fatto è stato buono, il che fa male a dirsi”.

L’ex difensore è arrivato al Manchester City dal Chelsea nel 2009. Poco dopo, Mancini ha sostituito Mark Hughes (57) come allenatore del City.

00:35

Non c’è niente di meglio di quello
Tutto è perfetto in questo martello da 60 metri

Cosa: Federcalcio del Ghana

«Ho litigato con lui (Mancini, ndr). Sono stato lì per alcuni mesi e abbiamo giocato bene, ma l’allenamento non mi è piaciuto per niente”, ha detto Bridge, che è finito in prestito a West Ham, Sunderland e Brighton prima di firmare definitivamente per il Reading FC nel 2013.

Bridge mette in dubbio le capacità di Mancini come allenatore: “Grande merito per quello che ha fatto al Manchester City quando ha vinto il campionato (edizione 2012). I tifosi del City lo adoreranno per questo. Ma se guardi i giocatori e la rosa che ha, loro ha vinto, non l’hanno fatto lui come allenatore.

Rodolfo Cafaro

"Inguaribile piantagrane. Professionista televisivo. Sottilmente affascinante evangelista di Twitter. Imprenditore per tutta la vita."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.