Dopo la fuoriuscita di petrolio, il Perù blocca le attività della Repsol

Il governo peruviano ha sospeso fino a nuovo avviso le operazioni della multinazionale spagnola, all’origine della vasta fuoriuscita di petrolio al largo delle coste del Paese. Problema: l’azienda raffina la maggior parte del petrolio e il Perù potrebbe rimanere senza carburante.

Dopo la fuoriuscita di petrolio che ha colpito parti della costa del Pacifico del Perù più di due settimane fa, il governo ha appena deciso, lunedì 31 gennaio, di impedire alla multinazionale petrolifera Repsol di scaricare qualsiasi nuovo petrolio sul luogo dell’incidente. .

Una nave della compagnia spagnola ha sversato quasi 12.000 barili di greggio – circa 1.700 tonnellate – durante un’operazione di smantellamento destinato alla sua raffineria di La Pampilla, nel porto di Callao, vicino a Lima.

La paralisi delle attività di Repsol presso la raffineria, che è stata la più importante del Paese, durerà fino a quando l’azienda non porterà “garanzia tecnica che non si verificherà una nuova fuoriuscita nei mari di tutti i peruviani”, lo ha annunciato il ministro dell’Ambiente, ripreso ad hoc dal quotidiano Commercio.

Una decisione che le multinazionali descrivono come “sproporzionato e irragionevole”.

40% del carburante consumato nel paese

Dal 15 gennaio, trascinata dalla corrente, la fuoriuscita di petrolio è stata per lo più

[…]

Rodolfo Cafaro

"Inguaribile piantagrane. Professionista televisivo. Sottilmente affascinante evangelista di Twitter. Imprenditore per tutta la vita."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.