Croazia ed ex stella del Bayern: cosa sta facendo davvero Mario Mandžukic? – CALCIO INTERNAZIONALE

La Nations League ha visto la ripetizione della finale della Coppa del Mondo 2018. E nonostante ci sia stato solo un pareggio (1-1), Francia e Croazia ricordano la finale di quattro anni fa. Quella volta, “Équipe Tricolore” ha vinto 4:2. Marcatore per la squadra croata: Mario Mandžukić (36).

Nel 1992, Mandžukić, 6 anni, è arrivato a Stoccarda come rifugiato da Slavonski Brod, in Croazia, dove ha sviluppato le sue abilità calcistiche. Tuttavia, solo quattro anni dopo, ha dovuto lasciare la Germania con i suoi genitori e tornare in Croazia. Fu lì che divenne un professionista. Il suo viaggio calcistico attraverso Croazia, Germania, Qatar e Italia. SPORT BILD mostra cosa hanno fatto oggi i giocatori croati.

Primo successo in Croazia e ritorno in Germania

Nel 2008 è iniziata la corsa al titolo per l’attaccante. Dopo essere passato alla Dinamo Zagabria nel 2007, Mandžukić ha vinto il campionato e la coppa croata un anno dopo. Ha anche fatto la sua prima apparizione in nazionale in Coppa UEFA per Zagabria. Poi nel 2010 è tornato in Germania. Mandžukić si è trasferito al VfL Wolfsburg per sette milioni di euro. L’attaccante è stato con i Wolves per due anni e ha segnato 20 gol in 56 partite.

Nel giugno 2012 si è unito Mandžukić Baviera e premere direttamente: Nella sua prima partita competitiva nella DFL Supercup contro il BVB, l’attaccante ha segnato il suo primo gol. Il croato ha segnato una doppietta contro l’SSV Jahn Regensburg nel primo turno della DFB Cup e Mandžukić ha vinto anche nella prima partita della Bundesliga. Il risultato del titolo concorda con questo: alla 28a giornata era con il Bayern Campioni tedeschi, oltre a vittorie in Champions League e in Coppa DFB.

“La Baviera e il rapporto con i tifosi sarà sempre la storia più bella ed emozionante della mia carriera”

Treble nella prima stagione, 33 gol in 54 partite, ma il tempo di Mandžukić a Monaco si è concluso con un gusto stantio. Il problema con l’allora allenatore del Bayern Pep Guardiola (51) è diventato chiaro: “È stata una decisione di Guardiola di non convocarmi per la finale di Coppa DFB. Inoltre, se guardi i fatti, non voleva che lo facessi. essere il capocannoniere, ecco perché non mi ha fatto giocare alla fine della stagione della Bundesliga”, ha detto Mandžukić.Nel 2014 si è trasferito all’Atlético Madrid.

Spagna, Italia e fine carriera

Dopo una stagione all’Atlético, Mandžukić è stato portato in Italia. Il croato è rimasto alla Juventus Torino per quattro anni, più a lungo di qualsiasi altro club. Ha segnato 44 gol in 162 partite competitive. Nel gennaio 2021, Mandžukić ha firmato un contratto stagionale con l’AC Milan nel suo ultimo turno. L’attaccante è rimasto però a reti inviolate in 11 partite con la maglia rossonera e si è ritirato il 3 settembre 2021 all’età di 35 anni.

33 gol in 89 partite internazionali, vicecampione del mondo 2018, vincitore della Champions League, più campioni di Germania, Italia e Croazia – Mario Mandžukić ha ottenuto quasi tutto nel calcio professionistico.

Ingrandire

Mario Mandžukić, Cristiano Ronaldo (n.) & Co. alla cerimonia di premiazione del campionato italiano

foto: AFP

E oggi?

Pochi mesi dopo aver giocato la sua ultima partita da calciatore professionista, l’ex stella del Bayern ha potuto trovare un nuovo lavoro: in futuro, Mandžukić sosterrà la nazionale croata come vice allenatore Zlatko Dalic (55). “Molte grazie all’allenatore Dalic e al presidente Kustic per la fiducia – abbiamo concordato molto facilmente, cosa che non vedevo l’ora”, ha detto il 36enne alla fine dello scorso anno.

Temuto dagli avversari dell’epoca per il suo stile di gioco forte e fisico, oggi da allenatore in disparte – una prosecuzione di successo di una carriera eccezionale.

Un emozionante addio al calcio professionistico: Mandžukić ha parlato con se stesso da giovane e ha ripercorso brevemente la sua carriera.

Un piccolo sorriso alla fine: “PS: se hai mai giocato con l’Inghilterra in un Mondiale, preparati al 109° minuto ;-)”, in base al gol della vittoria nella semifinale del Mondiale 2018 contro l’Inghilterra al 109° minuto . gioco.

Gerardo Lucchesi

"Esploratore hardcore. Fanatico della musica hipster. Studioso del caffè malvagio. Appassionato sostenitore della tv."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.