Cinture e ruote d’acciaio al posto degli zoccoli dei cavalli: Trasformazione della cavalleria in carri armati (1)

Tutti i soldati entrarono nella prima guerra mondiale con fiducia illimitata nell’efficacia della cavalleria. Le prime settimane di conflitto sembravano dimostrare che avevano ragione: squadrone corrono in prima linea, ottenendo informazioni preziose e diffondendo il caos dietro il nemico. Tuttavia, una volta che il campo di battaglia è stato “dirottato” dalle linee di trincea, i cavalieri hanno perso la maggior parte dei loro doveri tradizionali. Mentre le posizioni fortificate cercavano di esaurirsi, il fuoco delle mitragliatrici le respinse con una sanguinosa perdita. Con il progredire della guerra, l’importanza della motorizzazione divenne sempre più chiara e la mancanza di mezzi di trasporto, ad esempio, fu una delle ragioni del crollo dell’offensiva tedesca nella primavera del 1918.

sopravvissuto?

I motori a motore sono stati utilizzati non solo durante il trasporto, ma hanno anche assunto altri ruoli di cavalleria – per esempio, le auto blindate con armamenti di mitragliatrice hanno molte più possibilità di condurre ricognizioni e tornare sani e salvi alla base. Una volta raggiunta la pace, la tendenza iniziata è inarrestabile e i muscoli degli animali da traino sono sempre più sostituiti da unità di locomozione.

A causa della somiglianza dei compiti, le unità corazzate e motorizzate conservavano molti elementi della cavalleria originale e spesso gli animali e le macchine venivano serviti insieme. Si tratta però di una convivenza problematica e contraddittoria. A volte i cavalieri approfittavano felicemente della collaborazione con l’armatura, altre volte la vedevano come una competizione indesiderata.

Dimmi dove sono quei tempi

Il passaggio da conducente a conducente è stato un lungo viaggio per un altro motivo. I generali più anziani e tradizionalisti, detestando l’innovazione tecnica, spesso rimasero in posizioni chiave, ricordando con nostalgia i giorni delle spade scintillanti e degli zoccoli tuonanti. Nella maggior parte degli eserciti, il pieno arrivo della cavalleria motorizzata non avvenne fino alla seconda metà degli anni ’30 e spesso fu imposto in modo definitivo solo da alcune azioni di individui dalla mentalità progressista.

Alla fine, la maggior parte delle unità di cavalleria si trasformò in unità di fanteria motorizzata trasportate da camion e armature. Un’altra possibilità è la sua trasformazione in una divisione del serbatoio. Tuttavia, alcune unità chiamate cavalleria mantennero i loro cavalli durante la seconda guerra mondiale – La cavalleria è utilizzata su scala più ampia, ad esempio nell’Armata Rossa o nelle forze armate di Romania, Polonia o Italia. Era presente anche in Germania, quando i gruppi di ricognizione di cavalleria operavano all’interno delle Waffen-SS.

francese conservatore

Spiegheremo la complessità della rinascita descritta nell’esempio delle forze armate di due forze. Cominciamo con la Francia, che ha prodotto di gran lunga il maggior numero di carri armati nel 1916-1918. Quindi sembra che sia più bravo degli altri a trasformare la cavalleria in un’unità corazzata. Tuttavia, i generali di mentalità conservatrice hanno continuato a decidere su armi e tattiche. Gli ufficiali dei carri armati, d’altra parte, non hanno lo status appropriato e la loro autorità termina nell’unità in cui prestano servizio.

SUGGERIMENTO: Mostri al microscopio: qual è stato il miglior carro armato della Grande Guerra?

Tuttavia, durante gli anni ’20, il numero di battaglioni e reggimenti di carri armati aumentò gradualmente. Tuttavia, rimasero frammentati tra le formazioni di fanteria, i cui membri assisteranno nell’eliminazione dello scoppio della resistenza. Tempi migliori iniziarono a brillare solo nell’estate del 1939, quando fu emesso un ordine per collegare i reggimenti di carri armati. (essere amministrativo piuttosto che sul campo) alla brigata.

Continuazione: Cinture e ruote d’acciaio al posto degli zoccoli dei cavalli: Trasformazione della cavalleria in carri armati (2) (pubblicato venerdì 18 febbraio)

Rodolfo Cafaro

"Inguaribile piantagrane. Professionista televisivo. Sottilmente affascinante evangelista di Twitter. Imprenditore per tutta la vita."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.