Chi era l’ex Brigata Rossa richiesta dall’Italia?

MESSA A FUOCO – La Corte d’Appello di Parigi ha terminato oggi l’esame delle richieste di estradizione di nove ex attivisti di sinistra ricercati dall’Italia.

I ricordi delle Brigate Rosse divennero sempre più amari lasciando presto il suo record finale? Mentre la Francia decide di procedere con il ritorno in Italia di diversi criminali e terroristi di sinistra, mercoledì 30 giugno la Corte d’Appello di Parigi esamina le pratiche di estradizione di Giovanni Allemonti, Luigi Bergamin, Giorgio Pietrostefani e Raffaele Ventura. La scorsa settimana la corte ha preso in esame Marina Petrella, Roberta Cappelli, Sergio Tornaghi, Narciso Manenti, Enzo Calvitti. Tutti sono stati condannati in Italia per coinvolgimento in omicidi terroristici durante gli anni della leadership, tra la fine degli anni ’60 e l’inizio degli anni ’70.Per quarant’anni sono stati rilasciati sotto il controllo dei tribunali. Il caso ha fatto notizia sulla stampa italiana, con la maggior parte delle aziende transalpine che ne ha approvato il ritorno in tribunale.

La questione della priorità di costituzionalità è stata sollevata durante la prima udienza e il fascicolo è stato archiviato fino al 29 settembre. Chiesto da Le FigaroMe William Julié, procuratore dello Stato italiano, ha evidenziato che il QPC presentato dalla difesa era finora discutibile”il sistema francese è progettato per essere equilibrato. Difende pienamente la sovranità della giustizia francese“, che temono gli avvocati dell’ex Brigata Rossa.

Durante la prima sessione ispettiva sono state avanzate richieste di informazioni aggiuntive all’Italia. “Quella (Paese Italia, ndr) risponderà senza problemi», disse il signor Julie, per il quale «l’importante è che ci sia un trasferimento di questi fascicoli al tribunale francese“, un processo “legale e non discrezionale come inteso qui o là. Quello politico è se la decisione di estradizione sia firmata dopo la fase giudiziariaAl contrario, Jean-Louis Chalanset, avvocato di Enzo Calvitti, ex Brigata Rossa, ha denunciato nei giorni scorsi un intervento politico, con «Parola francese tradimento“, prendendo di mira il ruolo di Emmanuel Macron:”C’è una parte della politica interna. Vuole rafforzare la sua destra e la sua estrema destra».

Chi sono i militanti rivendicati dall’Italia?

Delle nove persone coinvolte, cinque erano membri diretti delle Brigate Rosse. Infine, è attualmente ricercato un decimo attivista.

Marina PETRELA : nato a Roma il 23 agosto 1954, ex dirigentecolonna romanadelle Brigate Rosse doveva essere estradato alla fine del 2008, ma il presidente Nicolas Sarkozy ha bloccato il decreto per motivi di salute. Lasciandosi morire, fu poi ricoverato in ospedale in psichiatria. “Prenderanno solo il mio cadavereaveva detto a suo marito.

Rifugiato in Francia dal 1993, questo assistente sociale è rivendicato dall’Italia per l’ergastolo, compreso il coinvolgimento nell’omicidio di Sebastiano Vinci, commissario di polizia, il 19 giugno 1981 a Roma, e per il tentato rapimento nel 1982 di un vice di polizia capo, Nicola Simone.

Questo residente di Saint-Denis, a nord di Parigi, che ha riacquistato la salute, mercoledì si è opposto alla sua estradizione, citando i suoi 30 anni di esilio in Francia”,forma eterna di redenzione», «nessuna sanzione».

Roberta Cappelli: è nato a Roma il 5 ottobre 1955. Questo brigadiere è stato condannato all’ergastolo, in particolare per “associazione a scopo terroristico” e a “grave omicidio». Fu ritenuto corresponsabile degli omicidi del generale Galavigi a Roma nel 1980 e del commissario Vinci l’anno successivo, nonché dell’ufficiale di polizia Michele Granato nel novembre 1979″.Voglio ringraziarvi per questo benvenuto in Franciadice l’educatore speciale che vive a Parigi da decenni.

Sergio TORNAGHI: nato a Milano il 24 marzo 1958. Ex Brigata Rossa, esponente della colonna milanese detta Walter Alasia, accusato di aver partecipato all’omicidio di un industriale milanese, Renato Briano, nel novembre 1980. Condannato all’ergastolo. “Le accuse contro di me sono infondate“, ha detto alla corte d’appello. Nel 1986 e nel 1996, i tribunali francesi hanno emesso due volte pareri sfavorevoli sulla sua estradizione. È divorziato e padre di tre figli.

Narciso MANENTI: nato il 22 novembre 1957 a Telgate, in provincia di Bergamo. Membro di “Nucleo armato per il potere controterritoriale“, che ha rivendicato gli attentati del 1978 e del 1979, è stato condannato all’ergastolo nell’omicidio del marzo 1979 di un poliziotto, Giuseppe Gurrieri. Rifugiato in Francia, ha sposato un francese nel 1985.

Giorgio Pietrostefani: nato il 10 novembre 1943 a L’Aquila. Ex leaderContinuare a lottare“, movimento operaio marxista, è stato condannato a 14 anni di reclusione per il suo ruolo nell’omicidio del 1972 a Milano di Luigi Calabresi, questore di polizia. Dopo aver ricevuto il trapianto di fegato, le sue condizioni hanno richiesto il ricovero in ospedale ogni tre mesi, ha detto alla corte. “Non può esistere un’area illegale per chi uccideha reagito su Twitter il giornalista Mario Calabresi, figlio dell’assessore. Ma non posso avere la soddisfazione di vedere un vecchio malato messo in prigione per così tanto tempo” fatto.

Giovanni ALIMONTI: nato a Roma il 30 agosto 1955. Condannato, tra l’altro, per il tentato sequestro del viceprefetto Simone nel 1982, così come Marina Petrella. Rischia 11 anni e mezzo di carcere per “partecipazione a banda armata” e “associazione a scopo terroristico».

Enzo CAVITTI: nato a Mafalda il 17 febbraio 1955. Anche lui membro delle Brigate Rosse, è stato condannato a 18 anni di reclusione per il reato “associazione a scopo terroristico” e “partecipazione a banda armataSecondo il suo avvocato, l’uomo sposato vive in Francia con un permesso di soggiorno e si è ritirato dalla psicoterapia l’anno scorso.

Luigi BERGAMIN : italiano nato nell’agosto del 1948 a Cittadella, vicino a Padova, è un ex attivista del gruppo Prima Linea. La sua estradizione fu rifiutata da un tribunale francese all’inizio del 1990. Antonio Santoro, funzionario penitenziario, fu assassinato a Udine nel giugno 1978 da Cesare Battisti.

Raffaele VENTURA : nato il 25 ottobre 1949, questo ex membro della Formazione dei Combattenti Comunisti, secondo la giustizia italiana, è stato condannato a 24 anni di carcere per il suo coinvolgimento nell’omicidio, nel maggio 1977, di un agente di polizia, Antonio Custra, a Milano. Il direttore 71enne afferma, al contrario, di essere stato membro del movimento”Autonomia dei lavoratori», «che non ha mai sostenuto la lotta armataNaturalizzato in Francia nel 1986, rinuncia alla cittadinanza italiana.

• L’uomo ancora ricercato è Maurizio DI MARZIO. L’ex capo delle Brigate Rosse, 60 anni, è stato arrestato a Parigi nel 1994 su richiesta dell’Italia. Condannato a 18 anni di reclusione, anche per il suo ruolo, insieme a Marina Petrella e Giovanni Alimonti, nel tentativo di rapire il viceprefetto Simone.

Rodolfo Cafaro

"Inguaribile piantagrane. Professionista televisivo. Sottilmente affascinante evangelista di Twitter. Imprenditore per tutta la vita."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.