Cechi vulnerabili. Senza il gas russo, c’è il rischio di una profonda recessione

L’Unione Europea ha preparato un settimo pacchetto di sanzioni contro la Russia per l’invasione dell’Ucraina. Anche in questo caso, come nei sei casi precedenti, le misure economiche pratiche non comporteranno l’importazione di gas naturale russo.

Tuttavia, la minaccia di tagliare le forniture di materie prime essenziali non è diminuita. Questa volta, il presidente russo Vladimir Putin lo ha minacciato. Se chiudesse completamente i gasdotti verso l’Europa, alcuni paesi dell’UE sarebbero a rischio di una grave recessione, secondo i calcoli degli economisti del Fondo monetario internazionale (FMI). Non saranno in grado di fornire un compenso adeguato.

Analisi FMI lavorare con diversi scenari, mentre i più drammatici calcolano l’effetto sulle economie dei paesi dell’UE nei prossimi dodici mesi proprio nel caso di una cessazione a lungo termine e totale della fornitura di Gazprom all’UE. In che modo alcuni paesi sentono che il pollo si stringe anche prima dell’inverno?

Gli economisti del FMI hanno calcolato che l’Irlanda, la Spagna, il Portogallo, la Svezia e la Danimarca sarebbero uscite al meglio dalla crisi del gas. La loro dipendenza dal gas russo è così piccola che non dovrebbero avere grossi problemi a gestire le interruzioni.

Anche Francia, Paesi Bassi e Belgio subiranno un colpo limitato. Hanno una capacità di importazione sufficiente sotto forma di un terminale di importazione di GNL, che potrebbe essere ulteriormente aumentata. Ad esempio, secondo il FMI, la Francia eviterebbe una recessione economica anche nello scenario più oscuro; in altri paesi, il declino economico sarebbe quindi di circa l’uno per cento.

In una certa misura, anche i paesi dell’Europa meridionale saranno in grado di superare le restrizioni sui flussi di gas dalla Russia. Ad esempio, la Romania potrebbe compensare il deficit aumentando la propria produzione di gas naturale. Il gasdotto porta in Bulgaria attraverso la Grecia e la Turchia; inoltre, l’economia locale non dipende da queste materie prime come altri paesi europei.

Ma le buone notizie più o meno finiscono qui. Austria e Germania si troveranno in una situazione molto difficile. Negli ultimi anni entrambi i paesi hanno scommesso troppo sulla carta russa e, anche dopo la parziale sostituzione delle importazioni, saranno a corto di carburante. Pertanto, il FMI ha attribuito loro – sempre nella sua versione più drammatica – una flessione economica di quasi il tre per cento. La situazione è ancora peggiore per l’Italia, che in queste condizioni sarebbe minacciata da una riduzione del 5,7 per cento del PIL.

Tuttavia, il FMI prevede la peggiore crisi nell’Europa centrale e orientale. La Repubblica Ceca, la Slovacchia e l’Ungheria dipendono quasi interamente dalle importazioni dalla Russia. Inoltre, trasportano gas attraverso altri paesi (Germania, Austria e Italia). Fondamentalmente dipenderanno interamente dalla solidarietà di cui sopra e dalla volontà di condivisione dei paesi vicini.

Cadrà anche nella recessione più profonda. Se la solidarietà tra i paesi europei non funziona, nel caso dell’Ungheria, l’FMI raggiunge meno il 6,5 per cento, il PIL della Slovacchia crollerà del 5,7 per cento e l’economia ceca crollerà del 5,4 per cento. Anche se i paesi vicini fossero disposti a condividere, tuttavia, non sfuggirebbero alla recessione, tuttavia, sarebbe “solo” circa la metà.

Franco Fontana

"Fanatico della musica amatoriale. Ninja dell'alcol. Piantagrane impenitente. Appassionato di cibo. Estremamente introverso. Nerd di viaggio certificato."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.