Carlo Ancelotti annuncia il suo ritiro dopo aver finito di allenare il Real Madrid

Italiano Carlo Ancelottitecnico da Real Madrid, Ha assicurato che si sarebbe ritirato dopo la fine del suo periodo con la squadra bianca, una decisione che credeva avesse senso perché Real Madrid “Questo è l’apice del calcio”.

“Questa tappa a Madrid ha posto fine alla mia carriera. Dopo che la mia squadra bianca se n’è andata. Il Madrid è l’apice del calcio, ha senso chiudere questa esperienza qui”, lo ha spiegato in un’intervista a ‘Il Messaggero’ pubblicata questo sabato.

Dopo aver vinto la Supercoppa Europea, Ancelotti ha un totale di 24 trofei da allenatore: “Non sono dell’umore giusto per creare un account. Lo farò alla fine della mia carriera, quando avrà senso tenere traccia del mio lavoro”.

Dopo aver nominato ‘Decimocuarta’, l’allenatore italiano non ha perso il suo vantaggio competitivo ed è chiaro sui suoi principali obiettivi per la stagione: “I ‘Campioni’. Per la sua storia e il livello di difficoltà. La dimensione del Madrid è questa. Questo è un club speciale per questa competizione europea”.

E ha spiegato che lo spogliatoio è una squadra “sana”, con “giocatori umili” e dove regna la “componente umana”.

“Il Madrid è una squadra seria, con giocatori umili che anche le stelle possono sentire. Il gruppo è sano, ben gestito dai più esperti: Modric, Casemiro, Benzema. La sua qualità è innegabile. Non basterà a garantire risultati e trofei: la componente umana è fondamentale e questo Real è davvero unico sotto questo aspetto”, ha assicurato.

Per quanto riguarda il campionato che inizia questo fine settimana, ‘Carletto’ lo vede più equilibrato rispetto alla scorsa stagione.

“Combattendo più dell’anno scorso, il Barcellona si rafforza. Il Siviglia è ancora competitivo, anche dopo la partenza e l’Atlético è solido. A Bilbao ci sono allenatori esperti come Valverde e il Valencia di Gattuso portano la città e una storia importante”, disse.

Inoltre, ha apprezzato l’arrivo sulla panchina della Roma del compagno portoghese José Mourinho, con il quale ha rivelato di tenersi in contatto: “Mourinho è entrato molto bene nella storia della Roma. Si parla tanto, si mandano messaggi. La Roma ha bisogno di un allenatore come lui e lui ha bisogno dell’affetto di una squadra come la Roma”.

I Mondiali del Qatar 2022, che si giocheranno a novembre e dicembre, sconvolgeranno per la prima volta il campionato nazionale, cosa che ha creato incertezza tra gli allenatori, che non sanno come torneranno i loro giocatori dopo il torneo. Ancelotti ha ammesso più preoccupato per la condizione mentale che fisica.

“Il post mondiale è un vero punto interrogativo. Il problema principale non è la preparazione da fare, ma l’aspetto mentale. Di solito dopo un torneo di questo livello i giocatori vanno in vacanza, ma questa volta devono andare tornare alla base e tornare al lavoro. Non moriranno ed ecco la vera domanda: come sarà la loro salute fisica e mentale quando ricominceranno i campionati?”Egli ha detto.

L’allenatore italiano è chiaro sul suo impegno per alzare questa coppa del mondo: “Brasile e Francia sono le squadre più forti, quindi dico Argentina, c’è sempre Messi”, anche se si concentra sulle altre tre opzioni.

“La Spagna è un altro grande Paese da tenere d’occhio. Aggiungo Inghilterra e Germania, le squadre che hanno avviato il processo di rinnovo”, punito.

Rodolfo Cafaro

"Inguaribile piantagrane. Professionista televisivo. Sottilmente affascinante evangelista di Twitter. Imprenditore per tutta la vita."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.