Capo dell’MI6: il controllo dell’intelligenza artificiale da parte degli avversari occidentali potrebbe avere gravi conseguenze

“I nostri avversari stanno spendendo denaro e ambizione per padroneggiare l’intelligenza artificiale, l’informatica quantistica e la biologia sintetica perché sanno che padroneggiare queste tecnologie darà loro un vantaggio”, ha citato Moore nel suo primo discorso pubblico in cui è entrato in carica nell’ottobre 2020.

L’ex diplomatico Moore ha aggiunto che i progressi tecnologici nel prossimo decennio potrebbero superare tutti i progressi del secolo scorso. “Come azienda, non siamo ancora consapevoli di questo fatto grave e del suo potenziale impatto sulla geopolitica globale. Tuttavia, è un argomento per l’MI6”, ha affermato.

Secondo l’AP, Moore ha anche affermato che la più grande priorità dell’intelligence per l’MI6 è la Cina, che sta intraprendendo azioni “audaci e decisive” per sostenere i suoi interessi. Ha anche avvertito che Pechino, essendo troppo sicura di sé, potrebbe essere giudicata male dalle intenzioni occidentali. Secondo lui, sopravvalutare la forza di Pechino potrebbe sfociare in una guerra.

Secondo Moore, la Gran Bretagna continua a “affrontare una grave minaccia dalla Russia” cercando di uccidere la Gran Bretagna, come nell’avvelenamento dell’ex spia Sergei Skripal nel 2018, lanciando attacchi informatici e interrompendo i processi democratici in altri paesi. “Nessun paese in Europa e oltre sarebbe tentato di pensare che concessioni ineguali alla Russia fornirebbero un trattamento migliore”, ha aggiunto Moore.

Rodolfo Cafaro

"Inguaribile piantagrane. Professionista televisivo. Sottilmente affascinante evangelista di Twitter. Imprenditore per tutta la vita."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.